Keystone
SVIZZERA
03.02.19 - 15:550
Aggiornamento : 16:28

Un week end di neve in tutta la Svizzera

La Svizzera centrale ha registrato la quantità maggiore di neve posatasi nella notte. Registrati alcuni disagi

COIRA - La Svizzera si è svegliata questa mattina coperta da un sottile manto di neve.

A San Gallo si sono registrati numerosi incidenti, la maggior parte dei quali senza danni. Un persona è rimasta ferita. Diversi automobilisti hanno perso il controllo dei loro veicoli, perché non hanno adattato la velocità alle condizioni stradali, informa un comunicato della polizia cantonale sangallese. Complessivamente vi sono stati 13 sinistri, uno dei quali causato da una persona che circolava con pneumatici estivi. Diverse strade hanno dovuto essere chiuse alla circolazione e hanno quindi provocato colonne. Una 31enne è rimasta leggermente ferita sull'autostrada A1, in località di Henau, dopo aver sbandato ed essere andata a finire contro il guardrail.

50 centimetri nella regione del Pilatus - La Svizzera centrale ha registrato la quantità maggiore di neve posatasi nella notte tra ieri ed oggi, ha riferito Roger Perret di MeteoNews a Keystone-ATS. Nella regione del Pilatus, a oltre 1000 metri, ne sono caduti fino a 50 centimetri. In pianura ha invece piovuto.

Questa mattina l'altopiano era coperto di una decina di centimetri di neve fresca, dagli 800 ai 1000 metri addirittura da 20 fino a 50 centimetri. Ma queste quantità non sono paragonabili con le nevicate verificatesi in gennaio, ha detto Perret.

Sul San Gottardo, in Prettigovia, in Vallese e nel canton Glarona la coltre di neve è attualmente di oltre due metri e supera la media stagionale. Nella notte, lungo le Prealpi si sono aggiunti altri 10-15 centimetri. Il sole farà però presto il suo ritorno in tutta la Svizzera.

Interruzioni circolazione treni in Engadina - Nella notte tra venerdì e sabato in Val Bregaglia e in Alta Engadina sono caduti 70 centimetri di neve, ha riferito ieri Urs Graf di Meteo Svizzera. Per motivi di sicurezza legati alle forti nevicate, la Ferrovia retica (RhB) ha dovuto chiudere la linea del Bernina per tutta la mattina.

Il pomeriggio, a causa del rischio di valanghe nella valle dell'Albula la RhB ha dovuto bloccare la circolazione dei treni tra Bergün e Filisur dalle 16 fino al termine dell'esercizio.

A12 bloccata - Disagi si sono registrati nella notte anche al traffico stradale: venerdì sera l'autostrada A12 è stata chiusa alla circolazione per diverse ore tra Châtel-St-Denis (FR) e Vevey (VD).

Forti nevicate e piogge hanno compromesso anche le condizioni di diverse strade del canton Friburgo, indicava ieri un comunicato delle forze dell'ordine cantonali. Alcuni tratti dell'autostrada hanno dovuto essere chiusi per consentire lo sgombero della neve, ma intorno alla mezzanotte la situazione è tornata alla normalità.

Ticino imbiancato - Il manto bianco ha ricoperto nel fine settimana anche in Ticino. Il cantone ne aveva bisogno visto che in dicembre e gennaio a Lugano si sono registrate solo il 10% delle abituali precipitazioni, indica SRF Meteo sul suo sito internet. In pianura la neve non è però rimasta a lungo, secondo SRF Meteo: il suolo era troppo caldo.

Secondo l'Istituto per lo studio della neve e delle valanghe (SLF) di Davos (GR), il pericolo di valanghe rimane elevato - grado 4 su una scala di 5 - nei Grigioni in Val Poschiavo, Bregaglia, Val Müstair e nella zona tra il passo dell'Oberalp e San Bernardino. Il pericolo di valanghe è notevole anche nel resto delle Alpi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVITTO
1 min
Casa anziani lancia un appello per personale immediato
La casa di riposo Rubiswil è alla ricerca d'infermieri e «mani in grado di aiutare»
BERNA
9 min
Coronavirus: Consiglio federale col freno a mano tirato «per paura di critiche»
Secondo il SonntagsBlick, il governo tentennerebbe per timore dell'accusa di voler istituire una "Corona-Diktatur".
SVIZZERA
1 ora
«Il personale di terapia intensiva è già esausto»
Dopo gli applausi della scorsa primavera, il nulla. Turni da 12 ore al giorno, «ma ci sentiamo abbandonati».
SVIZZERA
12 ore
Il Palazzo delle Nazioni s'illumina per l'ONU
Anche il Jet d'eau sarà illuminato di blu: si celebra l'anniversario delle Nazioni Unite
SOLETTA
12 ore
«Più di tre ore per fare il tampone»
«La coda diventava sempre più grande» spiega una testimone
SVIZZERA
15 ore
«Si sarebbe dovuto agire già in estate»
C'è chi vede il 29 giugno come il giorno in cui si sarebbe dovuto iniziare a fare qualcosa, come l'epidemiologo Althaus
SVIZZERA
17 ore
«Eravamo sovraccarichi già due settimane fa»
Dall'elaborazione dei dati, al supporto a chi si trova in quarantena. Un contact tracer racconta il suo lavoro.
SVIZZERA
17 ore
Bloccati un'ora e mezza in galleria
I viaggiatori di un treno diretto da Zurigo a Lucerna sono rimasti bloccati per circa un'ora e mezza
SVIZZERA
17 ore
Coronavirus: «Senza programmabilità gli approvvigionamenti sono a rischio»
L'associazione Commercio Svizzera chiede al Consiglio federale chiarezza sugli scenari da attendersi.
SVIZZERA
20 ore
Ueli Maurer preoccupato per la repressione del dissenso
Il ministro delle finanze ha parlato di tendenze «pericolose per la democrazia» all'Assemblea dei delegati UDC
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile