Reuters
SVIZZERA
27.05.21 - 17:390
Aggiornamento : 19:33

La Gran Bretagna rifinisce sulla lista nera

L'Ufsp ha deciso d'inserire il Regno Unito sull'elenco dei Paesi a rischio a partire dalle 18.00 di oggi.

La diffusione della variante indiana sull'Isola preoccupa infatti le autorità sanitarie elvetiche.

BERNA - A partire dalle 18.00 di oggi, giovedì 27 maggio, la Gran Bretagna (ri)finisce nell'elenco dei Paesi a rischio dell'Ufsp.  È lo stesso Ufficio federale della sanità pubblica a inserire l'avviso sul sito della Confederazione, con poco meno di un'ora di preavviso.

La variante indiana preoccupa - Il motivo è la presenza nel Regno della variante indiana, mutazione che viene giudicata «preoccupante» dalle autorità sanitarie elvetiche. Su quella stessa sotto-lista figurano attualmente il Brasile, il Canada, l'India, il Nepal e il Sudafrica. Altre 29 nazioni (vedi box) sono invece presenti su quella "classica" che comprende quei Paesi che hanno un'incidenza - negli ultimi 14 giorni – superiore di 60 casi per centomila abitanti rispetto a quella Svizzera.

Inserimenti last-minute - L'Ufsp già altre volte aveva inserito Paesi nella lista "a rischio" all'ultimo minuto. Si tratta del Canada che finì nella black-list lo scorso 16 aprile con un preavviso di trentadue minuti e la stessa India inserita in fretta e furia su quello stesso elenco il 26 aprile. L'obiettivo, in entrambi i casi, era fermare una variante del coronavirus giudicata più pericolosa: la brasiliana per il Canada, l'indiana per il Paese del subcontinente asiatico.

Dieci giorni di quarantena, ma non per tutti - I viaggiatori di ritorno o provenienti da Paesi a rischio devono sottoporsi a una quarantena di dieci giorni, anche se sono risultati negativi a un tampone. «Il periodo di quarantena - ricorda infine l'Ufsp - può essere abbreviato a partire dal settimo giorno in presenza di un test negativo».Con il pacchetto di allentamenti che scatterà lunedì 31 maggio, le persone guarite dal Covid-19 (fino a sei mesi dopo la malattia) e i vaccinati saranno invece esentati dall'obbligo della quarantena di viaggio. Un'esenzione che non sarà però applicata per chi proviene da Paesi con varianti di virus considerate preoccupanti.

Tutti gli Stati presenti sulla lista nera "classica" di Berna:

Andorra
Argentina
Bahrein
Belgio
Capo Verde
Cile
Cipro
Colombia
Costa Rica
Croazia
Egitto
Estonia
Georgia
Iran
Kuwait
Lettonia
Lituania
Lussemburgo
Maldive
Messico
Mongolia
Paesi Bassi
Paraguay
Seychelles
Slovenia
Svezia
Tanzania
Turchia
Uruguay

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
pillola rossa 4 mesi fa su tio
"La pluripremiata conduttrice radiofonica della BBC Lisa Shaw è morta in ospedale dopo aver sofferto di coaguli di sangue in seguito alla vaccinazione con AstraZeneca. Lo afferma la famiglia, riporta il Guardian", degli altri meno famosi non si parla mai. Tutto relegato a "nessuna correlazione" e buona notte. Perché i benefici devono essere superiori agli effetti collaterali, tranne per chi è tanto altruista da lasciarci le penne.
pardo54 4 mesi fa su tio
Ma perché chi è vaccinato per entrare in Italia, ma non solo, deve ancora deve ancora sottoporsi alla tortura del tampone?
Ro 4 mesi fa su tio
Va bene ansi va benissimo la lista nera ma .... gli altri paesi possono lasciarci entrare senza i tamponi per chi è vaccinato ma sempre con le dovute precauzioni ?
Liberatecidalpotere 4 mesi fa su tio
Ma gli Inglesi non erano tutti vaccinati ?
F/A-19 4 mesi fa su tio
@Liberatecidalpotere Hanno usato Astra Zeneca, il vaccino creato da loro e solo per loro visto che il resto dell’Europa lo ha bandito, una ciofeca. Non che gli altri sono meglio....., ricordo che l’anno scorso in estate il virus spari’ con grande incanto proprio come sta avvenendo adesso, senza vaccini. Cosa vuol dire tutto questo?
Ro 4 mesi fa su tio
Se andiamo avanti di questo passo finiamo di restare confinati in eterno. Bel caos.
seo56 4 mesi fa su tio
Ma basta!!!
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
2 min
Va a fuoco un'azienda di rifiuti
Le fiamme sono divampate questa notte a Glattburg (ZH). I pompieri al lavoro fino all'alba
LUCERNA
40 min
Ucciso a coltellate alla stazione di servizio
Una rissa tra diverse persone è finita tragicamente ieri sera a Geuensee (LU)
Ginevra
13 ore
Covid, dopo i vaccini si punta ai rimedi da banco
Alcuni sono già raccomandati, altri in fase avanzata, mentre altri ancora sono già stati scartati
SVIZZERA
15 ore
Tonnellate di CO2 in meno... solo allungando la vita dei prodotti
Ha luogo oggi la seconda edizione del Secondhand Day, per sensibilizzare gli svizzeri sui propri consumi
ZURIGO
15 ore
«Non siamo no-vax, siamo contro le restrizioni»
Ha avuto luogo oggi pomeriggio una manifestazione autorizzata contro le misure anti Covid
SVIZZERA
18 ore
Gratis o no: altre due settimane di litigi
Il governo ha rimandato al 10 ottobre la decisione. I partiti e la popolazione sono spaccati
SVIZZERA
21 ore
È esplosa la corsa ai test
La richiesta è raddoppiata con l'obbligo del certificato Covid. E il governo teme che non si arresterà
Lucerna
21 ore
Schianto frontale in moto, grave una 17enne
La collisione ha coinvolto altri due motociclisti che si trovavano sulla strada
SVIZZERA
22 ore
Oggi gratis, domani a 75 franchi?
Il test antigenico potrebbe diventare a pagamento dall'11 ottobre. Gli addetti ai lavori speculano sui possibili prezzi
ZURIGO
23 ore
Al rettore non piace il certificato
All'università di Zurigo l'accesso è vietato agli studenti senza pass. «Una scelta dolorosa» per Michael Schaepman
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile