Immobili
Veicoli
keystone-sda.ch (GEORGIOS KEFALAS)
+14
BASILEA CITTÀ
08.08.21 - 20:170
Aggiornamento : 22:31

Protesta contro la riduzione di pena a uno stupratore

La Corte d'appello basilese ha deciso di ridimensionare la condanna per stupro inflitta in primo grado a un 33enne.

Il motivo? Il comportamento della vittima. Una decisione che ha suscitato polemiche, spingendo diverse donne (ma non solo) a scendere in piazza.

BASILEA - Un migliaio di persone, principalmente donne, sono scese in piazza a Basilea per protestare contro una sentenza della Corte d'appello renana, che di recente ha deciso di ridurre la pena nei confronti dell'autore di uno stupro avvenuto in Elsässerstrasse. Diverse organizzazioni femministe hanno indetto la manifestazione dal titolo “11 minuti sono troppo lunghi”, con la quale hanno voluto lanciare un segnale di solidarietà e vicinanza alla vittima. Ma anche chiedere le dimissioni del giudice Liselotte Henz.

«Spero che questa manifestazione avvii un dibattito sulla revisione del diritto penale sessuale e che sia l'ultimo caso a essere gestito in questo modo», ha dichiarato a 20 Minuten Nihil Madat, una delle attiviste. Dopo il suo e altri discorsi, la folla è rimasta in silenzio per undici minuti. Tanti quanto erano durate le violenze nei confronti della donna - avvenute nel febbraio dello scorso anno -, come testimoniano le riprese video di una telecamera di sorveglianza che mostrano i due autori entrare e uscire dalla casa di Elsässerstrasse. 

La corte d'appello di Basilea ha riesaminato il caso di stupro alla fine di luglio e ha ridotto la pena di uno dei due colpevoli, un 33enne, giudicando così il suo reato in modo più indulgente rispetto a quanto fatto dal Tribunale penale. Le motivazioni della corte hanno suscitato scalpore sui social e negli ambienti politici: i segnali che la vittima ha inviato agli uomini avrebbero avuto un ruolo nell'accertamento della colpevolezza, aveva affermato il presidente del tribunale Liselotte Henz nella sentenza orale. La vittima aveva persino «giocato con il fuoco». Inoltre, la donna non aveva riportato gravi lesioni fisiche e il delitto era stato relativamente breve, undici minuti. La corte d'appello ha poi aggiunto in una successiva dichiarazione che si trattava solo di valutare la colpa dell'aggressore e non di squalificare la vittima.

Il condannato verrà rilasciato mercoledì dopo 18 mesi ed espulso dal Paese per sei anni. Il complice, che all'epoca dello stupro aveva solo 17 anni, deve ancora essere giudicato dal Tribunale per i minorenni.
 

keystone-sda.ch (GEORGIOS KEFALAS)
Guarda tutte le 18 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / RUSSIA
4 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
6 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
SVIZZERA
15 ore
Boom di suicidi giovanili: «Abbiamo uno stato di emergenza»
Più 50%, rispetto al 2020, alla Clinica universitaria di psichiatria infantile e adolescenziale di Berna.
SVIZZERA
17 ore
Pierin Vincenz alla sbarra
Si aprirà martedì il processo all'ex Ceo di Raiffeisen
SVIZZERA
17 ore
SUV sulle nostre strade? Sempre più pericolosi
In caso di incidente incrementano il rischio di morte nell'auto più leggera del 50%.
SVIZZERA
18 ore
Con l'estate le restrizioni statali non serviranno più
L'ex membro della Task force Marcel Tanner spiega che sarà fondamentale puntare sulla responsabilità individuale
ZURIGO
19 ore
La polizia interrompe un raduno di auto modificate
Sette appassionati sono stati denunciati: le loro vetture presentavano modifiche non autorizzate
BERNA
1 gior
Morto schiacciato da un albero
L'uomo stava tagliando del legname in una zona boschiva.
SVIZZERA
1 gior
«Quasi nessun Omicron-contagiato in cure intense»
È ancora Delta, secondo quanto riportato da alcuni ospedali svizzeri, a causare i decorsi più gravi.
FOTO
BERNA
1 gior
"Libertà!" e bandiere svizzere nella capitale
La manifestazione, non autorizzata, è stata sorvegliata da vicino delle forze dell'ordine.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile