Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
08.07.21 - 09:150
Aggiornamento : 10:05

Possibile estensione del certificato Covid anche ai ristoranti

Lo prevede, in caso vi fosse un nuovo peggioramento della situazione pandemica, l'epidemiologo Christian Althaus.

Secondo l'ex membro della task force della Confederazione questo scenario potrebbe concretizzarsi questo inverno.

BERNA - È possibile che l'uso del certificato Covid venga esteso, per esempio al settore della ristorazione, nel caso in cui il sistema sanitario sia di nuovo fortemente sollecitato il prossimo inverno. Lo afferma l'epidemiologo Christian Althaus, sottolineando che, verosimilmente, le persone non vaccinate verranno prima o poi infettate dal Coronavirus.

Le previsioni - Nel corso dei prossimi due anni, la maggior parte di chi non è protetto da un vaccino o dall'essersi ammalato precedentemente finirà probabilmente per contagiarsi, indica l'esperto dell'Università di Berna in un'intervista pubblicata oggi dalla "Neue Zürcher Zeitung". Il punto è capire come le infezioni si propagheranno e se saranno necessarie misure, aggiunge.

Negli spazi chiusi - Secondo Althaus non è sicuro che si sia raggiunto un numero di vaccinati tale da impedire un'impennata dei casi gravi. Qualora gli ospedali dovessero tornare sotto pressione, l'obbligo di presentare un certificato Covid per entrare negli spazi chiusi sarebbe uno scenario immaginabile. Ciò potrebbe tra l'altro invogliare le persone a farsi immunizzare, fa notare.

I ragazzi - L'epidemiologo ritiene inoltre importante spiegare ai giovani che un tasso di vaccinati elevato garantisce più libertà non solo alla società, ma anche a loro stessi. A suo avviso pure i bambini andrebbero protetti. Nessun siero è stato approvato per gli under 12 e circa tre quarti non si sono ancora infettati e non hanno dunque sviluppato anticorpi.

Test a tappeto nelle scuole - «Vogliamo che una grossa fetta di giovani sia contagiata durante l'inverno?», si interroga Althaus. Con tanti adulti ormai vaccinati, il virus tende infatti a circolare tra bambini e adolescenti che possono trasmetterlo e, pur se in rari casi, ammalarsi con conseguenze non indifferenti e a lungo termine, come il cosiddetto Long Covid. Bisogna evitare che la situazione sfugga di mano nelle scuole, avverte lo scienziato, citando test di massa e controllo della qualità dell'aria nelle aule come fattori decisivi.

Su e giù - Althaus parte dal principio che il Covid-19, dalla primavera 2022, si comporterà come la classica influenza stagionale, con picchi invernali e cali estivi. La popolazione potrebbe venire regolarmente protetta tramite una vaccinazione di richiamo.

Sguardo in avanti - L'epidemiologo bernese, che era inizialmente membro della task force della Confederazione prima di lasciarla in gennaio come segno di protesta nei confronti della politica, crede che questa crisi ci abbia impartito numerosi insegnamenti. In particolare, la scienza e le istituzioni dovrebbero scambiarsi informazioni a uno stadio precoce e in modo mirato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Party, vodka e caviale: perché al Wef di Davos si sentirà la mancanza dei miliardari russi
La rappresentativa, ufficialmente non grata, era solita portare nella città grigionese feste esclusive ed esosissime
FRIBURGO
5 ore
Ciclista deceduto sul ciglio della strada
Il 69enne era stato trovato privo di sensi, i tentativi di rianimarlo sono stati inutili
BASILEA CITTÀ
6 ore
Incidente in piscina, bimba in condizioni critiche
Sono stati due ragazzi a estrarre la piccola dall'acqua
VAUD
7 ore
Kitesurfer gravemente ferito dall'elica di una barca
L'incidente al largo di Montreux, un 21enne è stato trasportato in ospedale
SVIZZERA
10 ore
Vaiolo delle scimmie, c'è il primo caso in Svizzera
Stando all'UFSP è stato riscontrato nel canton Berna, l'allerta non è alta: «Monitoriamo la situazione»
ZURIGO
12 ore
Accoltellamento all'alba, due arresti
In manette un 18enne e un 19enne, uno dei colpiti è in gravi condizioni
BERNA
13 ore
Un altro bancomat fatto brillare nel Giura Bernese
Lo scoppio nel cuore della notte nei pressi di una Coop di Reconviller che oggi rimarrà chiusa
GRIGIONI
14 ore
Il flop della camminata del clima di oggi contro il WEF
Due anni fa erano 1'000 quest'anno una cinquantina scarsa, le motivazioni secondo chi l'ha organizzata
ARGOVIA
17 ore
Schianto fatale contro il portale della galleria
L'incidente è avvenuto la scorsa notte a Küttigen, nel canton Argovia
ZURIGO
1 gior
È salito sulla gru perché «pensava che qualcuno lo volesse uccidere»
La sorella: «Sapevo che a un certo punto la situazione sarebbe degenerata, da tempo chiedevamo un ricovero forzato»
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile