Immobili
Veicoli
VQH / TAMEDIA - PATRICK MARTIN
SVIZZERA
28.04.21 - 08:040
Aggiornamento : 08:21

Altro che case e macchine nuove, ora si invidia la vaccinazione

Ben il 40% dei non vaccinati che attendono il proprio turno proverebbe invidia per chi ha già ricevuto la sua dose

Lo psicoterapeuta: «Quello che mi preoccupa è se davvero la vaccinazione comporterà differenze nelle libertà personali e ci sarà chi non l'ha ancora avuta a causa dei ritardi nella campagna».

BERNA - "Invidia: sentimento spiacevole che si prova per un bene altrui che si vorrebbero per sé". A volte l'invidia viene associata a case di lusso, auto sportive, vacanze mozzafiato. Ma il 2021 ha cambiato le cose e oggi si invidia anche un cerotto sul braccio o, meglio, chi ha già potuto sottoporsi al vaccino anti Covid-19. È quanto emerge da uno studio tedesco, secondo cui il 40% dei non vaccinati invidia i vaccinati.

Anche in Svizzera l'appuntamento per la vaccinazione viene celebrato sui social come fosse un compleanno. Appena le autorità cantonali aprono a una nuova categoria di persona, parte la gara alla registrazione sul sito. E scorrendo le stories su Instagram sorge spontanea la domanda: «Perché lui sì e invece non è ancora arrivato il mio turno?».

Lo psicoterapeuta Felix Hof parla dell'invidia del vaccino come un sentimento più complesso di altri. «Ma è normale. In questo momento la società è stata suddivisa in gruppi (a rischio). Questo crea velocità diverse e persone "privilegiate" e altre "svantaggiate"». Ma per Hof non si distanzia molto «dalla gelosia perché un coetaneo possiede già la Playstation 5: ti dicono che la nuova versione è migliore di quella che hai tu, ma non lo sai finché non la avrai».

Inoltre, «ci sono vantaggi evidenti», prosegue lo psicoterapeuta. Come chi può già recarsi in Germania per fare acquisti poiché vaccinato, o le future possibilità di viaggiare e partecipare a eventi senza sottoporsi a tamponi e quarantene. «È normale sentirsi in un certo senso svantaggiati». 

I sentimenti di invidia si sarebbero acuiti anche a causa dei ritardi e delle interruzioni nella campagna di vaccinazione. «Si parla continuamente del vaccino come unico modo per tornare alla normalità, per uscire dal tunnel. Ma se quel momento non arriva, e si allontana sempre di più, aumenta l'incertezza e l'impazienza non deve sorprendere». 

Che l'invida del vaccino possa diventare un divisore nella società dipende da come proseguirà la campagna. «Quello che mi preoccupa - confessa Hof - è se davvero la vaccinazione produrrà delle differenze nelle libertà personali. Allora la pazienza di molti potrebbe effettivamente essere messa a dura prova», soprattutto se desiderano essere vaccinati ma devono ancora attendere il loro turno. 

Anche l'economista sanitario Willy Oggier commenta l'invidia del vaccino: «Più tempo passa prima che qualcuno riceva l'appuntamento almeno per la prima inoculazione, maggiore sarà il divario tra il vaccinato e il non vaccinato». E, pensando soprattutto ai giovani, questa situazione genera frustrazione: «Vedono che persone della stessa età vengono già vaccinate in altri cantoni e dubitano che potranno vivere un'estate spensierata. Tutto questo non può non avere conseguenze sulla mente», soprattutto per chi rispetta da sempre scrupolosamente le regole e vorrebbe solo uscire da questa situazione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
38 min
I biker di Putin che rombano sulle strade svizzere
I Lupi della notte hanno ricevuto un riconoscimento da parte dell'ambasciata russa a Berna per il loro sostegno a Mosca
SVIZZERA
1 ora
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
5 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
6 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
7 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
10 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
10 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
11 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
SVIZZERA
14 ore
Uno svizzero su tre non intende donare gli organi
Con la nuova legge sui trapianti, saranno tutti donatori. Il 36% dei cittadini vuole dichiarare di rifiutare l'espianto
SVIZZERA
1 gior
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile