Immobili
Veicoli
20min/ Jacqueline Straub
SVIZZERA
13.11.21 - 22:590
Aggiornamento : 14.11.21 - 08:53

«La Svizzera deve agire ora, i Paesi vicini non sono stupidi»

L'infettivologo Andreas Widmer chiede alla Confederazione di valutare seriamente delle nuove misure anti-Covid

I politici sembrano invece preferire la strada di una vaccinazione di richiamo per tutti al più presto

Fonte B. Zanni / S. Bietenhard / 20 Minuten
elaborata da Robert Krcmar
Giornalista in formazione

BERNA - I casi di coronavirus in Europa, ahimè, stanno nuovamente aumentando.  

Di conseguenza, i Paesi vicini della Svizzera stanno iniziando a prendere provvedimenti. Tra questi l'Austria, alle prese con l'aumento dei pazienti nelle unità di terapia intensiva. Il Governo di Vienna, oltre ad avere introdotto la regola "2G" (escludere dal Certificato Covid i testati) vuole mettere in atto la tanto discussa opzione di un lockdown per i non vaccinati. La situazione è peggiorata anche in Germania, dove il Ministro della Sanità Jens Spahn sta valutando una sorta di regola "2G-più": anche vaccinati e guariti devono farsi testare prima di entrare ad eventi e manifestazioni.

Secondo l'infettivologo Andreas Widmer, anche la Svizzera deve agire al più presto.

«Non dobbiamo aspettare di essere con l'acqua alla gola»
La Svizzera si sta dirigendo verso 4'000 nuovi casi di coronavirus al giorno. Oltre a ciò, ed è questo che preoccupa, stanno aumentando anche i ricoveri, in particolare poiché - sostengono gli esperti - il tasso di vaccinazione è ancora troppo basso.

Widmer ha quindi chiesto alle autorità di agire: «Non è accettabile che la Svizzera si comporti nuovamente in modo speciale, i Paesi vicini non sono più stupidi di noi», ha dichiarato al quotidiano 20 Minuten. Le cifre dei contagi e dei ricoveri, poi, sono in ritardo di un paio di settimane: «L'epidemia è come una nave, una petroliera: se le mettiamo i freni, farà comunque ancora una trentina di km prima di fermarsi». 

Secondo Widmer, se la Svizzera agisce in tre settimane, sarà troppo tardi. «Non dobbiamo aspettare che l'acqua ci arrivi alla gola. Allora sarà troppo tardi per reagire».

Le persone non vaccinate non dovrebbero occupare lo spazio degli altri
Tra le richieste di Widmer, in particolare, la vaccinazione di richiamo per «tutti gli adulti che la desiderano». L'infettivologo ha qui citato l'esempio di Israele, dove il numero di casi è crollato dopo la vaccinazione booster.

Inoltre, per l'esperto sono necessarie «misure forti» per aumentare il tasso di vaccinazione: «Un non vaccinato che finisce in ospedale a causa del Covid non dovrebbe prendere il posto di un altro paziente urgente, e vaccinato».

La politica spinge la terza dose
Anche una parte dei politici vedono la necessità di agire. «Mi piacerebbe vedere l'anticipazione invece dell'osservazione, è da un anno e mezzo che reagiamo sempre troppo tardi» ha detto ad esempio il Consigliere nazionale dei Verdi liberali Martin Bäumle. Inoltre, dovrebbero essere permesse ampie vaccinazioni di richiamo per tutti: «Le vaccinazioni di richiamo dovrebbero essere permesse agli over 65, agli operatori sanitari e a tutti coloro che lo desiderano».

D'altra parte, Bäumle sconsiglia l'introduzione della norma "2G" finché ci sono ancora altre possibilità: «In realtà, "2G" non fornisce molte certezze, ma rappresenterebbe più una pressione massiccia per vaccinare. Potrebbe essere utile in questo clima di tensione? Dubito». 

«Giusto aspettare»
Il Consigliere nazionale del PLR Martin Dobler ritiene dal canto suo che la decisione dell'Ufficio Federale della Sanità Pubblica (UFSP) di aspettare con ulteriori misure «sia assolutamente giusta»: «In Svizzera siamo attualmente molto lontano da uno sviluppo come quello della Danimarca, ad esempio, in termini di decorsi gravi della malattia».

Secondo Dobler, una regola 2G come in Austria dev'essere l'ultima misura, in assoluto, di cui discutere: «Nella situazione attuale, non c'è motivo di prendere misure precauzionali».

Anche la Consigliera nazionale dell'UDC, Therese Schläpfer, condivide: «Non dobbiamo copiare tutto dall'estero, la cosa più importante è ora che gli over 70 ricevano la terza dose e che il Consiglio federale cerchi l'approvazione per i nuovi promettenti farmaci per trattare il Covid-19». 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 6 mesi fa su tio
Diamoci una mossa… altrimenti la vedo dura un’altra volta
Suissefarmer 6 mesi fa su tio
talmente efficacie il vaccino che bisogna farsi testare... ma per piacere manica di buffoni.... pagherete pagherete
marco17 6 mesi fa su tio
Ma non c'è modo di far tacere questi menagramo che non sanno fare altro che diffondere paure e richiedere misure restrittive?
Gandi81. 6 mesi fa su tio
E vai di discriminazione... Io guarito di covid non dovrei occupare un posto letto di un vacinato... Il vacinato è diventato il nuovo tedesco occhi Blue e capelli biondi, e noi non vacinati siamo diventati gli Ebrei... Come sempre la storia si ripete
Ugonotti 6 mesi fa su tio
Israele? Intendete quel paese che va verso la 4ª dose vero? Strano che Tio invece di pandemia ha scritto epidemia nell’articolo…..
tommaso.guariglia 6 mesi fa su tio
Discriminazione e follia di massa. Non si parla mai di prevenzione e di cura
tommaso.guariglia 6 mesi fa su tio
Discriminazione e follia di massa. Non simparla mai di prevenzione e di cura
Um999 6 mesi fa su tio
E io cosa mi sono vaccinato a fare? Per avere sempre restrizioni?
S.S.88 6 mesi fa su tio
Agire a far uscire l’anti virale
lollo68 6 mesi fa su tio
Anche qui come in tanti paesi sempre più vaccinati ammalati!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Uno svizzero su tre non intende donare gli organi
Con la nuova legge sui trapianti, saranno tutti donatori. Il 36% dei cittadini vuole dichiarare di rifiutare l'espianto
SVIZZERA
11 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
11 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
VALLESE
13 ore
Ha sbranato 28 animali: ordinato l'abbattimento di un lupo
L'animale si aggira nell'Alto Vallese, fra i comuni di Ergisch e Unterbäch.
ZURIGO
14 ore
Nessuna bomba all'aeroporto di Zurigo
Nel velivolo di Helvetic Airways non è stato trovato nulla di sospetto.
FOTO
URI
15 ore
"Ucrainizzato" il monumento a Aleksandr Suvorov
L'opera si trova nelle Gole della Schöllenen e dal 1899 ricorda l'alto ufficiale russo.
BERNA
18 ore
Schiacciato da una balla di fieno, muore un 29enne
L'uomo è deceduto in ospedale a causa delle gravi ferite riportate.
VALLESE
18 ore
La Rega vuole spiccare il volo anche in Vallese
Attualmente solo Air-Glaciers e Air Zermatt sono autorizzate a soccorrere con gli elicotteri.
SVIZZERA
21 ore
Eliminati 227 proiettili inesplosi
Resta alto il numero di segnalazioni. L'aumento sarebbe da ricondurre alla pandemia
SVIZZERA
22 ore
Il sì a Frontex? «È un segno di attaccamento all'Europa»
I giornali commentano i risultati usciti dalle urne ieri, soffermandosi sul (difficile) rapporto tra Svizzera e UE.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile