BERNA
24.08.17 - 20:460
Aggiornamento : 22:50

«Odia curdi, ebrei e cristiani. Non avrebbe mai dovuto toccare quei soldi»

I pareri tra i vicini dell'imam di Bienne sono discordanti. Nessuno però lo conosce bene. Il suo nome non compare né sulla buca delle lettere né sul campanello

NIDAU - Si chiama Abu Ramadan il 64enne libico balzato, negli scorsi giorni, agli onori della cronaca che lo ha ribattezzato “l’imam dell’odio” per alcune prediche in cui si rivolgeva ad Allah «chiedendo di distruggere tutti i nemici» della sua religione.

Il predicatore, che negli anni ha incassato circa 600mila franchi dall’assistenza sociale e nei cui confronti le autorità municipali di Bienne stanno valutando eventuali provvedimenti, vive in un tre locali e mezzo al settimo piano di una palazzina a Nidau, in un quartiere prevalentemente popolato da immigrati. Il suo nome però, riferisce Le Matin, non compare né sulla facciata della buca delle lettere né tantomeno sul campanello dell’abitazione.

Il quotidiano romando ha tentato di intervistare la famiglia, ma senza fortuna. «La porta non si apre se non ci sono uomini in casa», spiega uno dei vicini. Nessuno lo conosce bene, ma diversi lo descrivono come una persona «gentile». Vicini che il 64enne è solito salutare, ma solamente in arabo, nonostante - secondo alcuni - sia in grado di parlare anche un po’ di francese.

L'opinione positiva non è però unanime. Un operaio curdo, anch’esso residente nel quartiere, racconta infatti che l’imam è solito rivolgere lui la parola per salutarlo esclusivamente quando porta la barba e conferma che il 64enne «detesta curdi, ebrei e cristiani». Una persona «che non ha mai fatto un minimo di sforzo per integrarsi non avrebbe dovuto toccare quei 600mila franchi» ha concluso l'operaio.

2 anni fa Imam radicale in assistenza, Bienne valuta misure
2 anni fa Predica l’odio, ma vive grazie all’aiuto sociale
TOP NEWS Svizzera
VAUD
51 min

Tenta di salvare il suo cane, ma muore affogato

Il corpo è stato ripescato dopo un'ora di ricerche. L'animale è stato tratto in salvo

ZURIGO
1 ora

Kühne: «Un bene spostarci in Svizzera, ma non so se lo rifaremmo»

Secondo il grande azionista e presidente onorario di Kühne+Nagel, il modello basato sulla libera circolazione potrebbe avere vita breve

SVIZZERA
2 ore

Asilo, i rifugiati arrivati nel 2015 costeranno un miliardo di franchi ai comuni

Per alcuni di essi questo comporta un aumento della spesa sociale e si rischia di dover aumentare le imposte

SONDAGGIO
SVIZZERA
4 ore

«I prodotti di Wish sono pericolosi»

Lo sostiene il Forum dei consumatori sulla base di test effettuati su diversi articoli. Si rileva anche la presenza di sostanze cancerogene

SVIZZERA
4 ore

Calmy-Rey: «Rinegoziare l'accordo quadro e aumentare la somma destinata all'Ue»

«La situazione di stallo può essere superata, ma occorre prendersi il tempo per trovare un consenso interno, questo è decisivo» ha dichiarato l'ex consigliera federale

Copyright ©2019 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile