Immobili
Veicoli
keystone
SVIZZERA
01.12.21 - 15:260
Aggiornamento : 19:49

Per Netflix la Svizzera è una miniera d'oro

Lo streaming costa anche il 30 per cento in più rispetto ai paesi limitrofi. Ma c'è un modo per pagare meno

La rivista K-Tipp ha confrontato i costi in diversi paesi, e la Svizzera è quello con gli abbonamenti più cari. La spiegazione: «Le tariffe si basano sul livello generale dei prezzi». Ma esistono delle scappatoie

BERNA - Per Netflix e gli altri servizi di streaming la Svizzera è una miniera d'oro: in nessun altro paese si paga così tanto per un'identica offerta. Lo segnala, sulla base di un confronto, il periodico K-Tipp, che suggerisce però anche il modo per aggirare il "sovrapprezzo elvetico" imposto - come in altri campi - dalle multinazionali.

Le piattaforme internet che offrono film, serie televisive e altri contenuti a pagamento sono sempre più popolari in Svizzera, ricorda la rivista consumeristica nel suo numero in edicola oggi. Stando all'organizzazione settoriale Interessengemeinschaft Elektronische Medien nel solo 2020 Netflix ha guadagnato 600'000 nuovi clienti. E non contenta, da questo mese ha aumentato i prezzi, passando da 16.90 franchi a 18.90 per l'abbondamento "standard". 

L'abbonamento di base costa invece 11,90 franchi in Svizzera, contro gli 8,55 franchi vigenti in Germania, Italia e Austria. Ancora più marcata è la differenza per l'abbonamento premium familiare, che permette la contemporanea visione di filmati su quattro dispositivi: si paga 24,90 franchi nella Confederazione, 19,25 nei paesi limitrofi, 16,70 negli Usa e 13,60 in Polonia. Il sovrapprezzo imposto agli svizzeri - rispetto agli altri europei - è quindi di almeno il 30%.

Il discorso è analogo anche per le offerte dei concorrenti Disney+ e Prime Video (Amazon), come pure per le piattaforme musicali come Spotify o Apple Music. A volte alcuni singoli paesi sono più cari (è il caso della Danimarca), ma gli abitanti dei 26 cantoni elvetici sono sempre chiamati alla cassa in modo più massiccio di tedeschi, francesi, italiani e austriaci, per non parlare per esempio di polacchi o croati.

Ma perché gli svizzeri devono pagare di più? Contattati da K-Tipp, Apple e Disney non hanno risposto, Netflix ha scritto che le sue tariffe di abbonamento sono «specifiche a seconda del paese» e Amazon spiega che «la politica dei prezzi si basa, tra l'altro, sul livello generale dei prezzi per territorio e sul confronto dei prezzi con le offerte concorrenti».

In parole povere - riassumono i giornalisti della testata zurighese - le aziende sfruttano il potere d'acquisto in Svizzera. E se la concorrenza ha prezzi alti, anche le altre ditte chiedono di più. «Abbiamo aumentato i prezzi in vari paesi negli ultimi anni», afferma Spotify. «E continueremo a farlo quando avrà senso in base a fattori locali e regionali».

K-Tipp fornisce anche indicazioni su come ricorrere ai servizi pagando di meno, ricorrendo a una rete virtuale privata (VPN): in tal modo è per esempio possibile accedere a Netflix alle condizioni locali del Brasile, versando cioè 4,30 franchi per la versione di base. Di recente la rivista informatica tedesca Computerbild ha anche pubblicato un test per sapere quali servizi VPN si prestano meglio per l'attività in questione.

K-Tipp ricorda peraltro anche come esista una vasta offerta gratuita di film, serie e documentari pure sulle piattaforme delle televisioni pubbliche. Un accesso agevole attraverso computer più avvenire su Playsuisse.ch, mentre per gli smartphone esiste l'applicazione Play Suisse. Offerte simili esistono anche all'estero.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 sec
«Come un jackpot a Las Vegas»
Il giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann è molto critico sugli aiuti che voteremo il prossimo 13 febbraio
SVIZZERA
1 ora
Salute compromessa dopo il vaccino: «Sono solo stato sfortunato»
Il granconsigliere argoviese Martin Wernli soffre di problemi di salute da quando ha ricevuto la prima dose.
ZURIGO
1 ora
Il Consiglio federale si asterrà probabilmente da ulteriori misure
Il numero dei contagi è ancora alto, ma gli ospedali stanno reggendo il colpo.
GRIGIONI
2 ore
Prolungato l'obbligo della mascherina nelle scuole grigionesi
Indossare sistematicamente la mascherina è uno dei provvedimenti più efficaci di protezione dai contagi.
GRIGIONI
12 ore
Il 2G in pista non ferma gli sciatori
La regola vale nel comprensorio internazionale di Samnaun. E le presenze non mancano
ZURIGO
12 ore
Investì una poliziotta, 11 anni di carcere per un 20enne
L'intenzionalità, nella manovra, ci sarebbe stata, ha stabilito il Tribunale distrettuale zurighese.
ZURIGO
17 ore
Il booster funziona bene
Nuovi dati mostrano come la terza dose garantisca tassi di mortalità e ospedalizzazione significativamente inferiori
BERNA
18 ore
Tifosi senza mascherina, nessun aumento dei contagi
È quanto constatano le autorità sanitarie cantonali di Berna dopo la Coppa del Mondo di sci ad Adelboden
SVIZZERA
21 ore
Medicamento anti Covid, presentata la domanda di omologazione
Il farmaco Paxlovid si compone di due principi attivi sintetici: Nirmatrelvir e Ritonavir.
BERNA
21 ore
«Il picco potrebbe essere stato raggiunto»
Da Berna, gli esperti della Task Force federale fanno il punto sulla situazione pandemica in Svizzera
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile