Keystone
SVIZZERA
07.07.21 - 14:200

Aereo dirottato, Berna amplia le sanzioni contro Minsk

Sulla lista nera sono state aggiunte altre 78 persone e sette entità: tra loro c'è anche il figlio del presidente.

Le misure includono tra le altre cose il divieto di fornire materiale bellico e il blocco delle risorse economiche. Il regime di Lukashenko ha già minacciato nuove ritorsioni.

BERNA - In relazione all'atterraggio forzato di un aereo civile a Minsk, la Confederazione ha deciso di ampliare le sanzioni nei confronti della Bielorussia. Sulla lista sono state aggiunte 78 persone e sette entità, ha comunicato oggi la Segreteria di Stato dell'economia (Seco).

Le misure includono fra le altre cose il divieto di fornire materiale d'armamento e il blocco degli averi e delle risorse economiche. Questo nuovo intervento entra in vigore a partire da oggi alle 18:00.

Fra le persone colpite c'è anche il figlio del presidente bielorusso Alexander Lukashenko, Dmitri Alexandrovich Lukashenko, così come la nuora Lilja Walerewna Lukashenka, ha specificato la Seco. La Svizzera segue in questo modo le decisioni prese lunedì scorso dall'Unione europea.

Il regime di Lukashenko ha minacciato ritorsioni in caso di nuove sanzioni. Ha ad esempio annunciato che sospenderà la sua partecipazione al partenariato orientale dell'Ue, inteso ad avvicinare gli europei e le ex repubbliche sovietiche. Dalla Lituania è stato lanciato un allarme dopo l'arrivo - dalla frontiera bielorussa - di 150 richiedenti asilo in un solo giorno, quando nel 2020 ne sono arrivati un'ottantina in totale.

Aereo dirottato - Il 23 maggio il volo Ryanair da Atene a Vilnius era stato costretto ad atterrare a Minsk, dove l'oppositore Roman Protasevich - presente a bordo - è stato arrestato. La versione ufficiale della Bielorussia è che si è trattato di un atterraggio d'emergenza, dovuto a un allarme bomba partito dalla Svizzera. Quest'ultimo fatto è stato tuttavia smentito dalle autorità elvetiche.

Provvedimenti nei confronti della Bielorussia erano già stati presi nel 2006: a causa della violazione dei principi dello stato di diritto avvenuta durante le elezioni presidenziali, la Svizzera aveva aderito alle sanzioni decretate dall'Unione europea.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
NonilTicineseMedio 2 mesi fa su tio
però quando gli usa fecero lo stesso nel 2013 per Snowden nessuno disse o fece nulla. pagliacci popi popi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
7 ore
Couchepin: «Bisogna ignorare le provocazioni di Maurer»
Secondo l'ex consigliere federale, il ministro fa «il solito gioco dell'UDC»
GRIGIONI
7 ore
Incidente a Laax: due giovani morti e un ferito grave
Il conducente del mezzo ha perso il controllo finendo fuori strada e contro un muro
FOTO
ZURIGO
8 ore
Fanno esplodere un bancomat, ma fuggono a mani vuote
I soliti ignoti hanno preso di mira un apparecchio di Hüntwangen, nel Canton Zurigo
ZURIGO
9 ore
I contrari alla misure Covid manifestano a Winterthur
A migliaia hanno protestato contro la presunta censura e la «dittatura delle vaccinazioni».
ZURIGO / LUCERNA
10 ore
«Mi ha urlato che come gay dovrei essere gassato»
A pochi giorni dal voto sul “Matrimonio per tutti”, gli attacchi contro la comunità LGBTIQ si sono quintuplicati.
ZURIGO
11 ore
Anti-abortisti in strada tra favorevoli e contrari
La manifestazione è stata approvata dopo che il Municipio si era sostanzialmente opposto per evitare scontri.
VAUD
11 ore
Muore alla guida di una bitumatrice
L'uomo, un operaio francese 46enne, è precipitato in una scarpata per una ventina di metri.
FOTO
SOLETTA
13 ore
Con l'autoarticolato nella colonna delle auto, sei i feriti
È accaduto ieri pomeriggio sull'autostrada A5, vicino Luterbach.
BERNA
15 ore
"Freiheitstrychler" prendono le distanze dalle violenze
«I provocatori sono individui isolati che non appartengono al movimento» hanno dichiarato in una nota
TURGOVIA
16 ore
Caos in sala parto per test e mascherina, interviene la polizia
La polizia è intervenuta sul posto durante la nascita a causa di parenti che avrebbero «ignorato i regolamenti».
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile