Immobili
Veicoli
Noah Knüsel
ZURIGO
28.09.21 - 23:550

«È il lavoro che amo, ma rinuncio per colpa del Covid»

Il personale infermieristico è logorato dalla pandemia. E c'è chi getta la spugna.

Molti, anche giovani, ne hanno abbastanza: «La pressione è enorme», racconta un'infermiera che ha rinunciato alla professione a causa dello stress.

Fonte 20 Minuten / Noah Knüsel
elaborata da Davide Milo
Giornalista

ZURIGO - Il personale infermieristico è tra i settori professionali più colpiti dalla pandemia. Oltre ad avere a che fare quotidianamente con il virus, è gravato anche da un pesante carico di lavoro.

«Gli infermieri sono stanchi», sottolinea Yvonne Ribi, direttrice dell'Associazione svizzera infermiere e infermieri (ASI). «Da un anno e mezzo siamo in prima linea», aggiunge. Ribi teme che il protrarsi dell'emergenza sanitaria possa portare alla fuga degli infermieri. «Ci sono sempre più indizi che portano a credere che si andrà in questa direzione».

Uno esempio è quello di J.S.*, infermiera presso un ospedale di Zurigo, impiegata in un reparto in cui vengono curati numerosi pazienti affetti da coronavirus. Poche settimane fa - nel bel mezzo della quarta ondata - si è dimessa. «Sono completamente esaurita», racconta la 31enne.

Anche i giovani se ne vanno - Durante la pandemia, d'altra parte, è stata dura: «Oltre al carico di lavoro notevolmente aumentato, la pressione psicologica è stata enorme», spiega. Lo stato di salute dei pazienti Covid poteva peggiorare molto rapidamente e ciò richiedeva impegno e attenzione.

La quarta ondata, inoltre, è arrivata in un momento in cui il personale infermieristico era già stato spremuto e ancora faticava a riprendersi: «La maggior parte di noi è stufa e vuole solo che tutto ciò abbia una fine». Secondo la 31enne son molti i colleghi che hanno gettato la spugna: «Anche i giovani stanno voltando le spalle al lavoro».

«Rinuncio al lavoro che amo» - S. ha tentato di resistere fino alla fine. «È stato molto difficile ammettere che non ce la facevo più». Lavorare nel settore dell'assistenza sanitaria era un sogno che coltivava sin da bambina: «È il mio lavoro del mio cuore, ma ci rinuncio a causa del Covid». Già prima della pandemia, precisa, in molti erano allo stremo: «Il coronavirus è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso».

Formazione e stipendi - Ribi conferma la situazione critica: «Abbandonano per esaurimento emotivo. La pressione e lo stress sono altissimi». Per questo ritiene che serva una formazione ad hoc e, contemporaneamente, degli adeguamenti salariali. «Occorrono una migliore retribuzione e più personale. Altrimenti, a un certo punto, la qualità delle cure non potrà più essere garantita».

* Nome noto alla redazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ARGOVIA
6 min
Cade da una parete rocciosa, 14enne perde la vita
Il giovane stava effettuando una passeggiata assieme a un amico. Inutili i tentativi di soccorso.
SVIZZERA
2 ore
Vaiolo delle scimmie: Berna pensa all'acquisto di un vaccino
«Per il momento, non c'è motivo di preoccuparsi» rassicura la vicedirettrice dell'UFSP Linda Nartey
ZURIGO
11 ore
Feriti a bottigliate a Winterthur
Tre persone sono state arrestati per due episodi distinti avvenuti nelle prime ore di domenica
SVIZZERA
13 ore
Gas, un accordo di solidarietà tra Svizzera e Germania
Simonetta Sommaruga e Guy Parmelin hanno incontrato il vicecancelliere Robert Habeck alla vigilia del WEF
ZURIGO
17 ore
Esplosione in casa, 18enne gravemente ferito
La deflagrazione sarebbe stata causata da una miscela pirotecnica autoprodotta.
SVIZZERA
18 ore
«È sempre più un'influenza stagionale»
C'è chi rivolge lo sguardo al prossimo autunno, esprimendo preoccupazione per l'emergenza di nuove varianti del Covid.
SVIZZERA
20 ore
Quando sei miliardi non bastano
La Confederazione potrebbe dover sborsare un ulteriore miliardo per l'acquisto dei jet da combattimento F-35.
GINEVRA
21 ore
La rissa fra "bande" degenera e partono alcuni spari
I fatti sono avvenuti in un bar del quartiere ginevrino di Plainpalais. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
23 ore
Quegli spinosi miliardi degli oligarchi con i quali non si sa bene che fare
In Svizzera sono 6 (ma c'è chi dice che siano molti, molti di più) e per la legge elvetica non si possono toccare
SVIZZERA
1 gior
Anche il WEF 2022 si tinge di guerra
Al via oggi nella capitale grigionese il summit economico, attesi 50 capi di stato e anche Zelensky e Stoltenberg
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile