keystone
Un poliziotto sul luogo dopo la strage
SVIZZERA
27.09.21 - 16:160
Aggiornamento : 19:59

Strage di Zugo, un minuto di silenzio

Era il 27 settembre di 20 anni fa. Un forsennato armato di un fucile d'assalto uccise 14 politici cantonali

Il Consiglio degli Stati ha ricordato la tragedia recitando i nomi delle vittime

BERNA - Ieri, come oggi, l'odio e la violenza sono veleno per le istituzioni democratiche. Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio degli Stati, Alex Kuprecht (UDC/SZ), ricordando i vent'anni trascorsi dai tragici fatti di Zugo, quando un uomo armato di mitragliatore fece irruzione nel parlamento cantonale uccidendo 14 persone.

Nell'esprimere, in apertura dei lavori parlamentari, il proprio cordoglio per le vittime e i famigliari, Kuprecht ha rammentato quanto le istituzioni democratiche siano vulnerabili di fronte a atti del genere e, in particolare, di fronte alla strage di Zugo che ha sconvolto la Svizzera. Prima di chiedere al plenum di alzarsi per un minuto di silenzio, Kuprecht ha letto ad alta voce i nomi delle vittime.

Poco dopo, anche il presidente del Consiglio nazionale Andreas Aebi (UDC/BE) ha fatto altrettanto alla Camera del popolo.

La mattina del 27 settembre 2001, poco dopo le 10.30, un forsennato in rotta con le autorità locali, Friedrich Leibacher, fece irruzione nella sala del Gran consiglio riunito per la sessione ordinaria di fine mese. Sparò 90 colpi che uccisero undici deputati e tre membri del governo cantonale; e poi si ammazzò. Dei quindici feriti, diversi rimasero a lungo in sospeso tra la vita e la morte.

Tra i sopravvissuti di quella tragedia figura l'attuale consigliere nazionale, e presidente del Centro, Gerhard Pfister. Questi, in diverse interviste pubblicate per la ricorrenza, ha rammentato di non aver ancora del tutto superato il trauma subito all'epoca, che l'ha profondamente segnato.

Per il 20esimo anniversario, questa sera si terrà nel capoluogo una cerimonia ecumenica per commemorare le vittime. Alla cerimonia sarà presente anche il presidente della Confederazione Guy Parmelin.

keystone
Guarda le 4 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
8 ore
Terza dose. Con quale vaccino? Da quando? E il certificato?
Domande e risposte sulla vaccinazione anti-Covid di richiamo, approvata oggi da Swissmedic per le persone a rischio
BASILEA
11 ore
Il controllore omicida è al sicuro a Hong Kong
Karim Ouali ha fatto perdere le sue tracce nel 2011. Ora la Cina non vuole estradarlo
GRIGIONI
13 ore
«Vogliamo che venga finalmente rinchiuso»
Nel 2017 il frontale costato la vita a una 27enne. Condannato, l'automobilista non aveva accettato la sentenza
FOTOGALLERY
VAUD
15 ore
Tonnellate di spazzatura disseminate sull'A1
Un incidente avvenuto stamattina ha causato la chiusura dell'autostrada fra Nyon e Gland fino alle 18.
BERNA
17 ore
«I contagi continueranno ad aumentare»
Patrick Mathys in merito alla pandemia: «Solo in due cantoni il tasso di riproduzione è ancora sotto l'1»
SVIZZERA
18 ore
Covid, 1'491 casi e 9 decessi in Svizzera
In diminuzione i pazienti ricoverati in cure intense a causa del virus, che occupano ora l'11,6% dei posti letto.
SVIZZERA
18 ore
La Svizzera è sempre più calda
Temperature superiori ai 25 gradi per 80 giorni sul Ticino meridionale, e tra 40 e 60 giorni sull'Altopiano
SVIZZERA
18 ore
Via libera alla terza dose
L'ok di Swissmedic alla somministrazione in Svizzera per i preparati Moderna e Pfizer/BioNTech
SVIZZERA
19 ore
"Svizzero" per errore, non ha più diritto alla nazionalità
Il Tribunale federale ha respinto il ricorso di un giovane che a torto e a lungo è stato considerato cittadino elvetico.
SVIZZERA
20 ore
Il Covid ha dimezzato l'uso dei trasporti pubblici
All'inizio del 2021 si percorreva una media di 3,6 chilometri al giorno, il 52% in meno rispetto all'anno precedente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile