Keystone (archivio)
SAN GALLO
10.08.21 - 12:000

Molestie sessuali alle FFS, due stipendi di risarcimento

Confermato però il licenziamento della dipendente, ritenuto proporzionato per una serie di mancanze.

Secondo il Tribunale Amministrativo Federale le Ferrovie non hanno «dimostrato la diligenza che ci si aspetta da una grande impresa» nel trattare il caso.

SAN GALLO - Una dipendente delle FFS vittima di molestie sessuali riceverà un risarcimento equivalente a due mesi di stipendio. Il Tribunale amministrativo federale (TAF) ha però confermato il suo licenziamento in considerazione del suo atteggiamento negativo protrattosi per diversi anni.

Nel 2011, la donna aveva assistito alla rapina di un ufficio di cambio in una stazione ferroviaria. Le è stato attribuito un altro posto di lavoro e ha iniziato ad avere problemi relazionali con i colleghi. Dopo una lunga procedura, la società incaricata dalle FFS di chiarire le cause ha rilevato comportamenti inappropriati considerati molestie sessuali.

Le FFS le hanno offerto un risarcimento di 6'597 franchi, pari a un mese di stipendio, importo confermato dal TAF nel dicembre 2018. Il Tribunale federale ha ribaltato la decisione nell'ottobre 2019, ritenendo che il TAF non aveva preso in considerazione tutte le circostanze del caso.

Risarcimento raddoppiato - In una sentenza pubblicata oggi, il Tribunale amministrativo federale ha fissato ora il risarcimento a due mesi, ovvero 13'194 franchi. Inoltre, le FFS dovranno pagare un totale di 13'789 franchi per le spese legali della donna in prima istanza.

Questa volta i giudici di San Gallo hanno sottolineato che le FFS non hanno «dimostrato la diligenza che ci si aspetta da una grande impresa», ritardando di sei mesi l'esame dei fatti denunciati. Hanno anche criticato l'atteggiamento dell'azienda e la gestione della situazione, definita inadeguata. Infine, hanno aggiunto, la dipendente, unica donna in una squadra di una ventina di uomini, era stata confrontata per almeno dieci mesi con il comportamento inappropriato di alcuni di loro.

Ripetute mancanze - Il TAF però, con una seconda sentenza, ha respinto il ricorso della lavoratrice che chiedeva di dichiarare illecito il licenziamento. Nel 2015, le FFS aveva deciso che non poteva essere reintegrata nel suo team e le hanno proposto di trasferirla alla borsa lavoro dell'azienda (AMC) per riorientare la sua carriera.

Nell'ottobre 2018, la dipendente è stata minacciata di licenziamento a causa di varie mancanze, tra cui dichiarazioni irrispettose ed errori nella registrazione dell'orario di lavoro. Un anno dopo, è stata informata dell'intenzione del suo datore di lavoro di licenziarla. Il preavviso è stato dato per il 30 giugno 2020.

La dipendente ha fatto ricorso contro questo provvedimento al Tribunale amministrativo federale. La Corte ha constatato che le FFS avevano «motivi oggettivi e sufficienti» poiché la ricorrente era stato oggetto di numerosi rimproveri dal 2014 e che le mancanze erano proseguite anche dopo la minaccia di licenziamento nell'ottobre 2018.

Comportamento negativo - Presi isolatamente, i fatti non sembrano essere particolarmente gravi, secondo la Corte. Tuttavia, nel giugno 2019 la ricorrente è stata avvertita che ci si aspettava che adempisse ai suoi obblighi e adottasse un tono appropriato e un atteggiamento rispettoso, in caso contrario sarebbe stata licenziata. Eppure ha persistito nel suo comportamento negativo.

Anche considerando il passato della dipendente e la ristrutturazione del 2016, il TAF ritiene che si sia comportata in modo inappropriato e abbia violato i suoi obblighi in diverse occasioni. Le numerose misure adottate dalle FFS per assisterla nella riqualifica non indicano, come sostiene la ricorrente, che l'unico scopo fosse quello di liberarsi di lei.

Le due sentenze non sono definitive e possono essere impugnate davanti al Tribunale federale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZUGO
1 ora
Sorpasso fatale per un motociclista
L'uomo si è scontrato contro un furgone e un'auto che circolavano nel senso opposto.
SVIZZERA
5 ore
In Svizzera 3'297 contagi in settantadue ore
Nel corso del weekend si è reso necessario il ricovero per 49 pazienti Covid. Sono stati registrati quindici decessi
SVIZZERA
5 ore
Chi ha detto che gli over 55 se la passano male?
Il tasso di occupazione aumenta. E anche il riconoscimento professionale. Lo dice uno studio di Swisslife.
SVIZZERA
5 ore
«Il Tribunale federale non è un casinò»
Un comitato partitico prende la parola contro l'Iniziativa sulla giustizia in votazione il prossimo 28 novembre
SVIZZERA
7 ore
La pandemia aggrava la situazione economica dei media
La pubblicità è in calo anche nell'online, per la prima volta dal 2014
SVIZZERA
7 ore
La luce in fondo al Covid? Ci sono cinque "se"
Il capo della Conferenza dei direttori sanitari Engelberger è ottimista. Ma restano dei punti di domanda
SVIZZERA
9 ore
Quattro aziende su cinque hanno lo stesso problema
In Svizzera la crisi delle materie prime è già "pandemica", secondo Economiesuisse. «I prezzi aumenteranno»
VALLESE
9 ore
Collisione fatale sul passo della Novena
Questo sabato un centauro 26enne ha perso la vita dopo che un'auto ha sconfinato nella sua carreggiata, colpendolo
SVIZZERA
10 ore
La manifestazione no-Pass di Berna, due giorni dopo
Tre cose degne di nota dalla moto di piazza di sabato, fra chi (e quanti) c'erano e una polemica che riguarda la polizia
SVIZZERA
21 ore
«Il contact tracing è nel caos»
Col calo delle temperature, i contagi tornano ad aumentare. Ora è fondamentale individuare i luoghi di contagio
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile