keystone
ZURIGO
18.07.21 - 15:080
Aggiornamento : 20:26

Stephan Lehmann: un tempo portiere della "Nati", oggi disoccupato

Quando era calciatore ha guadagnato bene, ma ora «i soldi non ci sono più».

Il suo desiderio? Allenare portieri e continuare a vivere in Svizzera, «ma non so se sarà possibile finanziariamente».

ZURIGO - Un tempo portiere della nazionale svizzera di calcio, oggi disoccupato "anziano" - ormai già da un anno - con difficoltà a trovare lavoro: è la parabola esistenziale di Stephan Lehmann.

La situazione «non è facile per me», ammette il 57enne in un'intervista pubblicata oggi dal SonntagsBlick. «Lavorerei ancora molto volentieri come preparatore di portieri», l'attività che ha praticato dopo la fine della carriera sportiva.

«Questa è la vita, purtroppo è così per molte persone», prosegue Lehmann. «Naturalmente è frustrante quando si inoltrano centinaia di candidature e si ottengono solo rifiuti. Ma nel frattempo ho imparato a non prenderla sul personale».

L'ex giocatore - in particolare del Sion, con cui ha giocato 307 partite fra il 1988 e il 1997 - racconta di aver trascorso l'intera vita nel mondo del calcio, pur avendo all'attivo un apprendistato di commercio. «Ma allora lavoravamo ancora con le macchine da scrivere. Oggi con i miei 57 anni sono in un'età difficile».

Quando era calciatore ha guadagnato bene, ma ora «i soldi non ci sono più, nella mia vita ho preso anche qualche decisione sbagliata». Lehmann - che è stato per 14 volte nazionale, fra l'altro anche ai mondiali del 1994 negli Usa e agli europei del 1996 in Inghilterra - ammette di avere anche paura riguardo al futuro. «Mi piacerebbe trascorrere la fine della mia vita in Svizzera, ma non so se sarà possibile finanziariamente», afferma nell'intervista in cui racconta anche tutta una serie di aneddoti sportivi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
GINEVRA
22 min
«Volevano uccidermi perché non ho messo una canzone»
Tredici giovani ne hanno aggredito un altro per futili motivi durante la festa del digiuno ginevrino.
SVIZZERA
22 min
La fine della pandemia? «La prossima primavera»
Gli esperti si dicono d'accordo sul fatto che la stagione invernale sarà difficile. Dipende tutto dalle vaccinazioni
SVIZZERA
6 ore
Ingresso in Svizzera solo con test (o certificato)?
Ecco cosa potrebbe decidere il Consiglio federale nella sua seduta di domani
SVIZZERA
8 ore
Aumentano i vaccinati "riluttanti"
Nei Cantoni rurali il tasso di vaccinazione è più basso. Ma sembra che l'obbligo del pass nei bar stia cambiando le cose
BERNA
9 ore
No Pass: migliaia in piazza a Berna e Bienne
Ancora manifestazioni questa sera contro le nuove misure introdotte dal Consiglio Federale
SVIZZERA
13 ore
La terza dose sotto la lente di Swissmedic
L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sta valutando i dati clinici, «in termini di sicurezza ed efficacia»
ARGOVIA
14 ore
La 26enne ha ucciso il fratello, poi si è tolta la vita
La Polizia cantonale ha fornito nuovi dettagli sui due corpi trovati martedì mattina a Frick.
SVIZZERA
15 ore
Siamo il paese più caro d'Europa
Il nostro costo della vita è del 51% superiore a quello della Germania.
SVIZZERA
16 ore
I test potrebbero rimanere gratuiti
Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.
SVIZZERA
16 ore
Nessun decesso nelle ultime ventiquattro ore
Altre 61 persone hanno dovuto ricorrere a un ricovero. Le cure intense accolgono ora il 30,9% di pazienti Covid
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile