20min/François Melillo
SVIZZERA
20.04.21 - 09:420
Aggiornamento : 14:52

La Svizzera compra farmaci contro il Covid

È stato sottoscritto un contratto con Roche. I medicamenti possono essere prescritti a titolo eccezionale

BERNA - La Confederazione ha acquistato medicamenti contro il nuovo coronavirus. Il relativo contratto è stato firmato con Roche Pharma, come si legge in un odierno comunicato dell'Ufficio federale della sanità pubblica.

Si parla dell'acquisto di tremila dosi di anticorpi monoclonali concepiti per il trattamento del Covid-19. Nello specifico si tratta di combinazioni di casirivimab e imdevimab, sviluppate da Regeneron Phamaceuticals in partenariato con Roche Holding. L'importo del contratto è confidenziale.

Gli anticorpi monoclonali sono anticorpi clonati in coltura che vengono iniettati per via endovenosa al paziente allo scopo di neutralizzare il virus. Gli studi clinici sviluppati da Regeneron in collaborazione con Roche mostrano che questi trattamenti offrono una protezione efficace contro le forme gravi della malattia. La Confederazione si farà carico dei relativi costi finché non saranno rimborsati dall’assicurazione malattie obbligatoria. I primi trattamenti saranno disponibili da metà maggio 2021 per alcuni gruppi di pazienti a rischio.

Questi medicamenti non sono stati ancora omologati, ma possono essere prescritti a titolo eccezionale. L’ordinanza 3 Covid-19 prevede infatti deroghe alla procedura tradizionale di omologazione se il medicamento in questione permette, secondo i dati disponibili, di prevenire e combattere il Covid-19. Swissmedic, autorità di omologazione dei medicamenti, è responsabile della valutazione dei rischi e dei benefici necessaria all’omologazione ordinaria del medicamento.

Nel frattempo Swissmedic conferma che i principi attivi casirivimab e imdevimab, contenuti in “RegN-Cov2”, possono essere utilizzati senza omologazione per il trattamento di pazienti affetti da Covid. Questo - come detto - grazie all'ordinanza 3 Covid-19. E spiega che nel novembre 2020 gli Stati Uniti hanno rilasciato un'autorizzazione all'uso di emergenza di questo medicamento per il trattamento delle forme da lievi a moderate di Covid-19 in pazienti a rischio di sviluppare una forma grave della malattia. Il medicamento viene inoltre utilizzato nell'Unione europea senza omologazione sulla base di una raccomandazione positiva del Committee for Medicinal Products for Human Use (CHMP). «Le esperienze maturate finora hanno dimostrato che il medicamento ha consentito di attenuare il decorso della malattia» conclude Swissmedic.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
ZURIGO
41 min
Trascinata a morte dal suo cavallo: «Il suo cuore batteva per l’equitazione»
Parlano il padre della giovane e il contadino che l’ha, invano, soccorsa.
SVIZZERA
4 ore
«Test pilota anche per le discoteche»
Lo chiede la Conferenza dei direttori cantonali della sanità in vista dei prossimi allentamenti
BERNA
7 ore
«Le persone tra i 50 e i 60 anni dovrebbero essere considerate a rischio»
La variante inglese preoccupa la Task Force.
SVIZZERA
8 ore
Paesi a rischio: due liste e parecchi cambiamenti
La prima sarà valida da domani - stralciate Emilia Romagna, Toscana e Friuli Venezia Giulia - la seconda dal 17 maggio.
SVIZZERA/GEORGIA
8 ore
Incidente in montagna, svizzera muore in Georgia
Secondo alcune fonti, si tratterebbe di un'alpinista originaria di Neuchâtel.
BERNA
9 ore
Covid, numeri stabili. Sono 13 le nuove vittime
I pazienti che hanno sviluppato sintomi gravi della malattia occupano attualmente il 4,5% della capacità ospedaliera
VAUD
10 ore
Prima recluta svizzera in sedia a rotelle
Si tratta di un progetto pilota e l'obiettivo dell'esercito è di permettere un'apertura in questo senso
SVIZZERA
10 ore
Scontro Knie-Viagogo sulla vendita di biglietti: il circo la spunta
Ha ottenuto almeno in parte ragione davanti al Tribunale del commercio del Canton San Gallo
SVIZZERA
10 ore
Alle aziende elvetiche fa gola il business dei vaccini
Scatta la collaborazione tra Berna Biotech Pharma e Swiss Biotech Center per lo sviluppo di un prodotto anti-Covid
BERNA
11 ore
Test PCR ai richiedenti l’asilo «anche contro la loro volontà»
Secondo Lorenzo Quadri il rifiuto è sempre più comune e voluto per evitare un rimpatrio.
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile