Ti-Press (archivio)
SVIZZERA
15.06.21 - 13:350

«Non si può obbligare le casse malati a ridurre le riserve»

Secondo il Consiglio degli Stati la riduzione dovrebbe essere «volontaria».

Per questo motivo i senatori hanno respinto oggi dieci iniziative cantonali. Tre delle quali provenivano dal Ticino.

BERNA - Gli assicuratori malattia non dovrebbero essere costretti a ridurre le rispettive riserve o a compensare i premi in eccesso. È quanto crede il Consiglio degli Stati che oggi ha respinto dieci iniziative cantonali in tal senso. Tre di esse, ricordiamo, provenivano dal nostro Cantone, da sempre tra i più colpiti dagli aumenti dei premi.

I senatori preferiscono la soluzione del Consiglio federale di una riduzione volontaria e non obbligatoria delle riserve. L'ordinanza rivista sarà applicata per la prima volta nel calcolo dei premi del 2022.

Le iniziative presentate da Ticino, Ginevra, Giura, Friburgo e Neuchâtel chiedevano disposizioni vincolanti per ridurre le riserve degli assicuratori. Sarebbero state considerate eccessive se avessero superato il 150% del limite legale.

«Il Consiglio federale ha introdotto un nuovo regime che sarà seguito dagli assicuratori», ha assicurato Josef Dittli (PLR/UR). Una riduzione obbligatoria sarebbe problematica perché gli assicuratori sarebbero costretti a fare delle perdite. L'esperienza mostra inoltre che i premi sono assai volatili: un effetto yo-yo dovrebbe essere evitato, ha aggiunto Erich Ettlin (Centro/OW).

Né è ragionevole stabilire un limite che non tenga conto delle diverse dimensioni delle casse malattia e del numero di assicurati. Infine, le riserve possono sembrare elevate in termini assoluti, ma rappresentano solo da tre a quattro premi mensili di tutti gli assicurati.

Argomentazioni che non hanno convinto il campo rosso-verde, il quale ha denunciato l'aggravio sempre maggiore causato dai premi sul bilancio delle famiglie: spesso il premio rappresenta la spesa maggiore, con tendenza al rialzo. La "senatrice" Marina Carobbio (PS/TI) ha fatto notare come al 1° gennaio 2020 le riserve ammontassero a 11,3 miliardi di franchi, il che rappresenta un rapporto di solvibilità del 203%. Le riserve erano quindi il doppio del tasso minimo richiesto.

Questa situazione è sintomatica del malfunzionamento del sistema che richiede un'azione urgente mediante una riduzione obbligatoria delle riserve, secondo Carobbio. La proposta del governo di una riduzione volontaria non fornisce sufficiente trasparenza. Le iniziative godono anche di un ampio sostegno da parte dei cantoni, ha puntualizzato Maya Graf (Verdi/BL).

All'epoca era stato promesso che i premi assicurativi non avrebbero superato l'8% del bilancio. A Ginevra, siamo ormai al 17%, ha sostenuto Carlo Sommaruga (PS/GE). Il cantone deve versare sempre più sovvenzioni ai redditi modesti per poter pagare i premi, sovvenzioni che, paradossalmente, finiscono nelle riserve. Al voto, però, le iniziative che chiedevano una riduzione obbligatoria delle riserve sono state respinte per 20 voti a 17.

Gli stessi cantoni hanno anche presentato iniziative che auspicavano premi conformi ai costi. Se i premi raccolti in un cantone sono superiori ai costi accumulati, l'assicuratore dovrebbe essere obbligato a concedere delle compensazioni l'anno successivo.

La maggioranza crede che il principio secondo cui i premi debbano corrispondere ai costi deve essere considerato a lungo termine e non applicato rigorosamente ogni anno. È possibile che in un anno i premi siano leggermente superiori ai costi, e che la situazione sia l'opposto l'anno successivo.

Il meccanismo proposto per la compensazione obbligatoria dei premi copre solo i premi pagati in eccesso. Non copre i casi in cui i premi pagati in un dato anno sono troppo bassi.

Per la sinistra, la compensazione è una misura particolarmente adatta a ridurre le riserve, poiché gli assicurati che hanno pagato troppo saranno rimborsati. Ma di nuovo, i senatori non hanno sostenuto la proposta (22 voti a 17).

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
SteveC 3 mesi fa su tio
Di per se non si può obbligarli a fare niente, solo i cittadini sono obbligati a fare tutto quello che qualcuno in alto decide
Ro 3 mesi fa su tio
Per forza, altrimenti si ferma questa follia edile senza senso in atto da anni.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
2 ore
La chiusura delle palestre «ha danneggiato la salute dei clienti»
Non solo fisicamente, ma anche psicologicamente, secondo la federazione svizzera del settore
BASILEA
2 ore
Lite, spunta un coltello: grave un 48enne
L'aggressore è riuscito a far perdere le sue tracce
ZURIGO
4 ore
Ci sono più certificati che vaccinati e guariti messi assieme
Secondo l'Ufsp non si tratta di falsi. Ciò è possibile per quattro ragioni differenti.
ZURIGO
4 ore
Proprietario di agenzia di modelli condannato per molestie
La condanna è di tre anni, di cui uno da scontare. L'imputato sostiene che molte dichiarazioni siano false
SVIZZERA
6 ore
Lo Stato raccomanda il telelavoro, i capi impongono il ritorno in ufficio
Sono diversi i dipendenti che si interrogano sui vincoli dettati dai loro datori di lavoro.
TURGOVIA
6 ore
Mezzo pesante e bicicletta si scontrano: morto un 72enne
L'incidente è avvenuto nel pomeriggio a Kreuzlingen, la polizia cerca testimoni
ZURIGO
8 ore
Filmava bambini nudi, condannato
Ha effettuato le riprese in una struttura balneare per naturisti: un 57enne dovrà scontare 26 mesi di prigione
SVIZZERA
10 ore
A Berna nessuna manifestazione contro le misure anti-Covid
Era prevista per domani ma i promotori delle proteste e la città di Berna non hanno trovato un accordo.
BASILEA
11 ore
Fiocco rosa allo Zoo di Basilea: è nata Safiya
La piccola Safiya pesa poco più di cinque chili
SVIZZERA
12 ore
In Svizzera netto calo dei pazienti Covid in cure intense
In decisa diminuzione i pazienti affetti dal virus in terapia intensiva, che ora occupano il 26,9% dei posti letto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile