20min/Marco Zangger
SVIZZERA
26.10.21 - 13:140
Aggiornamento : 17:48

Terza dose per persone immunodepresse o a rischio

L'ok di Swissmedic alla somministrazione in Svizzera per i preparati Moderna e Pfizer/BioNTech

Il richiamo è raccomandato per le persone con più di 65 anni e sarà disponibile a partire da metà novembre

BERNA - Swissmedic ha dato oggi il via libera a una terza dose di vaccino per le persone immunodepresse o particolarmente a rischio. Tale dose di richiamo (booster) dovrebbe essere somministrata al più presto sei mesi dopo la seconda ed è consigliata a tutte le persone con più di 65 anni.

I preparati considerati sono quelli di Moderna e Pfizer/BioNTech, precisa una nota odierna dell'Autorità svizzera per l'omologazione e il controllo dei medicamenti. Il benestare di Swissmedic giunge dopo un accurato esame delle richieste di autorizzazione per i preparati di Moderna (Spikevax®) e Pfizer/BioNTech (Comirnaty®).

Tale dose di richiamo dovrebbe garantire alle persone prese in considerazione un prolungamento dell'effetto protettivo ottenuto con la prima vaccinazione. Nuovi studi hanno mostrato, secondo Swissmedic, che una dose supplementare di vaccino può infatti far crescere il numero di anticorpi contro il Covid-19, in particolare tra i pazienti con un sistema immunitario indebolito. Anche persone appartenenti a gruppi a rischio possono approfittarne.

Sei mesi dopo la seconda dose - Entrambi i vaccini vengono somministrati per via intramuscolare durante un primo ciclo di vaccinazioni con due dosi a intervallo di 3 settimane (Comirnaty, 2 dosi da 0,3 ml) e un mese (Spikevax, 2 dosi da 0,5 ml). Una terza vaccinazione almeno 6 mesi dopo la seconda dose consente di mantenere la protezione contro la malattia da COVID-19 nelle persone anziane o nei pazienti a rischio.

La vaccinazione di richiamo (booster) con Comirnaty (Pfizer) prevede la stessa dose delle prime due vaccinazioni (0,3 ml), mentre quella con il vaccino anti-COVID-19 Spikevax (Moderna) prevede metà dose (0,25 ml).

Consigliata in particolare ai più di 65 anni - In una nota odierna, l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) e la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) raccomandano in particolare il booster a tutte le persone con più di 65 anni. La protezione vaccinale contro il coronavirus in questa fascia d'età può infatti diminuire leggermente con il passare del tempo.

La raccomandazione vale soprattutto per i residenti nelle case per anziani e nelle case di cura e per le persone a partire dai 65 anni con gravi patologie preesistenti. I cantoni si preparano a iniziare le vaccinazioni di richiamo da metà novembre, privilegiando presumibilmente le case di cura e anziani. Le autorità cantonali decideranno a partire da quando le persone idonee possono registrarsi.

Sistema immunitario indebolito: tre dosi - Alle persone immunodepresse con una risposta immunitaria soppressa (p. es. riceventi di trapianti di organi o pazienti oncologici) che dopo due vaccinazioni hanno sviluppato solo una risposta immunitaria lieve o nessuna contro il coronavirus SARS-CoV-2, può essere somministrata, almeno 28 giorni dopo la seconda, una terza dose dello stesso dosaggio.

I dati di uno studio clinico con partecipanti che avevano subito un trapianto di organo hanno mostrato che la terza dose migliora la risposta immunitaria rispetto a quella del gruppo di controllo (placebo).

Uso e sicurezza dei vaccini - Sulla base della modifica delle informazioni sui farmaci da parte di Swissmedic, la Commissione federale per le vaccinazioni (CFV) sta definendo le raccomandazioni di vaccinazione per le terze dosi dei vaccini anti-Covid-19. Swissmedic continua a monitorare attentamente i benefici e i rischi dei vaccini per prevenire l'epidemia da coronavirus in Svizzera e a livello internazionale.

La CFV indica che il booster non è autorizzato né raccomandato per tutta la popolazione. I dati scientifici disponibili mostrano infatti che le persone vaccinate sono molto ben protette contro la forme gravi del Covid-19. In caso di vaccinazione completa, la protezione vaccinale si attesta tuttora al di sopra del 90%. Chi rimane contagiato nonostante la vaccinazione non presenta sintomi o presenta sintomi lievi e solo raramente contrae una forma grave della malattia.

La fornitura di vaccini è assicurata - La Svizzera dispone di vaccini sufficienti per offrire nel 2021 e nel 2022 la vaccinazione di richiamo a tutte le persone per le quali è raccomandata e per vaccinare tutti coloro che non lo sono ancora, indicano ancora la CFV e l'UFSP.

La vaccinazione resta lo strumento migliore per uscire dalla pandemia di coronavirus. Solo un tasso di copertura vaccinale nettamente maggiore permette di immunizzare sufficientemente la popolazione e di proteggerla contro le forme gravi della malattia, evitando di sovraccaricare il sistema sanitario, ribadisce la nota.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
43 min
Il cane poliziotto salva un anziano nel bosco
L'uomo è stato rinvenuto in stato di ipotermia, ma cosciente.
ZURIGO 
1 ora
Il Presidente di Credit Suisse ha violato l'obbligo di quarantena
Doveva restare a casa, invece è volato con un jet privato nella penisola iberica.
BERNA
2 ore
Morto per aver usato il telefonino durante il volo
Il SISI ha chiarito le circostanze che hanno portato allo schianto un esperto pilota di alianti, nel 2016.
SVIZZERA
2 ore
Morto l'ex presidente di Novartis e UBS Alex Krauer
Era stato pure uno degli artefici della fusione tra Ciba-Geigy e Sandoz.
SVIZZERA
5 ore
Il ministro meno amato? «Preferisco restare fedele alle mie idee»
Dopo il discorso tenuto per l'elezione alla presidenza della Confederazione, Cassis ha incontrato i media.
ZURIGO
5 ore
Shopping da record a Natale, nonostante il Covid
Gli svizzeri spenderanno oltre 300 franchi a testa per i regali.
VAUD
5 ore
Si ubriaca con le allieve e ci dorme assieme. Addio insegnamento
Per l'Alta Corte il funzionario pubblico «non è più degno di rimanere in carica».
BERNA
5 ore
Secondo pilastro, primo sì alla riforma
Per la maggioranza del Consiglio nazionale l'abbassamento di 0,8 punti dell'aliquota di conversione è indispensabile
SVIZZERA
7 ore
Covid, 12'598 nuovi casi in Svizzera
I morti legati alla pandemia salgono a quota 11'326. Negli ospedali sono stati registrati 113 nuovi ricoveri
SVIZZERA
7 ore
«Non lasciamoci dividere»
Il neo presidente della Confederazione ha incentrato il suo discorso sulla pandemia: «La crisi avrà una fine».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile