Immobili
Veicoli
Reuters
Berna
08.12.21 - 00:000
Aggiornamento : 08:03

Testamento biologico, un'arma «per non vivere come un vegetale»

La consigliera nazionale Verena Herzog: «Non ha senso che i pazienti finiscano in terapia intensiva se non lo vogliono»

BERNA - Elisabeth Vetsch, è una anziana di 75 anni. Da sempre è una corona-scettica. Insieme al marito ha contratto il virus e attualmente sta rifiutando di essere ricoverata in cure intense, nonostante stia affrontando un decorso grave della malattia, contratta durante una manifestazione anti-Covid.

Non è l'unica ad aver fatto questa scelta. 20 Minuten riferisce di un supervisore di un asilo nido nel canton Berna, il quale ha raccontato di non essere vaccinato e che, nel caso in cui dovesse contrarre una forma acuta del virus, si rifiuterebbe di andare in terapia intensiva: «Più si è anziani, minori sono le possibilità di sopravvivere al Covid una volta giunti in terapia intensiva. Non voglio continuare a vivere come un vegetale», ha raccontato.

Scelte che hanno reso d'attualità il dibattito sul testamento biologico. Siamo in piena quinta ondata, i letti sono pieni e già si parla di triage. In un contesto simile il testamento biologico potrebbe essere una soluzione. L'ospedale universitario di Zurigo, ad esempio, ha già notato che una parte dei pazienti ne ha già redatto uno. Si tratta di un documento che permette a chi lo redige di dare delle specifiche nel caso in cui un giorno necessiti di cure. «Uno strumento che aiuta i nostri specialisti, ma anche i familiari», ha spiegato la portavoce dell’ospedale Manuela Britschgi.

Il testamento biologico è entrato in vigore nel 2013, ma secondo la politica non si fa abbastanza informazione a riguardo. «Potrebbe essere molto utile in questo periodo», così si è espressa la consigliera nazionale dell'Unione democratica di centro Verena Herzog. «Non ha senso che dei pazienti finiscano in terapia intensiva se non lo vogliono». Sempre secondo la consigliera, un utilizzo più concreto di questo documento aiuterebbe gli operatori sanitari a capire quando fermarsi nelle cure.

Anche dal punto di vista medico il tema del testamento biologico è più che attuale e necessario. L'esperto di salute Erwin Carigiet ha affermato al portale 20 Minuten che non esiste una cura miracolosa in questa pandemia, «ma questo documento può motivare le persone a riflettere sulla propria morte, così da alleviare il peso sia sulle unità di terapia intensiva che sui parenti». Per il medico, in nessun caso va fatto un triage tra pazienti vaccinati e non vaccinati: «Farebbe a pezzi gli ospedali».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
1 ora
Lotta alla corruzione, la Svizzera perde il podio
Pesano le gravi lacune che la Confederazione presenta in alcuni ambiti.
SVIZZERA
11 ore
Il voucher "per la normalità" non piace a tutti
L'idea: un buono da 200 franchi per ogni svizzero, da spendere in ristoranti e cultura. Ma la politica storce il naso
VALLESE
16 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
16 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
20 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
21 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
21 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
21 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
22 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
1 gior
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile