Immobili
Veicoli
20 Minuten
ISLANDA / SVIZZERA
08.11.17 - 21:070
Aggiornamento : 22:55

«È stata la paura a mantenerci in vita»

La testimonianza di Dario Schwörer, il padre di famiglia grigionese che con la propria imbarcazione è stato investito da un violentissimo uragano

AKUREYRI - «Un uragano si è abbattuto su di noi», spiega a 20 Minuten Dario Schwörer. Con la moglie e i sei figli, da 18 anni il grigionese sta girando il mondo a bordo della sua barca a vela per tutelare l’ambiente. La famiglia è stata sorpresa da una violentissima tempesta nel porto di Akureyri, nel nord dell’Islanda.

Poco dopo la mezzanotte di lunedì l’imbarcazione è stata investita da un vento burrascoso e tanta pioggia. «Eravamo preparati alle tempeste». I grigionesi avevano intenzione di trascorrere l’intero inverno nel porto. Per questo motivo avevano assicurato il natante con parecchie funi. Ma queste non hanno retto alla furia della natura. «Le corde si strappavano come se fossero cavetti sottili», spiega il 48enne.

La famiglia è stata in grado di riprendere la navigazione e raggiungere il molo più vicino. Ma il tragitto della “Pachamama” (il nome della barca) non è stato dei più agevoli, il natante è infatti stato sballottato contro i piloni di cemento del porto. «Ancora una volta e affondiamo», ha pensato il padre in quei terribili attimi. «È stata la paura a mantenerci vivi in quella situazione». Tutta la famiglia ha infatti reagito «come un orologio svizzero» in quel momento. «Le nostre mani hanno manovrato le pompe all’unisono per evitare che la barca affondasse».

I soccorsi hanno potuto intervenire solo quando la tempesta si è indebolita. Salvando i bambini. Ma lasciare l’imbarcazione è stato un trauma. «È come se fosse la nostra migliore amica. Tutti i nostri figli sono nati su di essa», continua Schwörer fra le lacrime. «È stato incredibile per quanto tempo ha resistito la nostra nave».

Anche il sindaco di Akureyri ha voluto aiutarci subito dopo il disastro. «Una ditta di spedizioni ci ha fornito dei container in cui accatastare i nostri beni». La famiglia andrà invece a vivere da dei conoscenti. Fino a mercoledì, il padre di famiglia ha agito come un’automa. Poi finalmente si è lasciato andare. E sono scese le prime lacrime. Per la famiglia, infatti, la nave non è solo una casa, ma pure uno strumento per raggiungere i propri obiettivi. I propri progetti. «La aggiusteremo».

Per rimettere in acqua il loro natante gli Schwörer hanno deciso di lanciare una raccolta fondi. «Vogliamo che la “Pachamama” abbia ancora un futuro dopo di noi. Vogliamo lasciare la barca ai nostri figli».  

20 Minuten
Guarda le 3 immagini
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO / QATAR
1 ora
Il boss della FIFA ora vive in Qatar
In attesa dei Mondiali, in novembre, Gianni Infantino si è trasferito nell'emirato da ottobre.
SVIZZERA
2 ore
Quando al rifiuto dell'imbarco segue la violenza
Nel 2021 si sono moltiplicati gli episodi di passeggeri in escandescenza, anche all'aeroporto di Zurigo
SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore
Lavorare quattro giorni alla settimana con lo stesso stipendio
È così in alcune grandi aziende internazionali. Ma alcune piccole imprese elvetiche stanno sperimentando il modello
VAUD
6 ore
Grave incidente sulla A9: un morto e tre feriti
È successo oggi all'altezza di Chardonne, nel Canton Vaud. In un secondo incidente si registra un ulteriore ferito
SVIZZERA
9 ore
Piloti vaccinati a terra, anche se servirebbero in cabina
Swiss resta ferma sull'obbligo di vaccinazione. E cancella i voli in assenza di personale
SVIZZERA
10 ore
«Influenza per i vaccinati? È un affronto»
L'infettivologo ticinese Andreas Cerny mette in guardia sui rischi della nuova strategia federale su Omicron
BERNA / SVEZIA
12 ore
Schianto mortale in Svezia: il camion circolava illegalmente
Il mezzo scontratosi con il minibus che trasportava sette giovani svizzeri appartiene a una ditta che estrae minerali.
SVIZZERA
14 ore
Un registro svizzero degli strascichi
Diversi scienziati invocano uno studio sistematico dei casi di long-Covid. Per capire cosa ci aspetta
SVIZZERA
1 gior
«Meglio pensare che siamo tutti già contagiati»
Il governo rinuncia alla strategia dei test? Per l'organizzazione dei laboratori medici, avrebbe senso
SVIZZERA
1 gior
«Dose booster? I più giovani preferiscono ammalarsi»
La popolazione non a rischio mostra reticenza rispetto alla vaccinazione di richiamo.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile