Swiss Holiday Park
SVITTO
29.04.21 - 23:590

I corona-scettici attaccano il resort

Pioggia di critiche dopo che una famiglia è stata cacciata dall'area comune in quanto senza mascherine

Il caso è finito su una chat di Telegram e ha generato una serie di recensioni negative contro la struttura

SVITTO - Lo Swiss Holiday Park, una località di villeggiatura a Morschach (SZ), sta affrontando l'incubo dello shitstorm (in pratica una tempesta di cacca). Ciò è causato da dozzine di recensioni online che accusano di discriminazione la località turistica.

La protesta è stata innescata dai post sul canale Telegram dei "Corona-ribelli". Qui si racconta di una famiglia buttata fuori dall'area comune del resort nonostante un certificato medico che li esentava dall'uso della mascherina. Il motivo dell'esenzione? Una figlia sorda che quindi dipende dalla visione dei volti dei genitori per poter leggere le labbra.

Ma la protesta contro il resort non si è svolta solo online: diversi membri della chat affermano di aver cancellato le prenotazioni e lasciato messaggi sulla segreteria dell'hotel.

L'appello online ha costretto la polizia a intervenire. «Hanno bloccato le strade», scrive un membro della chat. La polizia cantonale svittese ha infatti dovuto monitorare l'area per prevenire una manifestazione a Morschach. «Nell'ambito dell'intervento, tre veicoli e i loro occupanti sono stati respinti», afferma il portavoce Florian Grossmann.

Una decina di persone provenienti dall'ambiente dei "corona-scettici" sono riusciti comunque a raggiungere il resort e parlare con i responsabili dell'azienda. Lo conferma anche Pascal Waser, direttore della struttura: «Ho avuto una conversazione con loro».

Secondo Waser, l'incidente è avvenuto in modo diverso da quanto ricostruito su Telegram. «Quando abbiamo chiesto ai genitori di indossare la mascherina, hanno fatto riferimento a un certificato che li esonerava, ma non hanno voluto consegnarcelo. Ce lo hanno solo mostrato velocemente».

Waser rimanda alle misure dell'Ufsp. «È specificato che la mascherina, laddove vi è una persona non udente, può essere rimossa durante la comunicazione. In caso contrario, è necessario indossarla». Per questo motivo, alla famiglia è stato chiesto di lasciare l'area comune dello Swiss Holiday Park.

Waser non accetta l'accusa di discriminazione: «Siamo strumentalizzati da chi si oppone contro queste misure. Che però non abbiamo deciso noi, ma l'Ufsp». Il direttore del resort non teme danni alla sua reputazione: «Presumo che i portali interessati cancelleranno le recensioni in quanto violano le loro linee guida».

La famiglia in questione, intanto, non è ancora partita. «Tuttavia, non si trova nello Swiss Holiday Park, ma in un complesso di appartamenti nelle vicinanze che ha accesso alle nostre strutture», spiega il direttore.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
6 ore
Senza tampone in aeroporto? Il rientro diventa un caos
Il caso di un manager che si è trovato bloccato in Germania: per prendere un volo per Zurigo ha sborsato 520 euro.
BASILEA CITTÀ
7 ore
Fiamme in una residenza assistita: grave un 86enne
Le cause dell'incendio sono al vaglio della polizia
FRIBURGO
12 ore
Ritorna l'obbligo di mascherina nelle scuole medie
Il provvedimento scatterà lunedì e sarà in vigore fino alle vacanze di Natale
SVIZZERA
16 ore
Swiss congela i voli per Hong Kong
La decisione è stata presa a causa delle rigide misure di quarantena previste per i membri dell'equipaggio
SVIZZERA
17 ore
Unia: «Si riduca l'orario di lavoro per tutti, referendum se aumenta l'età pensionabile»
Ecco cosa è emerso dall'assemblea dei delegati del sindacato, oggi a Berna
SVIZZERA
19 ore
«Misure tardive, andiamo verso una catastrofe»
L'infettivologo Andreas Widmer, presidente di Swissnoso: «Servono più restrizioni per i non vaccinati»
SVIZZERA
21 ore
«Senza una proposta della Svizzera, non ci sarà mai un piano B»
Un pacchetto bilaterale con l'Ue? Parla l'esperto Nicolas Levrat: «Berna sa che esistono alternative all'accordo quadro»
SVIZZERA
21 ore
«Diffondono il virus senza rendersene conto»
L'epidemiologa Susi Kriemler suggerisce la via dei test regolari per tracciare e contenere i contagi tra i giovanissimi
SVIZZERA
1 gior
«La gente rischia di perdere la fiducia»
Ospedali al limite, trasporto pubblico in difficoltà. I sociologi sono preoccupati per l'impatto sull'opinione pubblica
Ginevra
1 gior
Crivella di colpi l'amico, condannato a 16 anni
I fatti risalgono al 2016, quando un 42enne in seguito a un alterco aveva giustiziato un uomo in una sala da tè
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile