Immobili
Veicoli
keystone
VAUD
27.12.21 - 19:020

In Romandia altri 150 soldati anti-Covid

Presteranno servizio negli ospedali e nei centri vaccinali, in supporto ai militi già attivi

LOSANNA - Circa 150 militari del battaglione d'ospedale 2 sono entrati in servizio oggi alla caserma di Moudon (VD) per sostenere nei prossimi giorni il settore sanitario dei cantoni di Giura, Vallese, Neuchâtel e Friburgo.

Le truppe supplementari sono state accolte oggi alla caserma dal nuovo comandante della divisione territoriale 1 Mathias Tüscher e dal tenente-colonnello EMG Raoul Barca, comandante del battaglione d'ospedale 2, una formazione sanitaria composta di 900 soldati.

Un centinaio dei 150 militari supplementari serviranno il settore della sanità, mentre gli altri 50 si occuperanno del servizio, quali trasporti, cucina e pulizia, ha spiegato a Keystone-ATS il comandante Barca.

Oggi i militari sono stati sottoposti a una visita medica e hanno avuto la possibilità di riceve una seconda vaccinazione o il booster. I soldati sono già tenuti ad indossare una mascherina FFP2, che dal 1° gennaio verrà resa obbligatoria per le truppe in servizio.

Sostegno alla vaccinazione

La missione principale consisterà nel sostenere le operazioni di vaccinazione nei centri cantonali, amministrando il vaccino e/o preparando le dosi. Dovranno pure aiutare il personale infermieristico negli ospedali, in particolare nelle cure intensive, ha indicato il tenente colonnello Maxime Fontaine, direttore comunicazione della divisione territoriale 1.

"Da marzo 2020, è la terza volta che i militari sono convocati a causa del coronavirus. Alcuni contano già un centinaio di giorni di servizio.", ha precisato Barca.

Mobilitati via sms

Mobilitati martedì scorso via sms, questi 150 militari daranno il cambio a gran parte dei 90 soldati ingaggiati da inizio dicembre per sostenere il sistema sanitario di questi quattro cantoni romandi.

Tüscher ha inoltre ricordato che l'esercito risponde ad una richiesta delle autorità federali, intervenendo rapidamente dove necessario e ritirandosi quando la prestazione non è più richiesta.

Il Consiglio federale aveva deciso lo scorso 7 dicembre un nuovo servizio di sostegno dell'esercito a favore delle autorità civili. Fino a 2'500 militari potranno sostenere gli ospedali per le cure e il trasporto di pazienti nonché i cantoni per la vaccinazione.
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Black-out di guerra: ecco il piano
Interruzioni prolungate dell'elettricità avrebbero «conseguenze devastanti» sulla Svizzera. Il governo vuole prevenirle
SVIZZERA
5 ore
Acquisto F-35, Berna non perde tempo (e non aspetta il voto)
Il Consiglio federale, preoccupato del «deterioramento della situazione in materia di sicurezza», corre ai ripari.
FRIBURGO
7 ore
Certificati Covid: chi li regalava, chi li vendeva, chi se li teneva
Le persone interpellate lavoravano tutte al centro di depistaggio di Granges-Paccot.
SVIZZERA
8 ore
«Sorrisi e stereotipi per spingere gli svizzeri a mangiare carne»
L'associazione ambientalista Greenpeace denuncia «le tattiche pubblicitarie sporche» dell'industria della carne
BASILEA CAMPAGNA
8 ore
Trovato un pollice mozzato
Il dito è stato rinvenuto nel retro di un condominio con annesso ristorante. La sua provenienza è tuttavia ignota.
SVIZZERA
8 ore
«Va migliorata la comunicazione in tempo di crisi»
È una delle raccomandazioni del Consiglio svizzero della scienza che ha analizzato la gestione della pandemia
SVIZZERA
8 ore
Stato sociale? Aiuto allo sviluppo? «No, tocca all'esercito»
Per il consigliere agli Stati Werner Salzmann (UDC) l'esercito ha perso capacità negli ultimi anni.
BERNA
19 ore
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
20 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
20 ore
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile