keystone
Petra Gössi, presidente del Plr
SVIZZERA
20.10.21 - 17:490

I partiti plaudono e criticano

I liberali soddisfatti a metà delle decisioni del governo: «Manca una strategia».

I Verdi Liberali: «Per revocare il certificato è ancora troppo presto»

BERNA - Il Partito liberale radicale (PLR) critica il Consiglio federale per la mancanza di una strategia per allentare le misure di protezione contro il Covid. Il partito accoglie invece favorevolmente l'accesso facilitato al certificato Covid per le persone guarite.

La popolazione e l'economia hanno urgente bisogno di prospettive, scrive il PLR in un comunicato. Il governo deve quindi presentare una strategia per allentare le restrizioni in vigore, compreso l'obbligo di certificato Covid, basata sull'evoluzione della situazione sanitaria e su criteri chiari, aggiunge il partito ricordando che la Commissione dell'economia e dei tributi del Consiglio nazionale (CET-N) ha sostenuto le sue richieste.

«È evidente, tuttavia, che finché la situazione sanitaria non migliorerà, solo il mantenimento del certificato Covid e un aumento del tasso di vaccinazione permetteranno di evitare misure liberticide che colpirebbero tutta la popolazione, come quelle decretate lo scorso inverno», aggiunge la nota.

Anche il presidente del Partito dei Verdi liberali (PVL) Jürg Grossen accoglie positivamente la proposta del governo. La situazione è purtroppo ancora troppo incerta per una revoca dell'obbligo del certificato, ha scritto oggi Grossen via Twitter. Il presidente del PVL si è detto soddisfatto della possibilità di ottenere un certificato Covid anche con un test sierologico e delle adattate condizioni riguardanti la validità del documento.
 
 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
10 ore
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
15 ore
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
BERNA
16 ore
Dopo Pfizer anche Moderna mette il booster
Intanto l'Ufsp raccomanda la dose di richiamo per tutti. La spiegazione: «Migliora la protezione e frena la diffusione»
SVIZZERA/CINA
17 ore
La missione di Cassis non decolla
Il consigliere federale ticinese dovrà tornare in patria a seguito del guasto all'aereo. «Cercheremo una nuova data»
SVIZZERA
17 ore
Vaccino ed effetti collaterali: in Svizzera 10'386 casi
Il 65% delle notifiche è stato classificato come non serio. I preparati impiegati nel nostro paese restano sicuri
SVIZZERA
18 ore
Mascherine, certificati e booster: nuove misure a Berna, Sciaffusa e Uri
Dopo che il Governo federale ha rinunciato a un inasprimento dei provvedimenti, altri Cantoni si sono attivati
SVIZZERA
20 ore
Anche oggi più di ottomila contagi in ventiquattro ore
Nelle strutture sanitarie elvetiche sono stati effettuati 106 nuovi ricoveri per Covid
SVIZZERA
21 ore
Nuova variante: l'Ufsp non si scompone
Per il momento la Svizzera non prende nessuna misura. «Monitoriamo la situazione»
SVIZZERA/RUSSIA
21 ore
Guasto tecnico all'aereo di Cassis
Atterraggio imprevisto per il jet che stava trasportando il consigliere federale in Cina. E non è la prima volta
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile