Keystone archivio
GINEVRA
03.07.18 - 12:090

41enne a giudizio per l'uccisione dell'amante

L'uomo, accusato di assassinio, avrebbe colpito la donna con 13 coltellate

GINEVRA - Un uomo di 41 anni, accusato di aver ucciso a coltellate l'amante nell'appartamento di quest'ultima nel gennaio 2016 a La Plaine (GE), è stato rinviato a giudizio davanti al Tribunale criminale di Ginevra, con l'accusa di assassinio.

La donna di 49 anni era stata trovata morta il 5 gennaio 2016 nel suo domicilio di La Plaine, al confine con la Francia. Il 12 il Ministero pubblico ginevrino aveva annunciato l'arresto nel canton Vaud di un uomo di 39 anni, di nazionalità svizzera.

Secondo il Ministero pubblico, l'imputato ha dapprima inferto alla donna una coltellata al collo, poi ha affondato la lama nel suo corpo altre 12 volte. Secondo quanto è stato appurato, l'uomo aveva una nuova compagna al momento del crimine. Secondo la pubblica accusa avrebbe ucciso l'amante per impedirle di rivelare la loro relazione intima a questa donna.

In una nota diramata oggi, il Ministero pubblico ginevrino indica di aver rinviato l'imputato a giudizio per assassinio, accusa più grave rispetto al semplice omicidio intenzionale, per l'assenza di scrupoli da lui dimostrata nel suo agire e per il movente particolarmente odioso. La data del processo non è stata ancora fissata.

TOP NEWS Svizzera
MAROCCO / SVIZZERA
2 ore

Turiste uccise, l'ispano-svizzero nega ogni coinvolgimento

Gli imputati sono accusati di "apologia del terrorismo", "costituzione di una banda per attentare all'ordine pubblico" e "aiuto premeditato ad autori di atti terroristici"

GINEVRA / GERMANIA
5 ore

Viaggia per 450 chilometri nascosto in un camion

Un gatto si è intrufolato in un camion in Germania. Si è ritrovato a Ginevra

ZURIGO
9 ore

Riacciuffato uno dei tre detenuti evasi dalla prigione dell'aeroporto

L'uomo è stato fermato intorno alle 22:00 nei pressi della piazza del Bellevue

GINEVRA
9 ore

In aereo sul Monte Bianco, il pilota svizzero rischia il ritiro della licenza

L'Ufficio federale dell'aviazione civile sta valutando una sanzione, anche se l'incidente è avvenuto su suolo francese

VAUD
11 ore

Recluta morì per arresto cardiaco, confermata la prescrizione

Il Tribunale federale ha respinto un reclamo dei genitori nei confronti di due medici militari che avevano dichiarato il giovane valido per il servizio nonostante i problemi di cuore

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report