keystone-sda.ch (ANTHONY ANEX)
Berna
+60
CANTONE/SVIZZERA
22.10.21 - 23:310

Migliaia di persone in piazza per salvare il pianeta

Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona

Seicento persone nella capitale ticinese. Sei volte di più in quella federale. Tutti uniti perché la politica inizi ad adottare «misure sociali ed ecologiche di protezione del clima».

BELLINZONA / BERNA - A circa una settimana dall'inizio della Conferenza mondiale sul clima a Glasgow, in Scozia, il movimento "Sciopero per il clima" è nuovamente sceso in piazza in Svizzera. A Berna, diverse migliaia di persone si sono radunate sulla Piazza federale nel pomeriggio. Manifestazioni si sono svolte in diverse altre città elvetiche.

In seicento nella capitale ticinese... - Tra di loro spicca quella di Bellinzona, dove circa seicento giovani ticinesi hanno marciato su Piazza Governo al grido di «giù le mani dal nostro futuro». Gli attivisti di Sciopero per il Clima Ticino hanno in particolar modo sostenuto le MAPA, ovvero quelle regioni che subiscono la maggior parte delle conseguenze pur non essendo minimamente responsabili del cambiamento climatico. «Oggi stiamo ancora scioperando. Questa volta vogliamo mettere in luce quelle aree e quelle persone che la crisi climatica la vivono già fin troppo», sottolinea Tessa Viglezio, una delle manifestanti ticinesi. «L’aumento delle temperature ha mostrato come anche qui in Svizzera alcune fasce della popolazione siano più vulnerabili a eventi meteorologici estremi». «Giustizia climatica significa capire che non siamo tutte e tutti sulla stessa barca», dichiara da parte sua Larissa Bison durante il suo discorso in Piazza Collegiata. «Vuol dire rendersi conto dei propri privilegi e del proprio ruolo inquinante, e agire di conseguenza».

...molti di più in quella federale - Nella città federale, sono invece state circa 3'500 le persone che si sono riversate nella piazza antistante il palazzo del Parlamento. Tra di essi anche numerosi piccoli gruppi provenienti da località della cintura urbana di Berna, che con una sorta di cammino a forma di stella si sono poi riuniti sulla Piazza Federale. I vari oratori hanno esortato la politica «ad adottare misure sociali ed ecologiche di protezione del clima». Gli stessi messaggi facevano bella mostra di sé anche sui numerosi striscioni branditi dai dimostranti.

In duemila nella città di Calvino - A Ginevra secondo la polizia sono state circa 2000 persone a sfilare per le strade del centro storico fino alla Piazza delle Nazioni. Secondo gli organizzatori, questo luogo simbolico è stato scelto per ricordare l'ultimo rapporto del Gruppo intergovernativo sul cambiamento climatico (IPCC), che la scorsa estate ha annunciato che «in futuro ci saranno eventi meteorologici estremi con una frequenza e gravità senza precedenti». Centinaia di persone hanno preso parte a cortei e dimostrazioni anche a Basilea, Bienne e Neuchâtel.

L'appuntamento scozzese - Il 31 ottobre a Glasgow prenderà il via la 26a conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici. Molte sono le critiche mosse alla comunità globale, dato che numerosi paesi non hanno rispettato gli impegni presi in materia di protezione del clima. Pertanto, secondo gli esperti, l'obiettivo fissato congiuntamente nel 2015 di limitare il riscaldamento globale a 1,5 gradi rimane molto lontano. Queste manifestazioni a livello internazionale intendono aumentare la pressione sui governi e spingerli ad agire finalmente e ad adottare le misure necessarie per raggiungere gli obiettivi climatici.

«Maggior impegno» - Per quanto concerne la Svizzera, il movimento "Sciopero per il clima" si aspetta «un maggiore impegno in misure internazionali ambiziose e una rapida riduzione delle emissioni in patria».

Sciopero per il Clima Ticino
Guarda tutte le 64 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Dalu 1 mese fa su tio
Fantastico! Tio non mi permette di scrivere che in Ticino abitano una marea di egoisti che se ne fregano delle prossime generazioni!
Dalu 1 mese fa su tio
Incredibile quanta gente ci sia che se ne frega totalmente di quello che stiamo facendo alle prossime generazioni… che vergogna
madras 1 mese fa su tio
Poi vadino a vedere nei paesi poveri nella zona Europea, e poi ne ridiscutiamo
seo56 1 mese fa su tio
Si fa già troppo!!! Basta con questo ecoisterismo. La mia parte oggi l’ho fatta… ho acquistato una vecchia BMW che consuma 17 litri per 100 km e guidarla é una goduria
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
«Meglio Pfizer di Moderna per gli under 30»
Lo raccomandano l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni basandosi sulle dichiarazioni di miocardite.
SVIZZERA
3 ore
«La situazione è già critica, Omicron potrebbe peggiorarla»
Gli esperti della Confederazione hanno fatto il punto sulla situazione epidemiologica nel nostro Paese e non solo.
LUCERNA
3 ore
Lo spauracchio Omicron fa saltare le Universiadi
La competizione avrebbe dovuto aver luogo tra l'11 e il 21 dicembre. A Lucerna erano attesi atleti da cinquanta Paesi.
SVIZZERA
3 ore
La seconda volta di un'ecologista alla guida del Nazionale
La 34enne argoviese Irène Kälin è la nuova presidente della Camera bassa.
SVIZZERA
5 ore
Oltre 19mila contagi e 35 morti nel weekend svizzero
Salgono i pazienti Covid ricoverati in cure intense, che occupano ora il 25,4% dei posti letto.
FOTO
ARGOVIA
6 ore
Bancomat fatto esplodere e colpevoli in fuga
Altro furto a uno sportello automatico. Questa volta in canton Argovia.
FOTO
SVIZZERA
6 ore
Una bufera di neve investe la Svizzera
Temperature al ribasso e tanti disagi alla circolazione soprattutto in Svizzera tedesca.
GRIGIONI
9 ore
Test ripetuti nei Grigioni: i laboratori non ce la fanno più
Le autorità cantonali corrono ai ripari adeguando la misura nelle scuole e nelle aziende
SVIZZERA
9 ore
«Ha vinto la maggioranza silenziosa»
Così la stampa elvetica ha commentato l'esito dell'attesa votazione del 28 novembre sulla Legge Covid-19.
SVIZZERA
10 ore
Gli svizzeri chiedono nuovi provvedimenti anti-Covid
Estensione dell'obbligo di mascherina e booster raccolgono più consensi, secondo un sondaggio rappresentativo
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile