deposit
ZURIGO
02.09.21 - 17:450
Aggiornamento : 20:12

Un video illegale nella chat di Whatsapp gli costa tutti i risparmi

Doveva essere un filmato per farsi due risate. Costo? Ben 12 mila franchi

Il giovane è sconvolto: «Mi attende un anno di incertezze. E tutto per uno stupido clic fatto senza pensare»

ZURIGO - «Avrebbe dovuto essere solo uno stupido scherzo tra amici, ma è finito male», racconta M.* a 20 Minuten. All'inizio del 2020, il 21enne faceva parte di un gruppo WhatsApp di circa 200 persone: «Nella chat i partecipanti si scambiano brevi filmati, alcuni dei quali circolavano anche sui social». Spesso si trattava di video stupidi o divertenti con animali, ma a volte contenevano anche contenuti più piccanti o violenti.

M. ha partecipato a questo scambio di contenuti fino a che uno di questi filmati è finito nelle mani delle autorità. E così il ragazzo è stato interrogato e quattro mesi dopo ha dovuto fornire spiegazioni davanti a un giudice. Nel filmato incriminato si vede un ragazzino che guarda un porno. Quando qualcuno gli tira giù i pantaloni, si può vedere il suo pene in erezione.

M. sostiene di aver trovato il video semplicemente divertente: «Capisco che sia un po' osé, ma in quel momento non ci ho pensato e l'ho passato ai miei amici con un clic. Non avevo affatto cattive intenzioni». Anche il tribunale è giunto alla stessa conclusione, e così il giovane è stato assolto da tutti i capi d'imputazione.

La sentenza, però, è stata impugnata dalle autorità competenti e l'esito del ricorso è arrivato un mese fa. Il 21enne è stato ritenuto colpevole, ricevendo così una multa di mille franchi sospesa per due anni. Ben più salate sono però le spese processuali: 4'500 franchi per i procedimenti preliminari, più i costi della difesa, che devono essere rimborsati e ammontano a circa 7500 franchi.

In totale si tratta di 12.000 franchi, una grossa somma per il ragazzo: «È stato uno shock per me: vengo privato di tutti i miei risparmi e, dato che sono un lavoratore autonomo, è una catastrofe finanziaria. Non capisco come sia possibile passare dall'essere assolto a una condanna simile». 

Anche il suo avvocato, Patrick Götze, considera la sentenza del tutto sproporzionata. «Voglio contestare il verdetto, ma non posso permettermi di sostenere queste spese», prosegue M. «Con un solo clic sconsiderato, mi sono regalato un anno di incertezze, costi e paure». Per il ragazzo è importante sensibilizzare le persone sull'argomento: «Quasi tutti i miei colleghi sono coinvolti in chat in cui questi video vengono diffusi regolarmente. Pochissime persone sanno, tuttavia, che il semplice possesso o l'inoltro di queste clip è un reato penale».

«È importante far sapere ai giovani cosa è vietato su Internet» - È all'ordine del giorno che persone vengano segnalate perché coinvolte nell'invio di video violenti o a sfondo pornografico senza sapere che sta commettendo un crimine», spiega Nina Hobi dalla piattaforma "Giovani e media". «Anche se non era intenzionale, secondo la legge, si tratta di possesso, pubblicazione e messa a disposizione di materiale pornografico illegale». E l'ignoranza non protegge dalla pena.

I motivi per cui adolescenti e giovani adulti diffondono materiale illegale sono diversi: «Si tratta di status, vuoi mostrare agli altri ciò che hai trovato. C'è una dinamica tutta particolare che spinge a trovare video sempre più sorprendenti». Anche se si tratta di pornografia o violenza. «È tipico di queste generazione condividere contenuti da Internet, anche senza secondi fini».

* Nome noto alla redazione

Esistono tre forme di pornografia generalmente vietate dal diritto penale. Questo per prevenirne l'imitazione e proteggere le persone colpite. Sono vietate le rappresentazioni sessuali con minori di 18 anni, con animali e con violenza.

Come afferma Prevenzione Svizzera della Criminalità in un opuscolo, è fondamentalmente vietato consumare, produrre, scaricare, possedere o inoltrare tali rappresentazioni da Internet. Se ricevi tali immagini o video, gli esperti ti consigliano di eliminarli immediatamente.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Mattiatr 2 mesi fa su tio
Quindi che dire di tutti quei 40-50 enni che condividono foto e video di animali morti o maltrattati giusto per mostrarsi indignati? Tutte queste sono solo baggianate esagerate, si punisce un crimine irrilevante con una pena esagerata.
ceresade36@gmail.com 2 mesi fa su tio
Mi sembra un puo tantto esagerato non cera niente di male una cosa normale che sucede a tutti maschi Porno ? A me sembrano troppi pregiudizi come si fosse una cosa strema Fatte multe per davvero a quelli lazzeroni che sono in pinsilina a bere e fumare grazie alle tasche di quelli che lavoriammo e faciamo andare la economia no per una cosa cosi simplice 😡
Fester 2 mesi fa su tio
@ceresade36@gmail.com Credo che non abbia capito l'articolo...:/
Hardy 2 mesi fa su tio
Più che video osé è un video di pornografia minorile, diciamo le cose come stanno. Dal titolo credevo fosse invece stato un tentativo di phishing andato a buon fine.
Meiroslnaschebiancarlengua 2 mesi fa su tio
La prossima volta ragionerà col cervello invece che col ....
seo56 2 mesi fa su tio
Sentenza vergognosa! Manco fosse un criminale!!
Meiroslnaschebiancarlengua 2 mesi fa su tio
@seo56 La pornografia è un crimine
joe69 2 mesi fa su tio
@Meiroslnaschebiancarlengua La pedo pornografia è un crimine, la pornografia no;-) In questo il crimine sussiste... il fatto che il ragazzo dica che pensava fosse un video divertente o altro, non lo giustifica, la legge non ammette ignoranza! Sennò tutti i pedofili userebbero la stessa scusa... Caso mai l'errore è stato fatto con la prima sentenza, assolvendolo...
Mattiatr 2 mesi fa su tio
@Meiroslnaschebiancarlengua La pornografia è legale, esattamente come la prostituzione.
Viperus 2 mesi fa su tio
Date le multe per cose serie...non per idiozie.....
Meiroslnaschebiancarlengua 2 mesi fa su tio
@Viperus La pornografia non è una cosa seria?
Viperus 2 mesi fa su tio
@Meiroslnaschebiancarlengua Certo che no...oltretutto se presa per ridere. I pedofili...quelli si che é una cosa seria....
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Friborgo
5 ore
Abusava della figlia sin dalla sua nascita, condannato a 15 anni
Le violenze sono andate avanti per sette anni. L'uomo aveva dichiarato al suo arresto che grazie a lui «sa masturbarsi»
SVIZZERA
7 ore
Il termine “Afghanistan” blocca il versamento Twint
Un termine “sbagliato” impedisce la transazione attraverso l'app elvetica per i pagamenti. Ecco il motivo
SVIZZERA
9 ore
Omicron è ufficialmente sbarcata in Svizzera
Le due persone contagiate, che sono legate tra loro, si trovano in isolamento.
SVIZZERA
10 ore
Gli scettici vogliono creare una «società parallela»
Sfiducia nei media, rabbia verso le autorità. E ora la delusione alle urne. Gli ideologi no Vax progettano la secessione
SVIZZERA
10 ore
«Misure che equivalgono a un divieto di vita notturna»
Le decisioni del Governo sono state giudicate adeguate alla gran parte dei partiti, non da alcune associazioni.
GIURA
10 ore
Il Canton Giura chiede l'aiuto dell'esercito
Obiettivo: aumentare le capacità in vista della somministrazione del booster. C'è infatti carenza di personale formato.
SVIZZERA
12 ore
Misure già rafforzate in diversi cantoni
Basilea (Città e Campagna), Soletta, Zugo e Svitto hanno reso obbligatorie le mascherine nei luoghi pubblici.
SVIZZERA
12 ore
Covid Pass anche per incontri privati con più di dieci persone
La proposta del Governo: Covid pass anche nel privato, mascherina al chiuso, e test rapidi validi solo 24 ore.
SVIZZERA/GERMANIA
13 ore
La Svizzera apre ai pazienti tedeschi
Il Baden-Württemberg potrebbe trasferire malati di Covid nel nostro paese. «Situazione drammatica»
SVIZZERA
14 ore
«Il medico non è obbligato a procurarsi il dossier di un paziente»
Il Tribunale federale ha confermato l'assoluzione di un praticante processato per la morte di una paziente
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile