Immobili
Veicoli
20minuten
BERNA
14.04.21 - 12:210
Aggiornamento : 15:38

I politici spingono per gli allentamenti e il CoronaPass

I leader di partito chiedono di guardare al modello danese e creare rapidamente il passaporto vaccinale.

La Svizzera potrebbe tornare così alla normalità in poche settimane.

BERNA - La Danimarca sta facendo grandi passi avanti per uscire dall'impasse pandemica. Dal 6 maggio riapriranno ristoranti, caffè, cinema e teatri. Alla fine di maggio, quando tutti i cittadini con più di 50 anni avranno ricevuto la vaccinazione, il Paese dovrebbe tornare alla piena normalità con poche eccezioni. La base per gli allentamenti veloci è fornita da un passaporto digitale che attesta l'immunità dei vaccinati.

Solo coloro che potranno provare la vaccinazione, un'infezione superata, o ancora un test negativo, avranno accesso alle riaperture. Queste ultime, saranno supportate da un'infrastruttura ben collaudata tra test PCR e test rapidi. Attualmente vengono effettuati fino a 400.000 test al giorno su una popolazione di poco meno di sei milioni di abitanti. Si tratta di 16 volte i test che quotidianamente vengono effettuati in Svizzera, che tra l'altro conta due milioni di abitanti in più.

«Ampi margini per le riaperture» - L'infettivologo Christian Garzoni vede anche ampi margini per le riaperture grazie agli autotest. Il certificato di vaccinazione, la controparte svizzera del "Corona-passaporto" danese, è ancora agli inizi dopo il caso della violazione dei dati sul sito “mievaccinazioni.ch”. Il Consiglio federale ha annunciato che non prima dell'estate sarà possibile ottenere un certificato di vaccinazione riconosciuto a livello internazionale.

Pressioni politiche - Intanto, però, il mondo politico sta esercitando pressioni. «Il Consiglio federale offrirebbe un buon servizio se potesse procedere come la Danimarca», sottolinea Andrea Gmür-Schönenberger, presidente del Gruppo del Centro. Anche per lui il poter dimostrare di essere immuni è un fattore essenziale per un alleggerimento precoce, ma controllato. «Il Governo federale deve ottenere quanto prima un'app, in cui sia possibile la registrazione digitale delle persone guarite, testate e vaccinate».

«Possibile un rapido ritorno alla normalità» - Più a lungo si rimandano gli allentamenti, maggiore sarà il danno economico e psicosociale, afferma Gmür-Schönenberger. «Ci sono studenti che non hanno mai visto l'interno di un'università e dipendenti che lavorano da casa da mesi».

Anche Franz Grüter, vicepresidente UDC, chiede il certificato di vaccinazione: «La Danimarca dimostra che è possibile un ritorno alla normalità più rapido». Gli fa eco la presidente del PLR Petra Gössi: «Più tempo dura il processo di vaccinazione, più a lungo la popolazione sarà limitata nelle sue libertà. Le Autorità devono finalmente svegliarsi e offrire chiare prospettive». Secondo Gössi, l'opzione di un certificato di vaccinazione riconosciuto a livello internazionale è una parte importante per il ritorno alla normalità. «Il Consiglio federale deve trovare una soluzione prima dell'estate».

I politici di sinistra sono più cauti. Mattea Meyer, copresidente del PS, sottolinea di essere a favore del passaporto vaccinale, ma questi deve essere «personale, a prova di falsificazione e conforme alla protezione dei dati».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
VALLESE
4 ore
Caduta fatale a Zermatt
Uno sciatore spagnolo di 46 anni ha perso la vita ieri pomeriggio sul comprensorio vallesano.
SVIZZERA
4 ore
Oltre 87mila contagi e 35 decessi nel weekend svizzero
In salita i pazienti ricoverati a causa del virus, che occupano ora l'8,3% dei posti letto complessivi.
SVIZZERA
9 ore
I dati di migliaia di clienti Swiss Pass liberamente accessibili
A inizio gennaio è stata scoperta una falla di sicurezza nella piattaforma per la vendita dei biglietti
ZURIGO
9 ore
Da certificato Covid a documento per controllarti?
Alain Berset attende con ansia la fine del suo utilizzo, che potrebbe arrivare per marzo.
SVIZZERA
9 ore
In Svizzera la vaccinazione dei bambini stenta a decollare
La quota nazionale è del 5,2%. L'adesione più alta si registra a Basilea Campagna e Basilea Città
SVIZZERA
9 ore
L'esercito distribuisce mascherine scadenti?
Giacciono da mesi nei magazzini militari. E vengono vendute ai Cantoni a prezzo simbolico. È polemica
SVIZZERA
10 ore
Prova sirene alle porte, ecco quando non dovrete spaventarvi
Il test, essenziale per verificare il loro corretto funzionamento in caso di emergenza, avrà luogo mercoledì 2 febbraio.
SVIZZERA
12 ore
Aiuto ai media: si profila un classico Röstigraben
In Romandia le misure di sostegno statale sono viste meglio rispetto alla Svizzera tedesca
SVIZZERA / RUSSIA
21 ore
Il conflitto russo-ucraino, un rischio anche per la Svizzera
L'Europa (e anche il nostro paese) potrebbero restare senza il gas proveniente dalla Russia. Ecco gli scenari
SVIZZERA
23 ore
Liberi tutti già il mese prossimo?
Associazioni di categoria e alcuni politici chiederanno la revoca delle restrizioni in vigore già il prossimo mese.
Copyright ©2022 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile