Immobili
Veicoli
20min/Michael Scherrer
SVIZZERA
22.12.21 - 08:030

Vaccinazione e booster... non ne usciremo mai?

La terza dose è raccomandata già quattro mesi dopo la seconda. L'esperto: «Nessun rischio per l'organismo»

Fonte 20 Minuten / Bettina Zanni
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

BERNA - Lo aveva anticipato il ministro della sanità Alain Berset. E ieri è arrivata la comunicazione ufficiale: la vaccinazione di richiamo con un vaccino a mRNA (in Svizzera si parla quindi dei preparati Pfizer e Moderna) è ora raccomandata per tutti a partire dai sedici anni già quattro anziché sei mesi dopo l'immunizzazione di base.

L'intervallo di tempo tra la somministrazione della seconda dose e il richiamo è stato ridotto, in quanto gli attuali dati a disposizione mostrano che in questo modo aumenta notevolmente la protezione non soltanto contro la variante Delta ma anche contro quella Omicron. Lo ha spiegato Christoph Berger, presidente della Commissione federale per le vaccinazioni, nell'ambito del consueto infopoint settimanale per fare il punto della situazione.

Ma ora cosa succederà? Ci toccherà sottoporci a una vaccinazione di richiamo a intervalli regolari di pochi mesi? Lo ha infatti lasciato intendere Dan Staner, capo di Moderna, in un'intervista rilasciata a 20 Minuten. E ora in molti temono di finire in un circolo vizioso della vaccinazione. Senza uscirne più. E non mancano le preoccupazioni per la salute.

«Non c'è da temere» - Una reazione comprensibile, secondo Klaus Eyer, esperto di vaccini e professore assistente all'istituto di scienze farmaceutiche dell'Università di Zurigo. Ma non ci sarebbe da temere: «Il rischio di un'overdose da vaccino non esiste» afferma, interpellato da 20 Minuten.

Il livello di tolleranza dell'organismo è infatti molto alto quando si tratta di un vaccino. «Sono preparati che non possono causare danni fisici, ma sviluppano o rafforzano la risposta immunitaria a un virus». Il richiamo porta quindi la protezione a un livello superiore.

«Quattro mesi sono tanti» - Eyer spiega dunque che la nuova somministrazione non danneggia l'organismo, ma stimola soltanto la risposta immunitaria. «Per il sistema immunitario, quattro mesi sono tanti».

Rappresentano invece un problema le vaccinazioni che avvengono in un periodo troppo ravvicinato. «Non si parla di mesi o settimane, ma di giorni oppure ore, una situazione soltanto teorica, che non si verifica mai». Se a qualcuno fossero somministrate più dosi nel giro di pochi giorni, la protezione vaccinale peggiorerebbe. «Gli anticorpi si sviluppano meno bene». Ma non ci si sarebbero ulteriori problemi di salute».

Un richiamo annuale? - Secondo l'esperto, in futuro non ci aspetta un richiamo regolare ogni quattro mesi. La vaccinazione anticoronavirus è come alcune vaccinazioni infantili: «Non è insolito consolidare una protezione di base, per poi potenziarla. È quanto avviene, per esempio, per la vaccinazione antitetanica, che viene dapprima somministrata a brevi intervalli di tempo e poi con un richiamo molto tempo dopo».

Eyer ritiene che la vaccinazione anticoronavirus dovrà essere rifatta al massimo una volta all'anno. Potrebbe però andare diversamente nel caso che compaia una variante completamente nuova che riesce ad aggirare la protezione vaccinale. «In questo caso il preparato andrebbe adattato» conclude.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
11 ore
Oggi ha fatto caldissimo
Domani pomeriggio sono attese temperature ancora più elevate, si toccheranno i 33 gradi: una novità per essere in maggio
FOTOGALLERY
SVIZZERA
12 ore
Ecco i prodotti per i quali si dovrà sborsare di più
Ad aprile l'inflazione ha raggiunto l'apice della crisi finanziaria facendo lievitare il costo di molti beni di consumo.
SVIZZERA
14 ore
Presidente slovacca accolta con gli onori militari
Visita di Stato per Zuzana Caputova, che ha incontrato il Consiglio federale.
FOTO
FRIBURGO
15 ore
Insediamenti romani tornano a splendere dopo 1'700 anni
Gli archeologi friburghesi hanno trovano vestigia romane conservate «in modo eccezionale»
VAUD
16 ore
Prosciolte le femministe per il topless, ma condannate per altri motivi
Sei attiviste sono comparse oggi davanti al Tribunale di polizia di Losanna.
SVIZZERA
18 ore
L'Astra Bridge funziona, ma...
L'USTRA traccia un primo bilancio della struttura che per la prima volta viene utilizzata sull'A1
VAUD
19 ore
Siringhe al Balélec: attaccate cinque persone
In quattro si sono presentate in ospedale in seguito al festival, e una quinta ha denunciato l'accaduto in polizia
GINEVRA
19 ore
Il negazionista finisce in cella
Tesi razziste sui social network: un membro del Front National Suisse condannato a tre mesi di carcere
SVIZZERA
20 ore
Altri milioni per proteggere il bestiame dal lupo
La Confederazione mette a disposizione fondi supplementari a sostegno dell'economia alpestre tradizionale
SVIZZERA
21 ore
L'imposta sulla benzina non si tocca (per ora)
Il Governo ritiene che al momento non sia necessario adottare provvedimenti. Ma la situazione è sotto osservazione
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile