ZURIGO
03.10.17 - 15:560

36enne morto in cella, è il presunto assassino di Gino Bornhauser

Il processo contro il brasiliano era in agenda per il 12 dicembre 

ZURIGO - È il presunto assassino di Gino Bornhauser, il 36enne brasiliano - in attesa del processo per l'assassinio di un pensionato avvenuto nell'aprile 2016 a Rafz (ZH) - trovato morto ieri nella sua cella, nel carcere dell'aeroporto di Zurigo.

La Procura della regione di Winterthur/Unterland ha aperto un'inchiesta, come d'uso nel caso di decessi in carcere, ha indicato oggi in una nota l'Ufficio per l'esecuzione delle pene zurighese, che non ha voluto fornire ulteriori precisazioni sul caso.

A processo per assassinio, incendio ed altro - Il processo contro il brasiliano era in agenda per il 12 dicembre prossimo al Tribunale distrettuale di Bülach, con l'accusa di assassinio, incendio intenzionale e altri reati.

Il caso Bornhauser - L'uomo era stato arrestato il 31 maggio 2016 a Rafz, al confine tra il canton Zurigo e la semi enclave tedesca incuneata tra questo cantone e quello di Sciaffusa, in relazione alla misteriosa scomparsa, in questo villaggio, del 67enne Bornhauser, avvenuta il 22 aprile precedente. Il brasiliano ha confessato di aver ucciso l'uomo, già suo vicino di casa, ma non ha mai rivelato il luogo dove ha lasciato il suo cadavere, di cui non si è più avuta traccia.

Secondo quanto è emerso dalle indagini e riportato sull'atto di accusa, nel tardo pomeriggio del 22 aprile l'imputato aveva litigato con il 67enne di Eglisau (ZH) su un parcheggio di Rafz, lo aveva picchiato, lo aveva caricato sulla di lui auto e lo aveva trasportato fino a una stradina di campagna presso Hohentengen, località tedesca lungo il Reno a pochi chilometri di distanza. Lì lo aveva estratto dalla vettura e posato a terra, poi gli era passato sopra più volte con l'automobile, fino a che il 67enne era morto sul posto.

Due giorni dopo, l'auto del pensionato era stata ritrovata, completamente bruciata, in un bosco di Lottstetten, appena oltre il confine presso Rafz. Ma il cadavere della vittima non è mai stato ritrovato: l'imputato non ha potuto o voluto ricordarsi dove l'aveva lasciato, indica la procuratrice incaricata del caso.

Il 31 maggio, dopo settimane di intense indagini, il brasiliano era stato arrestato con la moglie, allora 33enne, che era però stata rilasciata un paio di giorni dopo.

Alcuni giorni prima dell'arresto la polizia aveva diffuso un video, filmato con un telefonino da un passante, in cui si vedevano due uomini che litigavano e venivano alle mani su un parcheggio di Raft. Entrambi si erano poi allontanati a bordo della vettura del 67enne.

TOP NEWS Svizzera
CAPO VERDE
5 ore
Bloccata da 4 mesi a Capo Verde: «Riportatemi in Svizzera»
Una 50enne di Svitto era partita a marzo per due settimane di vacanza e relax. E invece sta vivendo un incubo
TURGOVIA
6 ore
In bici con un tasso del 3,2 per mille
Un ciclista ubriaco è stato protagonista di un incidente questa mattina ad Arbon
FOTO
SVIZZERA
7 ore
Vestiti di nero per dire no al razzismo
Circa 200 persone si sono riunite oggi su Piazza federale.
SVIZZERA
11 ore
Migros richiama i suoi "Tondelli di riso integrale"
È stata riscontrata la presenza di latte. Chi non è allergico può consumarli senza problemi.
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus: contagi stabili in Svizzera
Dall'inizio dell'emergenza i casi positivi registrati sono 32'798, mentre i morti restano 1'686
SVIZZERA
11 ore
Temporali e forti venti a nord delle Alpi
Tanta pioggia e grandine nella notte: particolarmente colpito il canton Svitto.
GRIGIONI
13 ore
Bimbo positivo, diciotto in quarantena
Il piccolo stava frequentando un campo di vacanza diurno a Zuoz.
SVIZZERA
13 ore
Credit Suisse, risolta la controversia americana
La seconda banca elvetica pagherà 15.5 milioni di dollari per risolvere la vicenda.
ZURIGO
14 ore
Altro superspreader in discoteca
Diverse persone che hanno trascorso la notte del 27 giugno al Club Jade si sono successivamente ammalate di coronavirus.
SVIZZERA
15 ore
Democrazia digitale: Amnesty & Co. fanno chiarezza su SwissCovid
Diverse ONG hanno unito le forze per informare sul contact tracing attraverso un portale online
Copyright ©2020 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile