Immobili
Veicoli
20min/Carole Alkabes
SVIZZERA
17.09.21 - 18:220

Test a pagamento: le reazioni dei partiti

Soddisfatto il PLR, mentre altri promettono battaglia

BERNA - Il PLR accoglie favorevolmente l'annuncio del Consiglio federale di volersi attenere alla sua decisione di rendere i test a pagamento dal primo ottobre per le persone asintomatiche. Verdi, Alleanza del Centro, UDC e Verdi liberali invece non ci stanno e promettono battaglia in Parlamento.

Il PLR è l'unico partito governativo a sostenere questa strategia del Governo. I test a pagamento costituiscono un incitamento a farsi vaccinare, così come l'estensione del certificato Covid, che porta sempre più persone a fare il grande passo, sottolineano i liberali-radicali in una nota. A loro avviso, la vaccinazione resta il solo modo di proteggersi contro il virus e quindi di evitare misure più restrittive.

Anche la decisione del Governo sull'introduzione di controlli in entrata sul territorio svizzero è positiva, secondo il PLR. Ciò soddisfa una richiesta dei liberali-radicali, che auspicavano l'obbligo di un test in assenza di un certificato.

Verdi: no a test a pagamento - Dal canto loro, i Verdi ritengono "incomprensibile" che il Consiglio federale stia prendendo tempo e che i test Covid diventino quindi a pagamento a partire dal primo ottobre. Gli ecologisti intendono "continuare a mettere la pressione" sul Governo durante la sessione autunnale affinché rimangano gratuiti.

I Verdi deplorano il fatto che il Consiglio federale non tenga conto del cambiamento di posizione osservato in seno al Parlamento. "Tale decisione è pericolosa da un punto di vista epidemiologico", aggiungono gli ecologisti.

Anche Centro e PVL per gratuità test - Anche l'Alleanza del Centro e i Verdi liberali avrebbero preferito che il Consiglio federale si fosse pronunciato per la gratuità dei test. Per la situazione epidemiologica e l'umore nel Paese è importante che essi continuino a rimanere gratuiti.

L'atmosfera nel Paese è tesa e il Consiglio federale temporeggia, ha dichiarato su Twitter il presidente del PVL Jürg Grossen. La popolazione ha bisogno di chiarezza e di sapere se dal primo ottobre i test saranno gratuiti o si dovrà pagare per farli. A suo parere, c'è bisogno di un periodo gratuito più lungo. Il tempo per prepararsi ai requisiti del certificato Covid è stato troppo breve, ha aggiunto.

Dello stesso avviso l'Alleanza di centro. Il partito di Gerhard Pfister propone inoltre che i test gratuiti potrebbero essere limitati a un determinato numero al mese o messi a disposizione soprattutto di giovani e giovani adulti, qualora continuassero ad essere gratis "per un certo periodo". Ciò permetterebbe di continuare a seguire lo sviluppo epidemiologico.

Per aumentare il numero di persone favorevoli al certificato Covid, c'è bisogno anche di altre misure come i test gratuiti. Ciò è essenziale, anche per poter diminuire i ricoveri negli ospedali.

UDC contenta dei controlli alle frontiere - Dal canto suo, l'UDC si dichiara soddisfatta per le nuove regole di controllo alle frontiere introdotte dal Consiglio federale. Il primo partito svizzero si dice tuttavia anche stupito del fatto che il Governo non abbia deciso di rendere gratuiti i test contro il coronavirus.

Per quanto riguarda i controlli alle frontiere, l'UDC ricorda come sia dal marzo 2020, che il partito abbia chiesto norme più severe per gli ingressi in Svizzera. I democentristi avrebbero voluto che anche i frontalieri fossero controllati ai confini per contrastare la pandemia di Covid-19.

Sui test a pagamento, l'UDC chiede che sia la Confederazione ad assumersi i costi, fintanto che vige l'obbligo certificato Covid.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
Cassis tratta «gli scagnozzi di Putin» con i guanti?
La Svizzera non ha comunicato l'espulsione di alcun diplomatico russo. Ciò non vuol dire che siano ancora tutti qui
FOTO
BERNA
2 ore
Le fiamme divorano la stalla
È il decimo episodio nella zona. Recentemente altri nove incendi avevano toccato le proprietà di alcuni abitanti
SVIZZERA
3 ore
Iperattività da record: in aumento la richiesta di farmaci
Cinque anni fa il 50% di persone in meno veniva trattato con Ritali o principi attivi simili
SVIZZERA
6 ore
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
9 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
10 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
12 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
14 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
15 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
16 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile