Immobili
Veicoli
keystone
BERNA
25.04.21 - 08:540

Accordo quadro: «I negoziati non sono ancora falliti»

Ciò stando al presidente della Confederazione Guy Parmelin che però riconosce divergenze con Bruxelles

Al vaglio soluzioni alternative nel caso in cui i negoziati si concludessero con un fallimento definitivo

BERNA - I negoziati comportano sempre un rischio di fallimento, ma non si è ancora a questo punto in merito all'accordo quadro istituzionale che la Svizzera sta negoziando con l'Unione europea (Ue) dal 2014, dice il presidente della Confederazione Guy Parmelin in un'intervista pubblicata oggi dal SonntagsBlick. Per ora è necessaria un'analisi, afferma.

Parmelin ha incontrato l'altro ieri a Bruxelles la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen. Alla fine delle discussioni, i due hanno riconosciuto che ci sono ancora grandi divergenze tra Berna e Bruxelles. Entrambe le parti devono ora valutare i risultati dell'incontro, ha aggiunto Parmelin.

Della valutazione fa parte la consultazione delle commissioni e dei Cantoni, ha indicato il capo del Dipartimento federale dell'economia, della formazione e della ricerca (DEFR) nell'intervista realizzata per iscritto.

Ma «nessuno nell'Ue o in Svizzera vuole prolungare artificialmente i negoziati», ha aggiunto. Parmelin ha riconosciuto che si stanno considerando soluzioni alternative nel caso in cui i negoziati si concludessero con un fallimento definitivo. «Il Consiglio federale pensa sempre ad alternative. Ma queste discussioni sono premature».

Il presidente della Confederazione l'altro ieri aveva indicato che i negoziatori, Livia Leu da parte svizzera e Stéphanie Riso da parte europea, sarebbero rimasti in contatto. Aveva precisato che il Consiglio federale non può firmare l'accordo senza soluzioni soddisfacenti sui tre aspetti controversi noti: la protezione dei salari, la direttiva dell'Unione europea sulla cittadinanza e gli aiuti di Stato.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Tato50 1 anno fa su tio
Ve lo dirà il popolo dove andranno a finire !!
seo56 1 anno fa su tio
Mi auguro tanto di sì
Nano10 1 anno fa su tio
come al solito purtroppo molleremo le "braghe"
M70 1 anno fa su tio
il nostro Governo deve imporsi x il benessere dei suoi cittadini e non cedere all'UE....ma è così difficile da capire? con questo accordo la CH è finita
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
19 min
Premio alla generosità per il terzo più ricco della Svizzera
Il miliardario 87enne Hansjörg Wyss ha ricevuto oggi il Gallatin Award da parte del consigliere federale Guy Parmelin.
SVIZZERA
4 ore
Nelle cure intense elvetiche ci sono 44 pazienti Covid
In Svizzera nell'ultima settimana sono stati accertati 10'788 casi, 12 decessi e 150 ricoveri
FOTO
GLARONA
5 ore
Il camion si ribalta, ferito un 22enne
Il braccio dell'autogru ha fatto rovesciare il mezzo.
SVIZZERA
6 ore
Gli svizzeri chiedono di tagliare l'imposta sulla benzina
È quanto emerge da un sondaggio rappresentativo di 20 minuti e Tamedia. Un gruppo di lavoro sta cercando soluzioni
SVIZZERA
9 ore
Sempre più svizzeri faticano ad arrivare a fine mese
Caritas chiede aiuti statali più sostanziosi per i nuclei familiari fragili.
SVIZZERA
9 ore
Mountain bike: «Il casco da solo non basta»
In Svizzera, ogni anno, 400 bikers si feriscono gravemente e quattro-cinque persone perdono la vita.
SVIZZERA
10 ore
Criminali espulsi dalla Svizzera? Oltre il 40% resta
Sono molti i rinvii revocati dal Ministero pubblico o dai giudici.
SVIZZERA
13 ore
Uno svizzero su tre non intende donare gli organi
Con la nuova legge sui trapianti, saranno tutti donatori. Il 36% dei cittadini vuole dichiarare di rifiutare l'espianto
SVIZZERA
23 ore
Dalla fine di maggio, più posti per gli ucraini
Per sette mesi saranno disponibili 250 alloggi in più nell'ex ospedale di Flawil
ARGOVIA
23 ore
Stessa sorte per aggressore e aggredito
La sparatoria avvenuta il 30 ottobre 2020 dopo un tentato furto a un negozio d'armi di Wallbach è a un punto di svolta.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile