Depositphotos
VAUD
04.12.18 - 21:140
Aggiornamento : 22:24

Ricatti online per ottenere scatti di nudo: condannato

Il 33enne portoghese dovrà scontare 4 anni e non potrà rientrare in Svizzera per 8 anni

VEVEY - Un 33enne è stato condannato oggi a quattro anni di carcere dal Tribunale criminale di Vevey (VD). Il portoghese, che aveva ricattato due donne contattate su Internet per ottenere foto di loro nude, verrà anche rispedito in patria e non potrà mettere piede in territorio elvetico per otto anni.

L'imputato, riconosciuto colpevole di estorsione qualificata, stupro e coazione sessuale, aveva usato lo stesso modus operandi per le due vittime, provenienti dalla regione dello Chablais. La procura chiedeva sette anni di reclusione e l'espulsione obbligatoria dalla Svizzera per 15 anni.

La prima ragazza era stata approcciata nell'estate del 2016 su un sito di incontri. Nascosto dietro a un falso profilo, l'allora 31enne, padre di tre bambini, era riuscito a farsi inviare una sua foto svestita. Intimidendo la donna prospettandole la diffusione dell'immagine, era poi stato in grado di farsene spedire diverse altre.

Ma le minacce sono andate oltre: se si fosse rifiutata di andare a letto con lui, l'uomo si sarebbe vendicato trasmettendo gli scatti a molte persone, tra cui la famiglia della donna e i suoi colleghi di lavoro. «Era solo per spaventarla», si è giustificato il cittadino lusitano ieri davanti alla Corte criminale di Vevey.

In totale, fra l'autunno 2016 e l'inizio del 2017, la giovane ha raggiunto l'uomo in un parcheggio di Ollon (VD) almeno a sei riprese: questi la portava in auto nel bosco, dove consumavano un rapporto sessuale. La vittima ha affermato di essere stata consenziente solo nel primo caso, aggiungendo che il suo persecutore si rifiutava di usare il preservativo.

La donna è arrivata perfino a versare 1400 franchi all'imputato fra giugno e luglio 2017, per evitare che questi tappezzasse le strade di Monthey (VS) con le immagini compromettenti. Dopo altri episodi di foto e video consegnati all'oggi 33enne sotto minaccia, la giovane, all'ennesimo tentativo di estorcerle migliaia di franchi, ha infine sporto denuncia.

La seconda donna coinvolta, a sua volta di nazionalità portoghese, aveva conosciuto l'uomo, sempre sotto falsa identità, su Facebook nel settembre 2016. La ragazza, convinta da una foto ritraente un uomo avvenente senza maglietta, che il suo connazionale aveva però trovato in rete, aveva contraccambiato inviandogli suoi nudi.

Come nella precedente situazione, spaventata dalle minacce di divulgazione delle immagini, la donna aveva incontrato l'uomo in un parcheggio, questa volta ad Aigle (VD). I due avevano avuto un rapporto, fatto che nei mesi successivi si era ripetuto. Quando le intimidazioni sono diventate di tipo fisico, la giovane ha sporto denuncia. Il portoghese si trovava però già in carcere per il caso precedente: a oggi sono 15 i mesi che ha già passato in detenzione preventiva.

Franz Moos, presidente del tribunale, ha ritenuto il rischio di recidiva debole per gli atti di ordine sessuale, ma ha evidenziato la grave colpevolezza, il funzionamento relazionale perverso e l'intelligenza limitata dell'uomo.

Durante il processo, l'imputato ha ammesso gran parte dei fatti. «Mi rendevo conto che stavo facendo qualcosa di grave, ma non credevo che ci sarebbero state conseguenze penali», ha detto, precisando però che le minacce erano proferite unicamente via messaggio, mentre di persona il clima era disteso e c'era rispetto da parte sua. Un accordo finanziario è stato trovato con le due donne, che riceveranno 13'000 franchi a testa. In più, alla prima, saranno restituiti i 1400 franchi estorti. Entrambe le parti hanno lasciato aperta la possibilità di inoltrare ricorso contro la sentenza.

TOP NEWS Svizzera
GRIGIONI
6 ore
Brienz ogni anno scende a valle di un metro, il Cantone: «Vi aiuteremo»
La frazione grigionese abitata da un centinaio di anime si sposta in maniera costante, le autorità: «Situazione particolare»
SVIZZERA
7 ore
Noi i canali della Srg/Ssr sul digitale terrestre non li vediamo più, ma in Austria...
Ci riescono ancora (e pure in chiaro) grazie agli sforzi di un'emittente privata e il nullaosta dell'Ufcom: «Il blackout era dispiaciuto a tanti»
BERNA / RUSSIA
10 ore
Maurer e Putin concordano una cooperazione più stretta
Gli argomenti trattati? Relazioni bilaterali, temi economici e impegno politico della Svizzera a favore della pace
FOTO
SVIZZERA
11 ore
Prima di Rytz, le altre candidature "verdi" al Consiglio federale
La prima presentata ufficialmente fu quella di Cécile Bühlmann nel 2000 per subentrare ad Adolf Ogi
SONDAGGIO
BERNA
14 ore
Regula Rytz: «Pronta al Consiglio federale» e "punta" al posto di Cassis
La presidente dei Verdi svizzeri: «Plr? Un partito ampiamente sovrarappresentato» e propone una nuova "formula magica"
VAUD
15 ore
Assalti ai furgoni blindati: «Finché sulle strade gireranno certe somme...»
Canton Vaud nel mirino delle bande francesi: Un criminale di Lione fornisce l'identikit del rapinatore tipo: «Ha tra i 28 e i 42 ed ha un passato migratorio e spesso proviene dal Maghreb»
SVIZZERA
18 ore
Ruag International: ingresso in Borsa «probabilmente» nel 2023
Le attività di cyber-sicurezza del gruppo detenuto dalla Confederazione si trovano invece già in piena fase di cessione
FOTO
BASILEA CAMPAGNA
19 ore
Si accorge tardi del bimbo sulle strisce, bus provoca 4 feriti
L’incidente è avvenuto nel tardo pomeriggio di ieri a Bottmingen. Due persone sono state portate in ospedale
SVIZZERA
20 ore
Leuthard nel Cda del produttore di treni Stadler
L'ex Consigliera federale sarà eletta all'assemblea generale del 30 aprile prossimo: «Grazie alle sue competenze in materia di traffico e la sua esperienza politica rappresenta una risorsa importante»
SVIZZERA
22 ore
Quando la mamma ti stalkera sui social
E lo fa per proteggerti (dice) ma poi ti controlla anche il look. C'è chi lo trova ok, ma gli esperti sono categorici: «Piuttosto parlate con loro»
Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile