Immobili
Veicoli
tipress
SVIZZERA
15.09.21 - 15:440

Ancora sette pazienti in attesa di rimpatrio

Verranno trasferiti in cure intense in Svizzera. Ma non si sa quando

BERNA - Sette pazienti si trovano attualmente all'estero in attesa di essere riportati in un'unità di terapia intensiva in Svizzera. Due di loro sono classificati come urgenti dal Servizio sanitario coordinato (SSC) dell'esercito.

Un altro paziente non è considerato urgente e per altri quattro occorre attendere di raggiungere le capacità di trasporto, scrive oggi in una nota l'SSC. Due di questi pazienti provengono da Stati balcanici e gli altri cinque da Paesi turistici del Mediterraneo.

Tra il 9 e il 14 settembre sono invece stati rimpatriati in Svizzera nove pazienti, su un totale 23 persone bisognose di terapie intensive segnalate all'SSC. Sedici di loro hanno ricevuto un trattamento prioritario, mentre in sette casi non è più stato auspicato alcun trasporto "per vari motivi". Il Servizio sanitario coordinato precisa inoltre che il 52% dei casi trattati riguarda pazienti Covid e il 48% altre patologie.

Dal 9 settembre, le richieste di trasferimento di pazienti che si ammalano all'estero non vengono più fatte agli ospedali, ma dal centro di coordinamento nazionale. Quest'ultimo valuta le richieste secondo «criteri medici unitari» e le trasmette ai responsabili cantonali e regionali.

Se non è disponibile alcun posto di trattamento intensivo presso il domicilio del paziente, il centro di coordinamento si assume l'attribuzione di posti su scala nazionale. Nonostante l'alta sollecitazione dei reparti di cure intense, finora è stato possibile garantire i rimpatri.

Vista la situazione epidemiologica dinamica, non è tuttavia possibile fornire indicazioni vincolanti sull'immediato futuro. L'obiettivo - precisa ancora l'SSC - è di fare in modo che non si debbano più definire le priorità per la totalità dei rimpatri, non appena la situazione nei reparti di cure intense si sarà calmata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
50 min
Gas, un accordo di solidarietà tra Svizzera e Germania
Simonetta Sommaruga e Guy Parmelin hanno incontrato il vicecancelliere Robert Habeck alla vigilia del WEF
ZURIGO
4 ore
Esplosione in casa, 18enne gravemente ferito
La deflagrazione sarebbe stata causata da una miscela pirotecnica autoprodotta.
SVIZZERA
5 ore
«È sempre più un'influenza stagionale»
C'è chi rivolge lo sguardo al prossimo autunno, esprimendo preoccupazione per l'emergenza di nuove varianti del Covid.
SVIZZERA
7 ore
Quando sei miliardi non bastano
La Confederazione potrebbe dover sborsare un ulteriore miliardo per l'acquisto dei jet da combattimento F-35.
GINEVRA
8 ore
La rissa fra "bande" degenera e partono alcuni spari
I fatti sono avvenuti in un bar del quartiere ginevrino di Plainpalais. Nessuno è rimasto ferito.
SVIZZERA
10 ore
Quegli spinosi miliardi degli oligarchi con i quali non si sa bene che fare
In Svizzera sono 6 (ma c'è chi dice che siano molti, molti di più) e per la legge elvetica non si possono toccare
SVIZZERA
11 ore
Anche il WEF 2022 si tinge di guerra
Al via oggi nella capitale grigionese il summit economico, attesi 50 capi di stato e anche Zelensky e Stoltenberg
SCIAFFUSA
13 ore
L'alcol, l'incidente e la fuga
Il conducente ha perso il controllo dell'auto, urtando una vettura ferma a un semaforo
SVIZZERA
13 ore
L'estate svizzera «potrebbe raggiungere i 40 gradi»
Le previsioni di Thomas Bucheli, caporedattore di SRF Meteo, dopo le temperature "non normali" del mese di maggio.
SVIZZERA
23 ore
Party, vodka e caviale: perché al Wef di Davos si sentirà la mancanza dei miliardari russi
La rappresentativa, ufficialmente non grata, era solita portare nella città grigionese feste esclusive ed esosissime
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile