Keystone
SVIZZERA
27.05.21 - 15:490

Aiuti per i casi di rigore, sei mesi di più

Fino a fine 2021 le piccole imprese con almeno il 70% di perdita del fatturato avranno diritto a sostegno finanziario.

BERNA - L'aiuto alle aziende colpite duramente dalla crisi pandemica dovrebbe venir prolungato fino alla fine del 2021. Lo chiede una mozione che il Consiglio federale raccomanda al parlamento di approvare.

Una crisi che va al di là del mese prossimo - La compensazione è attualmente prevista solo fino alla fine di giugno. Tuttavia, secondo la Commissione dell'economia del Nazionale, i problemi di molte delle industrie e delle imprese danneggiate dal morbo saranno lungi dall'essere risolti entro quel termine. La crisi innescata dal Coronavirus non può essere superata da un giorno all'altro, tanto più che le catene di approvvigionamento sono state messe a soqquadro.

Turismo al centro - Una ripresa sostenibile del turismo internazionale e dei viaggi d'affari non è prevista infatti prima del 2022 o del 2023. La ripresa a singhiozzo non colpisce solo l'industria alberghiera e del turismo, ma anche i suoi fornitori e il commercio al dettaglio, spiega la commissione. Insomma, la domanda e i ricavi sono ancora inferiori, e di molto, ai livelli abituali.

Per chi ha poco margine - La commissione è convinta che a partire dalla seconda metà dell'anno questa situazione porrà di nuovo problemi a molte aziende e settori con margini ridotti. L'aiuto per i casi di rigore dovrebbe quindi essere esteso almeno fino alla fine del 2021, in modo simile a quanto fatto per le indennità per lavoro ridotto.

Non per tutti - Nella sua risposta, il Consiglio federale sottolinea che il previsto allentamento delle misure di lotta contro il Coronavirus dovrebbe essere accompagnato da una forte ripresa economica. Non è quindi giustificato continuare a sostenere tutti i settori con un aumento generale degli importi massimi e delle basi di calcolo.

Piccole aziende con perdite importanti - Tuttavia, i casi speciali devono essere presi in considerazione. Il governo propone quindi di fissare l'importo dei contributi a fondo perso per le piccole imprese con una perdita di ricavi superiore al 70% del fatturato annuale.

Fondo perso per i grandi - Il Consiglio federale respinge tuttavia una seconda mozione della commissione riguardante gli aiuti alle grandi imprese. In casi eccezionali giustificati, un'impresa con un fatturato superiore a cinque milioni di franchi l'anno dovrebbe poter ricevere un contributo a fondo perso che superi i tetti massimi stabiliti.

Fermarsi qui - La valutazione dovrà essere fatta caso per caso. Un contributo più elevato, secondo la commissione, si giustifica in particolare se le misure ordinate dal Consiglio federale, come il telelavoro obbligatorio o la formazione a distanza nelle università, dovessero tradursi in un tracollo dei ricavi tale da minacciare la sopravvivenza stessa dell'impresa. Il governo sottolinea che il metodo di calcolo forfettario ha permesso di pagare i contributi per i casi di rigore a un gran numero di imprese in modo relativamente rapido e non burocratico. Sarebbe difficile giustificare un'esenzione per le grandi aziende. Ciò è soprattutto vero in virtù del fatto che tali aziende possono accedere più facilmente a finanziamenti privati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA / THAILANDIA
6 ore
Niente dosi elvetiche per la “quinta Svizzera” (per ora)
La Confederazione ha le mani legate: i contratti prevedono l'impiego delle dosi entro i confini nazionali
FOTO
ZURIGO
10 ore
Attivisti a Zurigo: 83 fermi e alcuni manifestanti soccorsi
Il bilancio del sit-in che ha avuto luogo oggi nel centro finanziario, all'ingresso di alcune banche
VAUD
11 ore
«Vogliamo abbattere due lupi»
Le autorità vodesi chiedono il permesso alla Confederazione a seguito della predazione di vari vitelli
VALLESE
12 ore
Infortunio sul lavoro: morto un trentenne
L'incidente si è verificato a Zermatt: l'uomo stava effettuando un intervento su una seggiovia
VALLESE
13 ore
Evacuate le terme di Leukerbad, sei feriti
Una fuga di disinfettante ha scatenato il panico alle Alpentherme. Una persona elitrasportata in ospedale
SVIZZERA
13 ore
È stato un Primo Agosto (abbastanza) tranquillo
La polizia non ha dovuto intervenire molte volte durante la festa nazionale: «È stata una notte eccezionalmente calma».
SVIZZERA
14 ore
Covid in Svizzera, nel weekend 2'019 casi
L'Ufficio federale della sanità pubblica segnala anche 24 nuovi ricoveri e tre decessi
URI
15 ore
Axenstrasse riaperta
Da poco prima di mezzogiorno è nuovamente possibile percorrere il tratto stradale
FOTO
ZURIGO
17 ore
Iniziato lo sgombero degli attivisti di Paradeplatz
La polizia è intervenuta per disperdere i manifestanti per il clima che da questa mattina protestavano a Zurigo.
SVIZZERA / SPAGNA
18 ore
Quando la vacanza va storta: «È come essere in prigione»
Due turiste svizzere sono finite nell'Hotel-Quarantena di Ibiza
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile