Keystone
I test Roche attualmente disponibili in farmacia
SVIZZERA
07.05.21 - 09:570

Swissmedic autorizza il test "fai da te" della statunitense BD

I risultati sono disponibili in 15 minuti. Il prodotto verrà distribuito nelle farmacie elvetiche

BERNA - L'Istituto svizzero per gli agenti terapeutici (Swissmedic) ha dato il via libera a un kit di rilevamento rapido del coronavirus prodotto dalla società statunitense Becton Dickinson and Company (BD). A partire dalla prossima settimana potrà essere utilizzato come test "fai da te".

Il gruppo prevede di distribuire il prodotto tramite le farmacie elvetiche, indica un comunicato odierno di BD, precisando che l'imballaggio comprenderà cinque test autodiagnostici. I risultati sono disponibili in 15 minuti. Swissmedic non ha ancora annunciato ufficialmente l'autorizzazione.

Attualmente, ogni cittadino ha diritto a un massimo di cinque test "fai da te" gratuiti al mese, che si possono ritirare in farmacia presentando la tessere dell'assicurazione malattia. Dallo scorso 7 aprile il gruppo basilese Roche vende nelle farmacie il suo test antigenico autodiagnostico per rilevare il SARS-CoV-2.

BD si definisce un'azienda leader mondiale nella tecnologia medica. Impiega circa 70.000 persone in tutto il mondo. La sua sede è a Franklin Lakes, New Jersey e dispone di un centro di innovazione regionale a Eysins (VD).

Attenzione alla falsa sicurezza - Un risultato negativo è solo «un'istantanea» e non «esclude completamente un'infezione da coronavirus», spiega l'Ufficio della sanità pubblica (UFSP) sul suo sito web. Il risultato inoltre è valido solo per un solo giorno. L'introduzione degli "autotest" - che sono meno attendibili rispetto ai tamponi rapidi e soprattutto ai test PCR - è volta a spezzare le catene di contagio: sono utili prima di un incontro programmato, ad esempio una cena fra amici, e devono essere effettuati poco prima dell'incontro. Non sono invece adeguati in caso di presenza di sintomi oppure se bisogna incontrare persone a rischio.

I test "fai da te" quindi non sostituiscono l'obbligo di rispettare le norme igieniche e i concetti di protezione. Se l'esito è positivo, è necessario isolarsi e confermare il risultato tramite un test PCR.

L'obiettivo del Consiglio federale è che il 40% della popolazione si sottoponga a un test ogni settimana. Finora a un mese fa erano disponibili solo i test rapidi e i test PCR e dovevano essere eseguiti da specialisti e analizzati in laboratorio. Gli "autotest" invece permettono di fare tutto da soli.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
«La Confederazione paghi i test»
Lo chiedono gli studenti universitari, in una lettera diffusa oggi
SVIZZERA
1 ora
Il detenuto Carlos è quasi un brand
Sul web si vendono magliette dedicate a lui. Giocattoli e altri gadget. L'iniziativa di un collettivo di artisti
SVIZZERA
1 ora
Infezioni e ricoveri: «La situazione si sta calmando»
Si è tenuta oggi la conferenza stampa degli esperti della Confederazione sull'evoluzione epidemiologica in Svizzera.
BERNA
2 ore
1'235 nuovi positivi e quattro vittime
Continua a calare la pressione sugli ospedali e anche nelle unità di terapia intensiva.
SVIZZERA
4 ore
Reddito di base, ci riprovano
Dopo la bocciatura del 2016, un comitato referendario torna alla carica proponendo tasse più alte su finanza e hi-tech
SVIZZERA
6 ore
Turismo degli acquisti presto più caro?
Chi si reca oltre confine dovrebbe pagare l'IVA a partire dai 50 franchi di acquisti al posto degli attuali 300.
SVIZZERA
8 ore
Su questo treno si sale solo con certificato Covid
Sul treno panoramico Glacier Express si viaggia solo se in possesso di un Covid-pass. Ma si può stare senza mascherina.
SVIZZERA
10 ore
Cosa fare quando vedi una scena simile?
Apriamo gli occhi sulla violenza all'interno di una coppia. Partecipa al sondaggio.
LUCERNA
16 ore
Le sottrasse diversi milioni, condannata una guaritrice
Una 66enne di Glarona è stata ritenuta colpevole di una lunga serie di reati, tra cui l'appropriazione indebita.
SVIZZERA
17 ore
La percentuale dei non vaccinati in cure intense? Molto alta
Tra il 19 luglio e il 15 agosto erano l'89% del totale. C'è preoccupazione per i tanti giovani malati
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile