Keystone
SVIZZERA
23.09.21 - 09:070

Esercito, 2.3 miliardi per il 2021

Gli Stati hanno dato via libera al credito da destinare al programma d'armamento e all'acquisto di materiale e immobili.

BERNA - Sì allo stanziamento di 2,3 miliardi di franchi da destinare al programma di armamento, all'acquisto di materiale e agli immobili del Dipartimento federale della difesa (DDPS). Dopo il Consiglio nazionale, anche quello degli Stati ha approvato oggi all'unanimità il messaggio sull'esercito 2021.

Il plenum ritiene giustificati i mezzi richiesti per l'esercito destinati all'ampliamento dei sistemi di condotta e di comunicazione, alla protezione più efficace dei militari, al miglioramento della mobilità e alla modernizzazione delle infrastrutture d'istruzione e logistiche.

Per la prima volta, il DDPS ha presentato un messaggio che illustra anche l'impatto ecologico degli acquisti previsti e dei lavori da eseguire per migliorare il bilancio ambientale degli immobili, in particolare dotandoli di pannelli solari, oppure costruendoli in base a standard ecologici riconosciuti (Minergie), ha dichiarato a nome della commissione Olivier Français (PLR/VD).

A tale proposito, la consigliera federale Viola Amherd ha sottolineato che le forze armate si sono poste l'obiettivo di ridurre le emissioni di CO2 del 40% entro il 2030 rispetto al 2001. Il programma degli immobili contempla l'installazione di pannelli fotovoltaici su una superficie totale di 18'000 metri quadrati, distribuiti su tredici siti.

Altro vantaggio del messaggio: i progetti possono essere finanziati attraverso il budget ordinario dell'esercito e il credito globale è inferiore ai 2,7 miliardi stanziati per il 2020.

Nel dettaglio, il credito è così suddiviso: 854 milioni per il programma d'armamento, 772 milioni per l'acquisto di materiale destinato all'esercito e 628 milioni per gli immobili del DDPS.

Il messaggio prevede anche 178 milioni da destinare all'estensione della rete di controllo svizzera. I siti considerati importanti per le operazioni, ma non collegati, verranno integrati nella rete. L'equipaggiamento dei centri di calcolo e l'infrastruttura di comando delle Forze aeree saranno rinnovati con budget rispettivi di 79 milioni e 66 milioni di franchi.

Previsto anche il miglioramento della mobilità delle truppe di terra. I veicoli del genio saranno rinnovati (360 milioni, contestati dalla sinistra) e i rimorchi sostituiti (66 milioni). Anche la protezione dei soldati sarà ottimizzata: l'equipaggiamento di protezione contro le armi nucleari, biologiche e chimiche acquistato negli anni '90 sarà sostituito (120 milioni).

Per quel che concerne l'infrastruttura logistica, a Burgdorf (BE) l'attuale officina verrà sostituita con un nuovo immobile (163 milioni). Sarà in grado di ospitare circa 2000 veicoli e 6000 palette di materiale. I siti di Frauenfeld (TG, 69 milioni) e Drognens (FR, 45 milioni), impiegati per l'istruzione, saranno ampliati.

È infine previsto un contributo alla costruzione del poligono di tiro di Sion (26 milioni) e alla ristrutturazione del centro d'istruzione dell'Ufficio federale della protezione della popolazione ubicato a Schwarzenburg (BE, 34 milioni). Verranno anche acquistati simulatori per le armi multiuso a spalla (51 milioni).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Peter Parker 2 mesi fa su tio
Se c'e' un Esercito bisogna anche mantenerlo, quindi c'e' poco da dire. Ci sono tante altre questioni che sono piu vergognose, tipo rendere finalmente obbligatoria la riduzione delle riserve delle Casse Malati che ammontanto a 12 Miliardi (piu del doppio di quanto neccessario). Per dirne una.
seo56 2 mesi fa su tio
Semplicemente vergognoso
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVITTO
1 ora
Auto nel pendio, un morto
Grave incidente ieri pomeriggio a Muotathal. Due feriti e un decesso
SVIZZERA
7 ore
Noto attivista Corona-scettico finisce in cure intense con il virus
Il 66enne François de Siebenthal si è opposto pubblicamente alle disposizioni sanitarie decise dal Governo federale.
FOTO
SVIZZERA
9 ore
«Tutte le persone presenti su quell'aereo devono testarsi»
L'UFSP ha scritto un SMS a tutti i passeggeri del volo atterrato questa mattina a Zurigo e proveniente da Johannesburg.
SVIZZERA
10 ore
Nuove Covid-restrizioni a Neuchâtel e San Gallo
Nel cantone romando scatta l'obbligo di mascherina in musei, cinema e chiese. Fortemente raccomandato il telelavoro.
SVIZZERA
11 ore
Licenziati cinque militari no-vax
Facevano parte del Comando forze speciali e senza vaccino non avrebbero potuto effettuare missioni all'estero.
FOTO
ARGOVIA
12 ore
Con il 2.6 per mille combina un disastro
Ieri sera a Mellingen, una 37enne si è messa alla guida della sua automobile completamente ubriaca. Pessima idea.
SVIZZERA
13 ore
La selezione dei pazienti? «È eticamente devastante»
Con le terapie intensive che si riempiono presto i medici dovranno di nuovo effettuare il tanto temuto "triage".
SVIZZERA
16 ore
L'industria degli eventi si prepara alle restrizioni
La regola delle 2G piace alle discoteche. A Zurigo un concerto punk-rock aggiunge il requisito del test antigenico
ZURIGO
1 gior
Quanto è pericolosa Omicron?
Potrebbe essere peggiore della già temibile delta. La parola agli esperti
SVIZZERA
1 gior
Omicron, chiudono i voli diretti con l'Africa australe
La decisione comunicata in serata, dopo l'emergenza della nuova variante, è valida a partire dalle ore 20 di oggi.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile