20min/Michael Scherrer
SVIZZERA / UNIONE EUROPEA
06.06.21 - 13:300
Aggiornamento : 22:04

Col fallimento dei negoziati, saltano le consegne per l'UE

Nel settore medtech non viene più riconosciuta l'omologazione elvetica di prodotti già esistenti

Le aziende non vogliono più rifornirsi in Svizzera per evitare di violare le disposizioni

BERNA - I negoziati sull'accordo quadro sono ufficialmente falliti. E si osservano già le prime conseguenze. L'associazione di categoria Swiss Medtech parla infatti di due aziende che non sono più autorizzate a effettuare consegne nell'Unione europea.

Secondo quanto riferito dalla SonntagsZeitung, non si tratterebbe soltanto di prodotti appena arrivati sul mercato, ma di merce già omologata e con un certificato elvetico. Un certificato che per l'Unione europea ora non ha più nessun valore.

«Dal punto di vista della situazione, la decisione della Commissione europea è incomprensibile: si tratta di una reazione alla politica del Consiglio federale» afferma Daniel Delfosse di Swiss Medtech.

Clienti in cerca di nuovi fornitori - Le aziende esiterebbero quindi ad accettare consegne provenienti dalla Svizzera, in quanto correrebbero il rischio di violare le regole attualmente in vigore. Le imprese elvetiche potrebbero far certificare i propri prodotti nell'Unione europea, ma si tratta di una procedura che richiede tempo. Per l'industria medtech sarebbe fattibile, ma il timore è che i clienti cerchino altri fornitori in altri paesi.

Sospeso l'accordo bilaterale - L'accordo bilaterale del 1999 sull'abolizione degli ostacoli tecnici al commercio (MRA) prevede il riconoscimento reciproco tra Svizzera e Unione europea degli attestati di conformità per i prodotti industriali. Ma dopo il fallimento delle trattative per l'accordo quadro, sembra che l'Unione europea non sia disposta ad aggiornare tale accordo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
LUCERNA
6 ore
Delitto alla stazione di servizio, la vittima è un 20enne
A perdere la vita durante lo scontro, che ha coinvolto una dozzina di persone, un 20enne kosovaro
Berna
8 ore
Decessi Covid nelle case per anziani, i Cantoni si preparano alla terza dose
Secondo Stefan Fux, Direttore di una casa di riposo, «la vaccinazione sta perdendo la sua efficacia»
BERNA
13 ore
Partecipazione al voto superiore alla media degli ultimi anni
Tra i meno diligenti anche il Ticino, fermo sotto il 48%.
BERNA
13 ore
«Chi si ama e vuole sposarsi deve poterlo fare»
Sul Matrimonio per tutti «i cittadini hanno votato chiaramente», ha detto Karin Keller-Sutter.
BERNA
14 ore
Un alpinista muore allo Schreckhorn
L'uomo si trovava in alta quota per un'escursione in solitaria
Berna
15 ore
Donne viste come materassi del sesso nell'esercito
Diversi casi sono approdati davanti al tribunale militare secondo cui «non c'è spazio per determinati comportamenti»
SAN GALLO
18 ore
36enne accoltellato, fermati due presunti colpevoli
Gli agenti hanno trovato l'uomo ferito in un appartamento.
BERNA
18 ore
Sì al "matrimonio per tutti", no al 99 per cento
Approvata l'iniziativa sulle coppie omosessuali (64 per cento). Respinta la tassazione dei capitali (67%)
SVIZZERA/TICINO
19 ore
Urne aperte, chi la spunterà?
Matrimonio per tutti, 99 per cento, pigioni abusive e altro ancora. Si vota su due iniziative federali e tre cantonali
SVIZZERA
20 ore
«Sono estremisti monotematici»
I No Pass e No Vax in Svizzera stanno alzando il tiro. La Rete per la sicurezza: «Rischio radicalizzazione»
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile