keystone
SVIZZERA
25.09.21 - 12:000
Aggiornamento : 16:21

È esplosa la corsa ai test

La richiesta è raddoppiata con l'obbligo del certificato Covid. E il governo teme che non si arresterà

Mentre la campagna vaccinale rallenta, gli svizzeri fanno scorta in farmacia. Preoccupano i prezzi dopo l'11 ottobre: per gli esperti, un antigenico arriverà a costare 75 franchi

BERNA - Sono aumentate le vaccinazioni. Ma ancor di più i test. Dalla data fatidica del 13 ottobre, in Svizzera è partita una vera e propria corsa diagnostica per accedere a ristoranti e bar evitando la temuta "puntura". Prima dell'introduzione del pass obbligatorio, scrive oggi il Tages Anzeiger, a livello federale venivano testate circa 50mila persone al giorno. Oggi sono in media 95mila, e continuano ad aumentare. 

Il ministro della Salute Alain Berset prevede che si raggiungerà in fretta quota 143.000 se i test rimarranno gratuiti. Per contro, la speranza del governo che il ritmo delle vaccinazioni aumentasse di pari passo è stata soddisfatta solo in parte. La media settimanale (al 17 settembre) era di 31.500 dosi somministrate al giorno: oggi è scesa a 29mila. 

I numeri spiegano bene l'intenzione del Consiglio federale di non prorogare i finanziamenti pubblici ai test oltre il 10 ottobre, per le persone asintomatiche. Delle eccezioni sono previste per chi è esentato dal vaccinarsi per problemi di salute, per le visite in ospedale e per i bambini sotto i 16 anni. 

Ma quanto costeranno i test una volta "liberato" il mercato? Oggi la Confederazione paga 47 franchi per ogni kit antigenico. Ma i fornitori si aspettano che i prezzi non beneficeranno dell'effetto-concorrenza. Niklas Zeller di Viselio, centro bernese specializzato in test da viaggio, ritiene che il prezzo di 47 franchi è applicabile solo con gli attuali volumi di test effettuati. «È probabile che i prezzi aumenteranno fino al livello a cui si trovavano prima dell'intervento della Confederazione» ha dichiarato al Blick. La media era di 75 franchi a test. 

Il gioco varrà la spesa? L'obiettivo del governo federale è di spingere più persone a vaccinarsi, per evitare una nuova ondata in inverno. «La vita sociale si svolgerà sempre più in spazi chiusi nei prossimi mesi, e gli ospedali potrebbero di nuovo finire sotto pressione» ha avvertito Berset. Le speranze del ministro della salute sono riposte in buona parte nel vaccino Johnson&Johnson, non basato sul principio dell'mRNA. Le trattative con il produttore sarebbero a buon punto. Ma agli scettici sarà meno indigesto?

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Anche Swissmedic sta valutando la pillola anti-Covid
Merck ha depositato una domanda di omologazione in Svizzera lo scorso mese di agosto
FOTO
ZUGO
10 ore
Sorpasso fatale per un motociclista
L'uomo si è scontrato contro un furgone e un'auto che circolavano nel senso opposto.
SVIZZERA
14 ore
In Svizzera 3'297 contagi in settantadue ore
Nel corso del weekend si è reso necessario il ricovero per 49 pazienti Covid. Sono stati registrati quindici decessi
SVIZZERA
14 ore
Chi ha detto che gli over 55 se la passano male?
Il tasso di occupazione aumenta. E anche il riconoscimento professionale. Lo dice uno studio di Swisslife.
SVIZZERA
14 ore
«Il Tribunale federale non è un casinò»
Un comitato partitico prende la parola contro l'Iniziativa sulla giustizia in votazione il prossimo 28 novembre
SVIZZERA
16 ore
La pandemia aggrava la situazione economica dei media
La pubblicità è in calo anche nell'online, per la prima volta dal 2014
SVIZZERA
16 ore
La luce in fondo al Covid? Ci sono cinque "se"
Il capo della Conferenza dei direttori sanitari Engelberger è ottimista. Ma restano dei punti di domanda
SVIZZERA
18 ore
Quattro aziende su cinque hanno lo stesso problema
In Svizzera la crisi delle materie prime è già "pandemica", secondo Economiesuisse. «I prezzi aumenteranno»
VALLESE
18 ore
Collisione fatale sul passo della Novena
Questo sabato un centauro 26enne ha perso la vita dopo che un'auto ha sconfinato nella sua carreggiata, colpendolo
SVIZZERA
19 ore
La manifestazione no-Pass di Berna, due giorni dopo
Tre cose degne di nota dalla moto di piazza di sabato, fra chi (e quanti) c'erano e una polemica che riguarda la polizia
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile