Ti-Press
SVIZZERA
28.04.21 - 12:290
Aggiornamento : 17:56

Papà e mamma non pagano i premi? «La colpa non deve ricadere sui figli»

Berna ritiene che i minori non debbano essere considerati responsabili e auspica l'abolizione degli elenchi dei morosi.

Il Consiglio federale teme che queste "Black List", la cui utilità «non è mai stata provata», possano «compromettere le cure mediche di base delle persone in modeste condizioni economiche».

BERNA - I minori non devono essere considerati responsabili dei premi dell'assicurazione malattia non pagati dai genitori. Lo pensa il Consiglio federale, che inoltre auspica l'abolizione degli elenchi di assicurati in mora.

Nella sua seduta odierna, il governo ha preso posizione sul rapporto della Commissione della sicurezza sociale e della sanità del Consiglio degli Stati (CSSS-S) concernente l'esecuzione dell'obbligo di pagare i premi da parte degli assicurati. Il Parlamento dovrà pronunciarsi in merito, viene ricordato in una nota.

Il rapporto dà seguito all'iniziativa depositata dal canton Turgovia nel 2016, che chiede di adeguare le disposizioni della legge federale sull'assicurazione malattia sulla copertura dei premi non pagati. Nel suo parere, l'esecutivo accoglie le proposte della CSSS-S relative ai minori, sui quali non graveranno più i premi non pagati dai genitori.

Il governo suggerisce inoltre d'iscrivere nella legge la nullità delle procedure d'esecuzione contro minori per mancato versamento dei premi dell'assicurazione malattia e delle partecipazioni ai costi.

Per ridurre le spese a carico di cittadini e Cantoni, il Consiglio federale appoggia la commissione anche nel voler limitare a due all'anno il numero di procedure d'esecuzione. Vorrebbe poi contenere gli importi dei costi di sollecito e diffida degli assicuratori, che dovrebbero riflettere unicamente gli oneri effettivamente sostenuti.

Contrariamente alla maggioranza della CSSS-S invece, il Consiglio federale è favorevole all'abolizione degli elenchi di assicurati morosi. Il suo timore è che tali "blacklist" possano compromettere le cure mediche di base delle persone in modeste condizioni economiche. Per di più, la loro utilità non è mai stata provata.

Il Ticino è uno dei pochi Cantoni a usare queste liste: gli altri sono Argovia, Lucerna, Zugo e Turgovia. Il Parlamento di San Gallo ha recentemente votato per abolirle. Da ricordare come dall'inizio del 2021 nessuno includa più i minorenni negli elenchi.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Comprato per 8,90 franchi, venduto per 37'500 franchi
C'è sempre tantissimo interesse per la novità messa in circolazione dalla Posta Svizzera, ma qualcuno storce il naso
SVIZZERA
8 ore
Il vaccino sarà più caro
Le casse malati dovranno pagare 25 franchi a dose contro i 5 attuali. Per gli assicurati sarà comunque ancora gratuito.
SVIZZERA
8 ore
Un altro effetto del coronavirus: la rabbia
La pandemia ha reso molte persone più aggressive. A farne le spese è spesso chi lavora in campo medico o nei trasporti.
SVIZZERA
9 ore
Subaffitti: impedire gli abusi
Posti in consultazione tre progetti che riguardano le locazioni. Le reazioni di proprietari e inquilini però divergono.
SVIZZERA
10 ore
Attivista no vax rifiuta di pagare le tasse
Dopo il sì alla Legge Covid, Daniel Trappitsch non intende versare altri contributi.
ARGOVIA
13 ore
Hanno dovuto scegliere chi ricoverare
Il primo caso alla clinica Hirslanden di Aarau, dove metà del reparto è occupato da pazienti Covid.
ARGOVIA
13 ore
Incendio in un appartamento, morta una donna
Il rogo è divampato ieri sera in una casa plurifamiliare a Döttingen. Ancora ignote le cause.
SVIZZERA
15 ore
Più divieti per i non vaccinati: «È un'opzione»
Le parole di Lukas Engelberger. E su un eventuale obbligo vaccinale: «Pericoloso per il rapporto tra Stato e cittadini»
SVIZZERA
16 ore
«Misure incoerenti. Svizzeri discriminati rispetto ai frontalieri»
Viaggi, vaccini e terze dosi. Lorenzo Quadri interpella il Consiglio federale sulle decisioni annunciate venerdì
SVIZZERA
16 ore
La presidenza ci mostrerà un nuovo Ignazio Cassis?
Ne è convinto l'amico Fulvio Pelli in attesa della data storica (per il Ticino) dell'8 dicembre
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile