Immobili
Veicoli
Tamedia
SVIZZERA
17.08.21 - 13:420
Aggiornamento : 14:21

Con la campagna di vaccinazione rallentata, anche le dosi arrivano dopo

Questo mese era attesa la consegna di un milione di dosi. L'UFSP ha chiesto di ritardare la fornitura

BERNA - La campagna di vaccinazione è rallentata. Parecchio. Ma le forniture di vaccino continuano ad arrivare. Per quest'anno la Confederazione ha ordinato quasi 20 milioni di dosi dei preparati Moderna e Pfizer/BioNTech, di cui quasi la metà è già stata consegnata.

Entro la fine dell'anno sono quindi attesi altri cinque milioni di dosi. Sicuramente troppe per l'attuale andamento della campagna di vaccinazione, che ora vede circa 130'000 inoculazioni alla settimana (contro le oltre 600'000 dello scorso giugno). Dovranno quindi essere buttate via? No, secondo quanto riferito dall'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) dalle colonne del Blick.

Nei magazzini della Farmacia dell'esercito si trova al momento circa un milione di dosi. Il preparato Pfizer/BioNTech scade al più presto alla fine di novembre 2021, mentre quello di Moderna a gennaio 2022.

Per quanto riguarda i quantitativi che devono ancora arrivare in Svizzera, le forniture sono invece state rimandate su richiesta delle autorità federali: nel corso di agosto era infatti prevista la consegna di un milione di dosi da parte di Moderna. Una consegna, questa, che non sarà effettuata. Per ora. Come scrive ancora il Blick, le fialette saranno comunque fornite nel corso dell'ultimo trimestre di quest'anno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SAN GALLO
22 min
Video pedo-pornografici sui profili (hackerati) di Facebook e Instagram
La polizia di San Gallo denuncia diversi casi e avverte: «Anche i proprietari rischiano di subire azioni legali».
BERNA
54 min
Quarantena e obbligo del telelavoro fino a fine febbraio
Gli altri provvedimenti provvisoriamente fino a fine marzo
SVIZZERA
1 ora
Nuovo record di contagi e 25 decessi in Svizzera
Scendono i pazienti ospedalizzati a causa del virus, che occupano ora il 7,9% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
2 ore
Una miocardite che è già un caso
La velocista vodese Sarah Atcho al centro delle polemiche dopo aver raccontato di essersi ammalata dopo il vaccino
SVIZZERA
3 ore
«Come un jackpot a Las Vegas»
Il giornalista ed ex dirigente del ramo Kurt Zimmermann è molto critico sugli aiuti che voteremo il prossimo 13 febbraio
SVIZZERA
4 ore
Salute compromessa dopo il vaccino: «Sono solo stato sfortunato»
Il granconsigliere argoviese Martin Wernli soffre di problemi di salute da quando ha ricevuto la prima dose.
ZURIGO
5 ore
Il Consiglio federale si asterrà probabilmente da ulteriori misure
Il numero dei contagi è ancora alto, ma gli ospedali stanno reggendo il colpo.
GRIGIONI
5 ore
Prolungato l'obbligo della mascherina nelle scuole grigionesi
Indossare sistematicamente la mascherina è uno dei provvedimenti più efficaci di protezione dai contagi.
GRIGIONI
15 ore
Il 2G in pista non ferma gli sciatori
La regola vale nel comprensorio internazionale di Samnaun. E le presenze non mancano
ZURIGO
16 ore
Investì una poliziotta, 11 anni di carcere per un 20enne
L'intenzionalità, nella manovra, ci sarebbe stata, ha stabilito il Tribunale distrettuale zurighese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile