20min/Marco Zangger
SVIZZERA
19.05.21 - 06:000
Aggiornamento : 07:32

La Legge sul CO2 perde terreno

È incerto l'esito alle urne anche per le iniziative agrarie in votazione il prossimo 13 giugno

Resta invece alto il consenso per la Legge Covid-19 e la Legge anti-terrorismo

BERNA - La Legge sul CO2 e le iniziative agrarie stanno perdendo consensi. Ed è al momento incerto il risultato che scaturirà dalle urne il prossimo 13 giugno. Mentre resta chiaro il sostegno per la Legge Covid-19 e per le misure di polizia per la lotta al terrorismo. Lo si evince dal secondo sondaggio di 20 minuti e Tamedia in vista delle votazioni federali, al quale hanno preso parte quasi 20'000 persone provenienti da tutta la Svizzera.

Se nel precedente rilevamento la Legge sul CO2 trovava il consenso del 54% dei cittadini, nel frattempo tale risultato è sceso al 50%. I contrari si attestano invece al 46%. Un 4% si dichiara ancora indeciso.

Divario tra città e campagna - Si tratta di una questione che divide chiaramente la destra (con UDC e PLR contrari) e la sinistra (a sostegno). L'opinione degli elettori che si situano al centro potrebbe pertanto essere decisiva, secondo i politologi. E si rileva anche un divario tra città (favorevoli) e campagna (contrari). Anche i più giovani sono tendenzialmente contrari alla Legge sul CO2. Il sostegno cresce infatti con l'aumentare dell'età.

«Meglio l'innovazione» - La maggior parte di coloro che hanno l'intenzione di votare “no” all'oggetto in questione non si preoccupa tanto della prevista tassa sui biglietti aerei, ma afferma piuttosto che il problema climatico non si risolve con le tasse bensì con l'innovazione. I favorevoli fanno invece leva sul fatto che la legge premia i comportamenti rispettosi dell'ambiente, mentre chi produce più CO2 paga di più.

Iniziative in bilico - Come detto, anche le due iniziative agrarie hanno perso consensi. E sono entrambe in bilico tra il “sì” e il "no". Attualmente, quella sull'Acqua potabile pulita trova il sostegno del 48% degli intervistati (contro il 54% del precedente rilevamento). I contrari sono invece saliti dal 43 al 50%. I favorevoli al divieto di pesticidi sono attualmente al 49% (nelle scorse settimane erano al 53%). Si fermano al 49% anche i contrari.

La Legge Covid-19 per l'economia - Resta invece alto il sostegno alla Legge Covid-19. Al momento il 67% dei cittadini intende accettarla. Il motivo? La larga maggioranza (si parla dell'84% dei favorevoli) ritiene che sia uno strumento necessario per attutire le conseguenze economiche della pandemia, in considerazione che oltre un milione di persone dipendono dagli aiuti finanziari. I contrari ritengono invece che la legge discrimini le persone non vaccinate (31%) e indebolisca il potere decisionale del Parlamento (27%).

Per la Legge Covid-19, i favorevoli sono in maggioranza tra le fila di tutti i partiti. Soltanto in casa UDC prevalgono i contrari.

Si delinea un “sì” per la Legge anti-terrorismo - Infine anche per il quinto oggetto in votazione, ossia la Legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo, si delinea un chiaro “sì”. Al momento il 67% degli interpellati intende infatti accettarla. Soltanto tra gli elettori dei Verdi i contrari sono in maggioranza.

Da parte del 55% di coloro che dichiarano di voler respingere la proposta, il timore è che la legge porti a un aumento delle situazioni d'abuso. La maggior parte dei favorevoli (51%) è invece convinta che allo stato attuale la polizia abbia troppi pochi mezzi per azioni preventive contro potenziali terroristi.

Il sondaggio

Sono 19'378 le persone da tutta la Svizzera che dall'11 al 12 maggio hanno preso parte al secondo sondaggio di 20 minuti e Tamedia sulle votazioni federali del 13 giugno 2021. Queste rilevazioni vengono condotte in collaborazione con LeeWas, che pondera i dati in base a variabili demografiche, geografiche e politiche. Il margine d'errore si attesta all'1,1%. Più informazioni su tamedia.ch/umfragen

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«Sul turismo degli acquisti abbiamo sbagliato»
Berna ha ammesso «parziali carenze» nella gestione delle multe all'inizio della pandemia.
SVIZZERA
3 ore
Vaccino di buon mattino? Potrebbe essere più efficace
Lo dimostra un recente studio condotto dall'Università di Ginevra.
BERNA
3 ore
Alpinista morto sulla Jungfrau
È finito in un crepaccio: il corpo è stato trovato a una profondità di circa 27 metri
SVIZZERA
6 ore
Certificato sulle piste: «Non è l'associazione di categoria che decide»
«È presuntuoso dire già che non ci sarà un obbligo di Covid-pass sulle piste. Sarà il Consiglio federale a decidere».
SVIZZERA
6 ore
Positivi in forte aumento, decessi e ricoveri in calo
Stando all'aggiornamento dell'UFSP, sono due i nuovi decessi avvenuti a causa di un decorso infelice della malattia.
SVIZZERA
7 ore
In Svizzera si scierà senza certificato Covid
Lo ha deciso l'associazione di categoria degli impianti. Sulle funivie sarà invece obbligatoria la mascherina
SVIZZERA
8 ore
Berna autorizza una manifestazione contro il certificato Covid
I promotori si sono impegnati a rispettare un piano di sicurezza. E sconsigliano di prendere parte a proteste abusive
SVIZZERA
8 ore
I ghiacciai perdono ancora terreno, nonostante la neve e l'estate fresca
Nel 2021 hanno perso l'1% del loro volume, come rilevato dall'Accademia svizzera di scienze naturali
SVIZZERA
10 ore
Altre cinque aziende si impegnano per il clima
PostFinance, Autopostale, SSR, Flughafen Zürich e RUAG hanno aderito all'iniziativa energia e clima esemplare
SVIZZERA
11 ore
La paura del black-out riaccende il dibattito sul nucleare
L'esperto: «L'approvvigionamento elettrico deve avere la massima priorità». E le fonti rinnovabili non bastano
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile