20Minuten
SVIZZERA
28.07.21 - 14:010

Quando per il certificato Covid serve un test, anche se si è vaccinati

Solo i vaccini omologati in Svizzera - quindi Moderna, Pfizer e Johnson&Johnson - permettono di ottenere il documento.

Di conseguenza molti svizzeri residenti all'estero, che hanno ricevuto il preparato di altre aziende, sono in difficoltà nell'ottenerlo.

BERNA - In Svizzera certe persone vaccinate contro il Covid-19 devono ugualmente sottoporsi a un test prima di entrare nel paese o partecipare a una grande manifestazione. Difatti ottiene un certificato di vaccinazione elvetico solo chi è stato immunizzato con un preparato omologato nella Confederazione.

L'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha confermato oggi all'agenzia Keystone-ATS quanto riportato dalla radiotelevisione svizzerotedesca SRF, che riferiva del caso di una svizzera domiciliata in Giordania vaccinata con AstraZeneca che in seguito non ha ricevuto il certificato elvetico. Ciò significa che se vuole partecipare a un grande evento deve comunque sottoporsi a un test.

Visto che numerosi paesi ricorrono al vaccino anglo-svedese (o altri qui non autorizzati), sono molti gli svizzeri residenti all'estero ad essere confrontati a questo problema.

L'UFSP spiega che il rilascio del certificato da parte della Svizzera nel caso di una vaccinazione all'estero è possibile qualora il preparato inoculato è autorizzato nella Confederazione e l'immunizzazione è completa. Il numero di dosi - aggiunge - deve essere conforme alle raccomandazioni dell'UFSP e sufficientemente documentato.

Tuttavia, indirettamente, vengono accettate anche immunizzazioni con vaccini non omologati in Svizzera, qualora gli interessati sono in grado di esibire un certificati di un paese dell'Unione europea (UE) o dell'Associazione europea di libero scambio (AELS). L'UE riconosce ufficialmente dal 9 luglio l'attestato elvetico e la Svizzera quelli dei membri dell'UE/AELS, spiega ancora l'UFSP.

Stando a SRF il vaccino di AstraZeneca viene inoculato in 181 paesi. In Svizzera l'azienda aspetta da ottobre il via libera; secondo l'autorità competente Swissmedic nel corso della valutazione del dossier è emerso che continuano a mancare dati solidi ed affidabili provenienti da studi clinici.

Al momento nella Confederazione sono omologati i preparati di Pfizer/BioNTech, Moderna e Johnson & Johnson. Quest'ultimo è stato autorizzato ma non viene somministrato perché la Confederazione non ha concluso alcun contratto con il gruppo americano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
25 min
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
1 ora
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
1 ora
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
SVIZZERA
2 ore
In Svizzera la pandemia sta rallentando
Contagi e ricoveri sono in calo, secondo il rapporto settimanale dell'UFSP. L'incidenza più bassa in Ticino
SVIZZERA
2 ore
Pazienti più giovani e sani in cure intense: cambiano le regole del triage
L'Accademia svizzera delle scienze mediche ha adeguato le sue linee guida.
ZURIGO
3 ore
Un bar nel mirino dei no-vax
Il Café Elena di Zurigo sta attirando critiche per aver cacciato dal suo locale il coronascettico Nicolas Rimoldi.
SVIZZERA
5 ore
«La pandemia sarà conclusa tra un anno»
Secondo Stéphane Bancel entro la metà del 2022 ci saranno «abbastanza dosi per vaccinare tutto il pianeta».
SVIZZERA
5 ore
Per nuovi allentamenti, «si smetta di trascurare i guariti»
Secondo Felix Schneuwly, esperto di salute di Comparis, «chi è stato infettato è una parte importante della soluzione».
SCIAFFUSA / AFGHANISTAN
8 ore
Fugge da Kabul grazie all'università svizzera
Halima è studentessa presso il SIT, nel canton Sciaffusa, ma fino a pochi giorni fa viveva ancora in Afghanistan
SVIZZERA
8 ore
Nuove rotte per vecchi spalloni
Dalle ceste portate sulla schiena alle valigette zeppe di denaro sporco, storia di contrabbandi di ieri e di oggi
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile