tipress
BERNA
22.07.21 - 15:230

I ciclisti causano 200 collisioni gravi ogni anno

L'inosservanza del diritto di precedenza è la causa principale di incidenti.

Ogni anno in media si registrano quattro morti e oltre 60 feriti gravi.

BERNA - Non di rado i ciclisti si mettono in pericolo da soli: ogni anno in Svizzera si registrano circa 200 collisioni gravi causate da utenti in bicicletta che il più delle volte riportano pesanti ferite o perdono addirittura la vita. Si tratta di circa il 10% di tutti gli scontri gravi che si verificano sulle strade svizzere. Lo rivela uno studio dell'Ufficio prevenzione infortuni (upi).

L'analisi dell'upi evidenzia che molto spesso questi incidenti sono dovuti all'inosservanza del diritto di precedenza e che causano quattro morti e oltre 60 feriti gravi in media annua, si legge in una nota odierna.

Un dato che potrebbe sorprendere molti è invece che i comportamenti più scorretti e palesi - come passare con il rosso, ignorare un senso unico, circolare sul marciapiede o senza luci di notte - causano relativamente pochi incidenti pur suscitando critiche e incomprensione. Ogni anno la polizia verbalizza in media una ventina di collisioni gravi dovute a queste infrazioni, tra cui una mortale.

Le infrazioni del codice della strada commesse dai ciclisti hanno quindi effetti tutt'altro che banali, e per questo secondo l'upi serve una sensibilizzazione specifica focalizzata tra l'altro sul rispetto delle regole, ad esempio attraverso controlli di polizia mirati e regolari nei punti in cui si verificano spesso situazioni critiche.

Ma per l'upi è pure fondamentale il potenziamento dell'infrastruttura: una rete di vie ciclabili sicura, ben connessa e attrattiva, con pochi tempi d'attesa e deviazioni, potrebbe indurre i ciclisti a utilizzarla maggiormente e ad attenersi alle regole, il che renderebbe i loro spostamenti più sicuri.

Infine, per proteggere meglio la mobilità ciclistica occorre puntare anche sui progressi tecnologici dell'industria automobilistica. La gravità degli incidenti tra automobili e biciclette può essere ridotta grazie a sistemi come l'assistente alla frenata d'emergenza, l'avviso di rischio di collisione e l'assistente alla svolta, ricorda l'upi, secondo cui è importante promuovere la diffusione di questi sistemi e adeguare costantemente alle nuove evoluzioni l'istruzione alla guida.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
lollo68 3 mesi fa su tio
Patente per il motorino e patente per la bicicletta visto che molti non sanno le regole più casco obbligatorio. Bisognerebbe insegnarle già a scuola, ma con la pratica, non sui libretti.
Lore61 3 mesi fa su tio
@lollo68 Un altro che vuol far ridere i polli! E in seguito la patente per passeggiare, per andare in bagno... con il casco...😂😂🤣
volabas56 3 mesi fa su tio
Non c'è di che meravigliarsi. Quando sono in gruppo poi sembrano i padroni assoluti della strada.
Lore61 3 mesi fa su tio
... Sempre più rimbambita e cerebrolesi... l'assistente alla frenata d'emergenza, l'avviso di rischio di collisione e l'assistente alla svolta... Che pena di civiltà!
seo56 3 mesi fa su tio
Ecco i veri pirati della strada 😡😡😡😡😡.
Princi 3 mesi fa su tio
@seo56 concordo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
2 ore
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
3 ore
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
NEUCHÂTEL
6 ore
Focolaio Covid in casa anziani, nonostante il vaccino
Su 31 residenti, 22 sono stati contagiati. E questo nonostante una copertura vaccinale del 91% fra gli ospiti.
CANTONE/ SVIZZERA
7 ore
Più sicurezza nelle gallerie (non soltanto nel San Gottardo)
A seguito dell'incidente del 24 ottobre 2001, è scattato un programma da 1,6 miliardi per rendere più sicuri i tunnel
SVIZZERA
10 ore
Sì a legge Covid-19 e cure infermieristiche, più incertezza sulla giustizia
È quanto emerge dal sondaggio svolto a inizio mese dalla SSR sui tre temi in votazione il 28 novembre.
FOTO
SOLETTA
19 ore
«Il ciclista non ha avuto nessuna possibilità di evitare l'impatto»
Il giovane che a bordo di una McLaren aveva gravemente ferito un 38enne è stato condannato a 44 mesi di prigione.
FOTO
GIURA
20 ore
In dogana con armi, munizioni e pure una moto d'epoca (non dichiarata)
Un francese di 59 anni è stato fermato (e multato) domenica 17 ottobre presso il valico di Bure.
VALLESE
21 ore
Il ticket per famiglie che non vale per le famiglie arcobaleno
L'esperienza di due papà dai Paesi Bassi agli impianti di risalita dell'Aletsch Arena, in Vallese
GINEVRA
23 ore
Donna uccisa a colpi di pistola
Il corpo è stato trovato questa mattina in un'abitazione di Vandoeuvres, nel Canton Ginevra. Marito in manette
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile