Keystone
SVIZZERA
22.06.21 - 14:330
Aggiornamento : 16:24

Oltre 2 milioni di certificati Covid già emessi

Gli esperti della taskforce fanno il punto sulla situazione epidemiologica e sulla campagna vaccinale in Svizzera.

L'UFSP consiglia ai ragazzi tra i 12 e i 15 anni di farsi vaccinare. Il vaccino non porterebbe inoltre a nessun rischio di infertilità.

BERNA - Ha luogo oggi il consueto aggiornamento della task force scientifica sulla pandemia in Svizzera. La situazione epidemiologica è ancora in forte miglioramento: nelle ultime 24 ore nel nostro Paese sono stati registrati 130 casi di Coronavirus, 13 ospedalizzazioni e un solo decesso. L'occupazione dei pazienti affetti da SARS-CoV-2 nei nosocomi svizzeri si attesta allo 0,9%, per la terapia intensiva questa proporzione è invece del 7,8%.  

Informare e sensibilizzare al vaccino - Anne Lévy, Direttrice dell'Ufficio federale della sanità pubblica, è la prima referente. Al momento la proporzione di adulti già completamente vaccinati è pari al 37%, spiega, e il trend rispetto alla diffusione del virus è incoraggiante in tutti i cantoni. Le persone in lista d'attesa per vaccinarsi sono ora sempre meno. «Con le dosi che abbiamo a disposizione attualmente potremmo raggiungere l'obiettivo di vaccinazione che ci eravamo fissati per l'estate». La volontà di vaccinarsi in Svizzera è più forte di quanto si pensava, e questa è una buona notizia, aggiunge. È ora importante che i Cantoni comunichino in maniera efficace, attraverso i materiali dell'UFSP, per raggiungere chi non si è ancora iscritto e chi nutre ancora dubbi sul vaccinarsi o meno. Questi materiali sono disponibili nelle quattro lingue nazionali così come in 21 lingue aggiuntive. 

Certificato Covid per tutti - Riguardo al certificato Covid, Lévy spiega che ne sono stati finora emessi oltre 2 milioni. Entro la fine di giugno tutti i vaccinati, guariti e testati lo riceveranno. 

La tendenza recente - Patrick Mathys, Capo della sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell'UFSP, spiega che l'incidenza degli ultimi 14 giorni è molto positiva, con un tasso di riproduzione al 0,3% e sempre meno persone bisognose di cure ospedaliere.  

Variante Delta - Nel frattempo la variante Delta desta preoccupazioni in tutto il mondo. La diffusione è relativamente rapida ed è caratterizzata da mutazioni che potrebbero aumentarne la trasmissibilità, sottolinea Mathys. Dopo la vaccinazione completa, tuttavia, la probabilità di trasmissione è molto più bassa nei vaccinati rispetto ai non vaccinati.

Vaccino agli adolescenti - Parola a Christoph Berger, che annuncia che l'UFSP e la Commissione federale per le vaccinazioni raccomandano l'immunizzazione per tutti i giovani di età compresa tra i 12 e i 15 anni che desiderano essere vaccinati. Questa raccomandazione vale in particolare per i ragazzi che soffrono di malattie croniche o che hanno contatti stretti con persone a rischio. Non c'è però nessun obiettivo di vaccinazione per questa particolare fascia della popolazione, che non necessita di un certificato Covid per avere accesso agli eventi. 

Regole ora meno rispettate - Rudolf Hauri, Presidente dell'Associazione dei medici cantonali, parla delle misure Covid e mette in guardia: «Stiamo notando una diminuzione del rispetto delle misure di protezione, in particolare nel caso dei rituali di saluto». Inoltre, la variante Delta si sta espandendo ulteriormente. La vaccinazione è quindi sempre più importante e l'obiettivo è evitare il più possibile che le persone debbano sottostare a una quarantena. 

È il momento delle domande della stampa: 

Le vaccinazioni effettuate sono sufficienti per tenere sotto controllo la pandemia? 
La disponibilità alla vaccinazione è maggiore del previsto e questa è una buona notizia. Ma significa anche che ci vorrà un po' di più prima che tutti coloro che lo desiderano possano essere vaccinati, soprattutto ora che anche i bambini possono ricevere la vaccinazione, afferma Anne Lévy.

Riscontrate una maggiore insicurezza rispetto al vaccino tra le donne per paura di una eventuale infertilità ?

Non c'è nessuna indicazione che per le donne diventi più difficile rimanere incinte a causa della vaccinazione. Se così fosse, dice Patrick Mathys, si potrebbe presumere che il rischio di una diminuzione della fertilità sarebbe molto più alto dopo un'infezione da Coronavirus, e anche questo non è stato riscontrato.

Non si potrebbe revocare l'obbligo di indossare la mascherina per le persone vaccinate? 
Il Consiglio federale si pronuncerà presto in questo senso. La taskforce non dice però se e quando questo allentamento potrebbe diventare realtà.

Come viene controllata la variante Delta?
Nei casi in cui si sospetta un'infezione da variante delta il contact tracing viene intensificato: «Grazie alla bassa casistica, i Cantoni sono ora hanno in grado di farlo», afferma Mathys. Al fine di prevenire e monitorare l'importazione della mutazione dall'estero, continueranno a essere mantenute le restrizioni e le misure di viaggio.

In retrospettiva e alla luce delle ultime statistiche sui decessi, avremmo dovuto mantenere delle misure più severe durante l'estate 2020?
La seconda ondata ha colpito la Svizzera molto duramente, afferma Lévy, ed è importante valutarlo attentamente in seguito. La terza ondata sarebbe però stata gestita bene, sottolinea, proprio perché abbiamo imparato dalla seconda.

Come dovrebbero fare, i giovani minorenni, per decidere per conto loro in merito a una vaccinazione? 
Un giovane può decidere da solo se vuole essere vaccinato o meno, dice Berger. Spetta in ultima analisi al medico vaccinatore giudicare se la persona è in grado di prendere questa decisione o meno. Il Presidente della Commissione federale per le vaccinazioni presuppone tuttavia che i ragazzi ne parlino con i loro genitori.
 

Presenti alla conferenza stampa:

- Anne Lévy, Direttrice dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP)

- Patrick Mathys, Capo della sezione Gestione delle crisi e cooperazione internazionale dell'UFSP

- Christoph Berger, Presidente della Commissione federale per le vaccinazioni (CFV)

-  Rudolf Hauri, medico cantonale di Zugo e Presidente dell'Associazione dei medici cantonali

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BASILEA CAMPAGNA
1 min
Minacciato di morte perché voleva offrire il caffè ai vaccinati
Il titolare di un ristorante voleva fare un regalo alla clientela immunizzata.
ZURIGO
1 ora
Canoista disperso nella Limmat: «L'abbiamo visto andare a fondo»
È entrato in acqua malgrado il divieto di navigazione e di balneazione. Lanciata una vasta ricerca.
SAN GALLO
2 ore
Ordigno inesplosa sulle rive del Sitter, era lì da cent'anni
La granata è stata rimossa oggi dagli specialisti dell'esercito. Proviene da un pezzo d'artiglieria svizzera.
SVIZZERA
4 ore
La grandine presenta la "fattura" più pesante
Temporali e inondazioni. Tra giugno e luglio il maltempo si è fatto sentire in tutta la Svizzera.
SVIZZERA
5 ore
Effetti avversi dopo il vaccino: le ultime cifre
I casi classificati come seri da SwissMedic sono 1537, ovvero il 35.6% del totale.
SVIZZERA
6 ore
In Svizzera 791 casi in un giorno
Nelle ultime 24 ore sono stati registrati anche due decessi e 13 ricoveri.
BERNA
8 ore
Usare il fiume per raffreddare la città? Berna ci sta pensando
Al posto dei climatizzatori convenzionali, l'idea è di prelevare l'acqua dall'Aare e sfruttare la sua energia.
BERNA
10 ore
Vuole donare 50 franchi per le vittime dell'alluvione, la Posta gliene chiede 20 di commissioni
Il sovrapprezzo giudicato troppo alto ha fatto desistere l'85enne dal compiere il gesto generoso.
BERNA
20 ore
Nuovi temporali, nuova allerta
Precipitazioni attese a partire da sabato. Possibili nuovi temporali in vista
LUCERNA
21 ore
Impennata di malattie gastrointestinali
Il canton Lucerna sta cercando di chiarire le cause del problema.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile