Archivio Depositphotos
SVIZZERA
20.07.21 - 12:170
Aggiornamento : 18:17

Quei «margini favolosi» sul diesel... prima delle vacanze

Secondo i piccoli gestori, i prezzi praticati dalle grandi marche sono «fantasiosi»

ZURIGO - Salasso in vista alla pompa di benzina per chi parte in vacanza: i grandi marchi del settore praticano prezzi molto elevati, ben superiori a quelli dei piccoli distributori, critica oggi il Blick, che non esita a parlare di «margini favolosi».

Puntualmente con l'arrivo delle ferie il costo del carburante sale, in particolare quello del diesel: il sospetto avanzato dal quotidiano è che gli automobilisti vengano volutamente tartassati. Per corroborare questa tesi i giornalisti della testata avanzano il caso dell'imprenditore Markus Gasser, che a Dagmersellen (LU) gestisce una stazione con cinque pompe, tutte diesel. Da lui il litro di gasolio costa 1,60 franchi, 20 centesimi in meno dell'attuale prezzo medio e di ben 30 centesimi inferiore agli 1,90 franchi richiesti nella non lontana area di servizio autostradale di Würenlos (AG).

Gasser dice di guadagnare bene con il carburante: acquista infatti il litro a 1,40 franchi. L'ultima fornitura, di 33'000 litri, è stata esaurita in pochi i giorni. Secondo il 53enne quelli praticati dalle grandi stazioni di servizio non sono altro che «prezzi fantasiosi».

Anche altri imprenditori sono al momento irritati dal fatto che alcuni gestori stiano «incassando spudoratamente» - così dice il Blick - e che gli scarti fra prezzi di acquisto e vendita siano saliti alle stelle negli ultimi mesi. «I margini sono molto alti», conferma Daniel Schöni, uno dei principali trasportatori sull'asse nord-sud, con centinaia di dipendenti e numerosi camion. Per far fronte alla situazione il 50enne acquista autonomamente il diesel: il prezzo in parte non raggiunge nemmeno il franco e quaranta, afferma in dichiarazioni riportate dal Blick.

Concretamente questo significa che chi vende a 1,90 intasca un profitto lordo di 50 centesimi. Ma i grandi del settore la vedono diversamente e non ci stanno a passare per profittatori. La cooperativa Avia, leader del mercato con oltre 500 stazioni di servizio, spiega alla testata che le tariffe sono fissate «individualmente alla pompa secondo i prezzi specifici di approvvigionamento e le condizioni di mercato regionali». Agrola, filiale di Fenaco e numero due, dice di non avere alcuna influenza sui prezzi, stabiliti localmente. Coop punta il dito sugli oneri di approvvigionamento e sul costo del greggio «generalmente aumentato». I responsabili di Migrol non hanno invece risposto.

Prende invece posizione in dettaglio - sempre interpellato dal Blick - Daniel Hofer, presidente di Avenergy Suisse, nuovo nome (dal 2019) di quella che un tempo era l'Unione petrolifera. A suo avviso la situazione è «il risultato di un mercato funzionante in cui i prezzi sono controllati dalla domanda e dall'offerta». Ogni stazione di servizio opera «in un ambiente di mercato locale», dice l'ex numero uno di Migrol. Questo è «essenzialmente determinato dai flussi di traffico, dai prezzi degli immobili e dalla concorrenza esistente».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
FOTO
LUCERNA
5 ore
Niente manifestazione a Willisau
60 persone sono state controllate dalla polizia e poi allontanate
BERNA
5 ore
Gli scettici sui vaccini pubblicano file non censurati dei pazienti
In particolare, su Telegram, è comparsa la cartella clinica di una donna finita in ospedale dopo il vaccino.
FOTO
GINEVRA
6 ore
Manifestazione in semi lockdown: assoluzione quasi generale
La corte ha stabilito che la polizia avrebbe dovuto agire con più moderazione
BERNA
7 ore
Barricate, proiettili di gomma e idranti nel cuore di Berna
Transenne e molti agenti oggi su Piazza federale per scongiurare lo svolgimento di nuove proteste anti-covid
FRIBORGO
8 ore
Prende a pugni due donne nel centro di Friborgo, arrestato un 32enne
L'aggressione, senza motivo, risale allo scorso sabato. L'uomo è stato posto in detenzione preventiva.
SVIZZERA
10 ore
Ecco perché calano i contagi
La situazione epidemiologica odierna è figlia di diverse motivazioni. Dall'estensione del certificato alle vaccinazioni.
ZURIGO
12 ore
Monta la protesta dei guariti senza Certificato
Secondo alcuni studi, la risposta anticorpale è più duratura tra chi ha avuto il virus rispetto a chi è vaccinato.
SVIZZERA
13 ore
Coronavirus, in Svizzera 1'632 positivi e 5 vittime
Decisamente minore la pressione sugli ospedali, con i pazienti Covid in calo.
SVIZZERA
14 ore
«Volare costa troppo poco, ma le tasse non sono la soluzione»
Doppio “no” del Nazionale a un'imposta sui biglietti aerei e sul cherosene
SVIZZERA
14 ore
Più sicurezza nello sport
In Svizzera si contano ogni anno circa 420'000 infortuni. L'upi chiede un adeguamento delle disposizioni legali
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile