Archivio Depositphotos
SVIZZERA
29.06.21 - 21:000
Aggiornamento : 23:20

«Guardate i porno coi vostri allievi»

Si tratta di fare educazione sessuale tematizzando sessismo, misoginia e violenza. La proposta di un ex primario.

Ma la rappresentante dei docenti non ci sta: teme la reazione dei genitori e parla della protezione degli insegnanti.

Fonte 20 Minuten / juu/mst
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - Durante la pandemia è aumentato il consumo di pornografia. Un fenomeno, questo, che può avere conseguenze negative, in quanto si tratta di rappresentazioni che hanno poco a che fare con la realtà. Ne possono soffrire soprattutto adolescenti e giovani adulti. Ecco quindi la proposta: «I giovani devono imparare a usare questo tipo di media, Raccomandiamo ai docenti di parlarne nelle scuole o di guardare porno coi loro allievi». La avanza Johannes Bitzer, ex primario all'Ospedale universitario di Basilea, che nella pubblicazione “Health Forecast” di Sanitas chiede così più informazioni sul tema indirizzate ai giovani.

Bitzer, che sulla questione si batte con altri colleghi della medicina sessuale, precisa a 20 Minuten che prima di guardare un porno in classe, i docenti dovrebbero dapprima parlarne. «È importante che la partecipazione sia volontaria. Nessuno dovrebbe essere obbligato» sottolinea.

Ma qual è l'obiettivo? Per il medico si tratta di dare ai giovani gli strumenti per riconoscere il sessismo, la misoginia e la violenza presenti nei porno. E questo è possibile parlandone apertamente in classe. «Se un teenager guarda questi film da solo, non c'è dibattito». In questo modo si intende quindi evitare l'educazione sessuale non accompagnata che avviene attraverso i porno o ricevendo informazioni incomplete da altri bambini.

La proposta di Bitzer non piace però a Dagmar Rösler, presidente dell'associazione dei docenti svizzeri (LCH): «Capisco le intenzioni del medico, ma eviterei: non può andare a finire bene» dice, pensando alle reazioni dei genitori e alla protezione del personale docente.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA 
5 min
Più caro, ma ci dura oltre 4 anni
Stiamo parlando dello smartphone. L'iPhone rimane l'apparecchio più impiegato, davanti a quelli di Samsung.
SVIZZERA
2 ore
Obbligo di Certificato Covid al lavoro? Per ora in Svizzera è un unanime «anche no»
Datori, dipendenti, politica ed esperti elvetici non entusiasti per una misura che in Europa inizia a far parlare
ZURIGO
2 ore
Non sei vaccinato? Il tuo bonus sarà più basso
Una società di sicurezza ha deciso di concedere premi maggiori a chi si è immunizzato.
SONDAGGIO TAMEDIA
4 ore
Dalla pandemia alla giustizia: come voterai il prossimo 28 novembre?
Mancano poche settimane alle votazioni federali. Partecipa al sondaggio di 20 minuti e Tamedia
ZURIGO
14 ore
«Non siamo degli “sboroni dell'auto” senza rispetto»
Nel weekend la polizia zurighese aveva interrotto un raduno di bolidi. Ora prende la parola una co-organizzatrice
FOTO
SVIZZERA / GERMANIA
18 ore
Auto strapiena di marijuana
I doganieri tedeschi hanno intercettato una vettura elvetica su cui erano presenti 53 chili di sostanza stupefacente
SVIZZERA / BRASILE
19 ore
Svizzero rapito e ucciso in Brasile
L'omicidio, avvenuto a Goianésia, sarebbe legato a un debito di circa 2'000 franchi.
SVIZZERA
20 ore
Covid: salgono i casi, ricoverati stabili
I pazienti Covid occupano ora l'1,8% dei posti letto complessivi.
SOLETTA
20 ore
Clienti “influencer” per andare in palestra senza Covid Pass
Lo stratagemma è stato adottato in una struttura solettese, ma è poi stato segnalato alle autorità
BERNA
22 ore
Scontro tra un auto e un treno
È successo nel Canton Berna. Fortunatamente non si registrano feriti
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile