Immobili
Veicoli
Keystone
SVIZZERA
22.04.21 - 19:070

Passaporto vaccinale: «Nessuno potrà proibirvi di prendere l'autobus»

Delegato al Consiglio d'Europa, il parlamentare neocastellano Damien Cottier fornisce una visione d'insieme sul tema.

Dalle limitazioni fastidiose per chi dovesse esserne sprovvisto a quelle decisamente più problematiche. E poi c'è la differenza fra settore pubblico e settore privato.

NEUCHÂTEL - Un'opportunità, perché permetterà di ritrovare alcune libertà, ma anche un rischio, perché potrebbe discriminare alcune persone rispetto ad altre. Intervenuto sulla Rts (parole riprese poi da lematin.ch) il delegato al Consiglio d'Europa sulla questione del passaporto vaccinale Damien Cottier ha espresso il suo pensiero su un argomento che si è fatto col passare dei mesi sempre più d'attualità (e complesso).

Per il consigliere nazionale neocastellano (PLR) il rischio maggiore è infatti quello di creare una società a due livelli, dove da una parte ci sono le persone vaccinate che possono fare quasi tutto, mentre dall'altra quelle non vaccinate (per scelta o meno) e per questo soggette a maggiori restrizioni. «Dobbiamo stare molto attenti che il divario non si allarghi e soprattutto che non ci sia un uso politico di questo strumento».

Dal fastidioso al molto problematico - A livello internazionale, accettare la necessità del vaccino per i viaggi «non presenta grandi difficoltà», secondo Cottier. È l'applicazione nazionale che apre molti interrogativi. Le persone che non sono vaccinate, per motivi di salute o perché di età inferiore ai 18 anni, rischiano di subire una limitazione della loro libertà. «Se non hai accesso alla piscina, al cinema o alle attività del tempo libero, è fastidioso. Se non puoi più andare in un luogo di culto o al ristorante, diventa già più problematico. Infine, se non hai più accesso a servizi essenziali come la formazione, la sanità, i servizi sociali, se perdete il lavoro a causa di ciò, diventa decisamente molto problematico», sottolinea.

Differenza fra pubblico e privato - Quanto alla differenza nell'utilizzo del passaporto Covid-19 nel settore pubblico e privato, precisa che a Berna la riflessione è in corso: «Per quanto riguarda il settore pubblico, i servizi devono essere accessibili a tutti. Non ti può essere vietato di andare a scuola o di prendere l'autobus solo perché non hai il passaporto. Per quanto riguarda il settore privato, invece, esiste la libertà contrattuale. Ad esempio, un esercente può scegliere chi far entrare nel suo ristorante. Ma anche qui ci sono differenze, perché sarebbe problematico se non tutti avessero accesso a ciò che è essenziale».
 
Damien Cottier ritiene comunque che il passaporto vaccinale sia un'ottima cosa: «Ci sono libertà che potremo riconquistare, ma dall'altro lato questo strumento non deve creare importanti problemi a certe categorie della popolazione».  

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA
2 ore
Un CovidPass valido tre mesi? La Svizzera è scettica
Il presidente di Swissnoso: «Ciò che serve è un allentamento delle misure e una riduzione delle quarantene»
ZURIGO
4 ore
Booster e impennata di decessi: «Nessun nesso»
Durante la campagna di richiamo, in Svizzera sono morte un numero di persone superiore alla media.
SVIZZERA
5 ore
Migros richiama gli zigoli dolci contaminati da salmonella
I clienti possono restituire i prodotti corrispondenti e saranno rimborsati del prezzo di acquisto
ARGOVIA
8 ore
Berset, presto eliminati gli obblighi di quarantena e telelavoro
Se lo sviluppo della pandemia continuerà a procedere in modo positivo verrà revocato anche il CovidPass
BERNA
9 ore
Formalmente riuscita l’iniziativa contro l'obbligo vaccinale
Occorrevano 100 mila firme. Ne sono state raccolte 126'089 di cui oltre 125 mila valide.
BERNA
9 ore
Quasi 40 mila nuovi contagi
Sono 14 i nuovi decessi segnalati e 176 le persone ricoverate in ospedale.
SVIZZERA
11 ore
Guadagni persi a causa del Covid, l'assicurazione non dovrà pagare
Il Tribunale federale ha accolto il ricorso di un assicuratore che non dovrà versare 40'000 franchi a un ristoratore.
NEUCHÂTEL
12 ore
A scuola senza mascherina, da lunedì anche a Neuchâtel
La misura, come in altri cantoni romandi, non sarà più obbligatoria nelle classi elementari
FOTO
ARGOVIA
15 ore
Strade ghiacciate, nella notte si sono verificati diversi incidenti
La Svizzera settentrionale è particolarmente toccata, anche stamattina la situazione è precaria. Si segnala un ferito
SONDAGGIO
ZURIGO
17 ore
La violenza contro il personale ospedaliero è in costante aumento
Gli ospedali di tutta la Svizzera segnalano aggressioni da parte dei pazienti
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile