Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
22.01.22 - 17:330
Aggiornamento : 23.01.22 - 08:37

Casi a catinelle, ma in terapia intensiva Omicron quasi non si vede

È ancora Delta, secondo quanto riportato da alcuni ospedali svizzeri, a causare i decorsi più gravi.

E mentre i contagi continuano a toccare picchi spaventosi, i ricoveri calano.

BERNA - «Ospedali preparatevi. Il picco è in arrivo». L’avevano dichiarato gli esperti, fronte a un numero di contagi in costante rialzo, solo una decina di giorni fa. Sì, perché la task force federale presupponeva che, anche se solo una minima parte dei nuovi infetti fosse finita in ospedale, avremmo sfiorato il sovraccarico delle strutture sanitarie. Ma così, almeno per ora, non è stato. E questi timori, secondo un sondaggio condotto dal Blick, potrebbero rivelarsi infondati. 

Il quotidiano zurighese ha infatti chiesto ai 20 maggiori ospedali svizzeri quanti dei pazienti ricoverati in cure intense fossero affetti dalla variante Omicron, la causa dell’aumento esponenziale delle infezioni nel nostro Paese. In molti hanno dichiarato di non disporre di questi dati, ma quelli che si sono espressi portano buone notizie. Negli ospedali zurighesi Waid e Triemli, su sette pazienti Covid in cure intense, nessuno è affetto da Omicron. All’Ospedale universitario di Ginevra, solo due su 19, mentre all’Ospedale cantonale di San Gallo zero su otto. 

Il gruppo bernese Insel riferisce che si presume «che una quota significativa dei pazienti in terapia intensiva sia ancora affetta dalla variante Delta». Anche all'Ospedale universitario di Zurigo «non c'è praticamente nessun Omicron nel reparto di terapia intensiva», assicura Huldrych Günthard, responsabile della sezione malattie infettive. E quando c’è, specifica, si tratta di un paziente che ha gravi patologie pregresse. 

Si respira quindi nuovamente aria di ottimismo: «La nostra unità di terapia intensiva è quasi completamente svuotata da pazienti Covid», ha affermato il medico cantonale di Zugo Rudolf Hauri in conferenza stampa questa settimana.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
ARGOVIA
1 ora
Vandalo in manette a Wohlen: «Danni per centomila franchi»
Vetrine di negozi sfondate e parabrezza infranti: la polizia ha arrestato un 25enne italiano senza fissa dimora.
ZURIGO
13 ore
Fuochi e botti autoprodotti, 18enne ancora in ospedale
Il 18enne, in gravi condizioni, è ancora in ospedale.
SVIZZERA
14 ore
I dati contenuti su lemievaccinazioni.ch vanno cancellati
Su ordine di Mister Dati, tutte le informazioni presenti sulla piattaforma dovranno essere distrutte
GINEVRA
14 ore
Vaiolo delle scimmie: secondo caso in Svizzera
Il nuovo contagio è stato diagnosticato a Ginevra. Il primo era stato a Berna.
BASILEA CITTÀ
15 ore
Grave da sabato, deceduta la bambina rimasta sott'acqua
I soccorritori erano riusciti a rianimare la piccola e a trasportala in ospedale, ma non ce l'ha fatta.
SVIZZERA
16 ore
Hai bisogno del booster per viaggiare? «Te lo paghi»
L'UFSP stima che fino a ventimila svizzeri effettueranno un'ulteriore dose di richiamo per andare all'estero.
BERNA
17 ore
Dieci morti, 100 ricoveri e 8125 nuovi casi
Queste le cifre dell'ultima settimana in Svizzera.
GRIGIONI
18 ore
Cade, si ferisce e blocca il traffico ferroviario (con la moto)
Un motociclista di 23 anni ha subito gravi ferite a una gamba nell'incidente avvenuto ieri sera a Davos.
SVIZZERA
22 ore
Vaiolo delle scimmie, già fatte le prove per una pandemia
L’esercitazione, messa in atto alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco del 2021, ha insospettito molte persone.
GRIGIONI
22 ore
Seimila sigarette nascoste un po' ovunque nel camper
Sono state trovate dai doganieri durante un controllo al valico di Martina.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile