Immobili
Veicoli
tipress
SVIZZERA
20.03.22 - 09:570
Aggiornamento : 11:13

«Abbiamo 150mila contagi al giorno»

In Svizzera il numero di nuove infezioni da Covid è molto più alto di quanto sembri, secondo i medici cantonali

BERNA - Il numero di nuove infezioni da coronavirus è probabilmente molto più alto di quanto riportato ufficialmente. In un'intervista alla NZZ am Sonntag, il medico cantonale di Zugo e presidente dell'associazione nazionale dei medici cantonali, Rudolf Hauri, ha stimato che i contagi giornalieri si aggirino attorno a 150'000.

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) segnala quotidianamente tra 25'000 e 35'000 casi. Secondo Hauri, l'ondata attuale sarà maggiore di quella di gennaio ed è probabile che anche nelle prossime settimane il numero di casi e di ricoveri aumenterà con l'abbandono delle ultime misure, in particolare con l'addio all'obbligo di indossare la mascherina sui trasporti pubblici.

A metà febbraio il Consiglio federale aveva decretato il "liberi tutti", levando la maggior parte delle restrizioni, dato che l'elevato numero di infezioni non si traduceva in un rischio di intasare le terapie intensive.

Alla domanda se la popolazione prendesse ancora sul serio il coronavirus, il medico cantonale di Zugo ha ricordato che il virus non è scomparso. È probabile, ha aggiunto, che riemerga di nuovo con forza il prossimo autunno.

Per Lukas Engelberger, responsabile del Dipartimento della sanità di Basilea Città nonché presidente della Conferenza dei direttori cantonali della sanità (CDS), l'abolizione dell'obbligo della mascherina nei trasporti pubblici prevista dal Consiglio federale per l'inizio di aprile rappresenta "un buon tempismo stagionale".

Tuttavia, se la situazione peggiorasse e l'onere per gli ospedali aumentasse significativamente nei prossimi giorni, il governo dovrebbe considerare di estendere la misura attuale. Engelberger si aspetta inoltre che ospedali e case di cura mantengano l'obbligo, poiché vi sono presenti molte persone particolarmente vulnerabili e anche il personale deve essere protetto.

Il rischio di ammalarsi gravemente o di morire a causa del Covid-19 è stato ridotto grazie all'alta immunità, "ma non dobbiamo ancora prendere il virus alla leggera", ha affermato il presidente della CDS, aggiungendo che le persone anziane sono sempre più spesso ricoverate in ospedale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
9 ore
Perse le tracce di un rifugiato su tre
Nello svolgimento di un sondaggio tra le famiglie di accoglienza, il Canton Berna non è riuscito a trovare 338 persone
BERNA
10 ore
Sotto esame le email cancellate del ricatto di Berset
L'intento è quello di stabilire le circostanze che hanno portato all'eliminazione di alcuni messaggi
SVIZZERA
14 ore
Libero scambio di farmaci
Gli Stati Uniti e la Svizzera stanno lavorando a un'intesa sul settore dei medicamenti
SVIZZERA
15 ore
Dalla Russia con astuzia
Le Dogane segnalano 18 sospette violazioni delle sanzioni contro Mosca, ai confini elvetici
SVIZZERA
17 ore
Chi gonfia i prezzi con la scusa dell'inflazione?
Secondo Mister prezzi Stefan Meierhans e l'economista Sergio Rossi i "furbetti" non mancano
FOTO
SAN GALLO
18 ore
Auto pirata travolge due giovani
La vita di una 17enne è in pericolo, in gravi condizioni anche una 19enne
FOTO
LUCERNA
19 ore
È svizzero il brindisi più lungo del mondo
Più di 1'600 persone si sono riunite sulle rive della Reuss per alzare insieme i bicchieri, stabilendo così un record
GRIGIONI
1 gior
Incidente mortale sul Bernina
Tre motociclisti hanno perso la vita in uno scontro. Strada e ferrovia del trenino sono rimaste chiuse per tre ore
BERNA
1 gior
Schianto di un elicottero, stavano prelevando una mucca
Le due persone rimaste ferite nell'incidente sono due uomini di 49 e 26 anni. Un terzo pilota è invece rimasto illeso
SVIZZERA
1 gior
Gas russo. Sarà un inverno difficile anche in Svizzera?
Mosca potrebbe stringere ulteriormente i rubinetti. Questo potrebbe avere conseguenze anche per il nostro Paese?
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile