Tipress
SVIZZERA
13.06.21 - 16:120
Aggiornamento : 20:18

Legge sul terrorismo: «E ora evitiamo la schedatura di massa delle persone»

Reazioni degli oppositori alla Legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo

di Redazione

BERNA - Il sì alla Legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo, sta suscitando le reazioni di coloro che si erano opposti al potenziamento della lotta al terrorismo. Ad iniziare dall'Associazione Uniti dal diritto che ora sottolinea l'importanza di "rafforzare la sorveglianza parlamentare sull’attuazione della legge in modo da evitare abusi".

La nuova Legge di polizia concede ampi poteri ai servizi segreti svizzeri e alla polizia federale che potranno applicare misure coercitive contro cittadine e cittadini svizzeri sulla base unicamente di sospetti e senza controllo da parte delle autorità giudiziarie. "Sarà importante mantenere - ribadisce l'Associazione - un controllo sul numero di cittadini che verranno schedati e sorvegliati. Il Parlamento e la politica hanno il dovere di evitare che si ripeta una nuova schedatura di massa della popolazione come avvenuto negli anni ’80, quando un cittadino su 7 fu schedato dai servizi di spionaggio elvetici".

Verdi vogliono definire meglio "terrorismo" - Anche i Verdi intendono definire più precisamente il concetto di terrorismo. Vogliono in tal modo prendere in parola i sostenitori della normativa, che hanno assicurato come le nuove disposizioni non saranno dirette contro gli attivisti pacifici. Il gruppo ecologista presenterà un'iniziativa parlamentare la prossima settimana, ha indicato a Keystone-ATS il consigliere agli stati glaronese Mathias Zopfi. La definizione di terrorismo andrebbe orientata a quella inserita nella legge federale sulle attività informative, che a suo avviso presuppone un pericolo per la vita, l'integrità fisica e la libertà degli individui. I Verdi inoltre chiedono che la legge sia completata con il requisito dell'intenzione di commettere un reato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
53 min
Un neonato lasciato all'apposito sportello
Oggi esistono otto installazioni di questo genere, una di queste in Ticino.
SVIZZERA
1 ora
I dipendenti della Confederazione? Sempre di più e meglio pagati
I salari sono ormai in linea con quelli del settore bancario, secondo un'inchiesta della NZZ
SVIZZERA / BELLINZONA
3 ore
Chiesti 4 anni per l'ex quadro della SECO
L'uomo è accusato di corruzione passiva.
SVIZZERA
3 ore
Si rimane sopra i mille contagi
L'UFSP ha registrato due nuovi decessi dovuti al coronavirus (le infezioni sono 1'033). I nuovi ricoveri sono 35.
GINEVRA
6 ore
Infermieri non vaccinati: presto i test saranno obbligatori
La misura è stata annunciata dal responsabile della sanità cantonale ginevrina Mauro Poggia.
BASILEA CITTÀ
6 ore
Città europea dell'ambiente: Basilea si candida
La città renana prevede d'investire almeno 300mila franchi. La spesa supererà invece i 5 milioni.
SVIZZERA
6 ore
Passeggeri che restano a terra (a causa dei requisiti Covid)
Negli aeroporti elvetici fino al 10% dei viaggiatori viene respinto all'imbarco
GRIGIONI
8 ore
La vaccinazione walk-in funziona (e viene riproposta)
Nei Grigioni cinquecento persone hanno approfittato della somministrazione senza appuntamento
SVIZZERA
8 ore
«Il virus non scomparirà, dobbiamo imparare a conviverci»
A tu per tu con Virginie Masserey dell'UFSP sulle restrizioni, la campagna di vaccinazione e la terza dose
SVIZZERA
19 ore
«Blocher junior deve dimettersi»
Esponenti del PS e dei Verdi Liberali insorgono dopo le dichiarazioni di Marco Chiesa al 1. agosto.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile