Archivio Depositphotos
SVIZZERA
29.06.21 - 21:000
Aggiornamento : 23:20

«Guardate i porno coi vostri allievi»

Si tratta di fare educazione sessuale tematizzando sessismo, misoginia e violenza. La proposta di un ex primario.

Ma la rappresentante dei docenti non ci sta: teme la reazione dei genitori e parla della protezione degli insegnanti.

Fonte 20 Minuten / juu/mst
elaborata da Patrick Stopper
Giornalista

ZURIGO - Durante la pandemia è aumentato il consumo di pornografia. Un fenomeno, questo, che può avere conseguenze negative, in quanto si tratta di rappresentazioni che hanno poco a che fare con la realtà. Ne possono soffrire soprattutto adolescenti e giovani adulti. Ecco quindi la proposta: «I giovani devono imparare a usare questo tipo di media, Raccomandiamo ai docenti di parlarne nelle scuole o di guardare porno coi loro allievi». La avanza Johannes Bitzer, ex primario all'Ospedale universitario di Basilea, che nella pubblicazione “Health Forecast” di Sanitas chiede così più informazioni sul tema indirizzate ai giovani.

Bitzer, che sulla questione si batte con altri colleghi della medicina sessuale, precisa a 20 Minuten che prima di guardare un porno in classe, i docenti dovrebbero dapprima parlarne. «È importante che la partecipazione sia volontaria. Nessuno dovrebbe essere obbligato» sottolinea.

Ma qual è l'obiettivo? Per il medico si tratta di dare ai giovani gli strumenti per riconoscere il sessismo, la misoginia e la violenza presenti nei porno. E questo è possibile parlandone apertamente in classe. «Se un teenager guarda questi film da solo, non c'è dibattito». In questo modo si intende quindi evitare l'educazione sessuale non accompagnata che avviene attraverso i porno o ricevendo informazioni incomplete da altri bambini.

La proposta di Bitzer non piace però a Dagmar Rösler, presidente dell'associazione dei docenti svizzeri (LCH): «Capisco le intenzioni del medico, ma eviterei: non può andare a finire bene» dice, pensando alle reazioni dei genitori e alla protezione del personale docente.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
3 ore
La terza dose sotto la lente di Swissmedic
L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici sta valutando i dati clinici, «in termini di sicurezza ed efficacia»
ARGOVIA
4 ore
La 26enne ha ucciso il fratello, poi si è tolta la vita
La Polizia cantonale ha fornito nuovi dettagli sui due corpi trovati martedì mattina a Frick.
SVIZZERA
5 ore
Siamo il paese più caro d'Europa
Il nostro costo della vita è del 51% superiore a quello della Germania.
SVIZZERA
6 ore
I test potrebbero rimanere gratuiti
Il maggior partito svizzero lancia una mozione volta a mantenere il costo dei test a carico dello Stato.
SVIZZERA
6 ore
Nessun decesso nelle ultime ventiquattro ore
Altre 61 persone hanno dovuto ricorrere a un ricovero. Le cure intense accolgono ora il 30,9% di pazienti Covid
SVIZZERA
6 ore
Col tunnel di base del Ceneri, più merci prendono il treno
Lungo la linea del San Gottardo la quota è aumentata, anche rispetto al 2019
SVIZZERA
7 ore
La nuova ondata sembra aver perso slancio
Rispetto alla precedente, le nuove infezioni da coronavirus sono rimaste stabili. Così come le persone decedute.
SVIZZERA
8 ore
«Volevano mettere a tacere un testimone», due avvocati rischiano grosso
Pesanti accuse lanciate nei confronti di due avvocati attivi nel Canton Zurigo: il processo è in corso
ARGOVIA
10 ore
Bambina di sette anni trovata morta nella Reuss
Si trovava a bordo di un gommone con la famiglia, quando è scomparsa in acqua a seguito di un incidente
SVIZZERA
12 ore
Blocher preoccupato: «I segnali di una dittatura ci sono»
L'ex Consigliere federale considera «pericoloso» il comportamento delle autorità elvetiche
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile