20minuten
BERNA
14.04.21 - 12:210
Aggiornamento : 15:38

I politici spingono per gli allentamenti e il CoronaPass

I leader di partito chiedono di guardare al modello danese e creare rapidamente il passaporto vaccinale.

La Svizzera potrebbe tornare così alla normalità in poche settimane.

BERNA - La Danimarca sta facendo grandi passi avanti per uscire dall'impasse pandemica. Dal 6 maggio riapriranno ristoranti, caffè, cinema e teatri. Alla fine di maggio, quando tutti i cittadini con più di 50 anni avranno ricevuto la vaccinazione, il Paese dovrebbe tornare alla piena normalità con poche eccezioni. La base per gli allentamenti veloci è fornita da un passaporto digitale che attesta l'immunità dei vaccinati.

Solo coloro che potranno provare la vaccinazione, un'infezione superata, o ancora un test negativo, avranno accesso alle riaperture. Queste ultime, saranno supportate da un'infrastruttura ben collaudata tra test PCR e test rapidi. Attualmente vengono effettuati fino a 400.000 test al giorno su una popolazione di poco meno di sei milioni di abitanti. Si tratta di 16 volte i test che quotidianamente vengono effettuati in Svizzera, che tra l'altro conta due milioni di abitanti in più.

«Ampi margini per le riaperture» - L'infettivologo Christian Garzoni vede anche ampi margini per le riaperture grazie agli autotest. Il certificato di vaccinazione, la controparte svizzera del "Corona-passaporto" danese, è ancora agli inizi dopo il caso della violazione dei dati sul sito “mievaccinazioni.ch”. Il Consiglio federale ha annunciato che non prima dell'estate sarà possibile ottenere un certificato di vaccinazione riconosciuto a livello internazionale.

Pressioni politiche - Intanto, però, il mondo politico sta esercitando pressioni. «Il Consiglio federale offrirebbe un buon servizio se potesse procedere come la Danimarca», sottolinea Andrea Gmür-Schönenberger, presidente del Gruppo del Centro. Anche per lui il poter dimostrare di essere immuni è un fattore essenziale per un alleggerimento precoce, ma controllato. «Il Governo federale deve ottenere quanto prima un'app, in cui sia possibile la registrazione digitale delle persone guarite, testate e vaccinate».

«Possibile un rapido ritorno alla normalità» - Più a lungo si rimandano gli allentamenti, maggiore sarà il danno economico e psicosociale, afferma Gmür-Schönenberger. «Ci sono studenti che non hanno mai visto l'interno di un'università e dipendenti che lavorano da casa da mesi».

Anche Franz Grüter, vicepresidente UDC, chiede il certificato di vaccinazione: «La Danimarca dimostra che è possibile un ritorno alla normalità più rapido». Gli fa eco la presidente del PLR Petra Gössi: «Più tempo dura il processo di vaccinazione, più a lungo la popolazione sarà limitata nelle sue libertà. Le Autorità devono finalmente svegliarsi e offrire chiare prospettive». Secondo Gössi, l'opzione di un certificato di vaccinazione riconosciuto a livello internazionale è una parte importante per il ritorno alla normalità. «Il Consiglio federale deve trovare una soluzione prima dell'estate».

I politici di sinistra sono più cauti. Mattea Meyer, copresidente del PS, sottolinea di essere a favore del passaporto vaccinale, ma questi deve essere «personale, a prova di falsificazione e conforme alla protezione dei dati».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
SVIZZERA
10 ore
«È obbligatorio indossare la mascherina, tranne quando si nuota»
Nuotare in una sola direzione, mascherina obbligatoria fino alla piscina e nessuna rianimazione bocca a bocca
VAUD
13 ore
A passeggio con la famiglia, muore un 41enne
L'uomo è stato colpito alla testa da una pietra mentre si trovava nella gola di Chauderon
ZURIGO
14 ore
Ubriaco con fucile d'assalto inseguito e arrestato dalla polizia
La presenza dell'uomo - si trattava di un 21enne - è stata segnalata la scorsa notte a Winterthur
SVIZZERA
17 ore
Viaggi senza quarantena per i vaccinati?
La misura potrebbe rientrare nel pacchetto di allentamenti che il Governo federale discuterà il prossimo mercoledì
BERNA
18 ore
Abortì a Domodossola: tre guardie di confine condannate
Secondo il giudice hanno mancato di coraggio civile. Il loro dovere era quello di chiamare un'ambulanza
SAN GALLO
18 ore
A 227 chilometri orari sull'autostrada A1
Si tratta di un diciottenne che è incappato in un controllo radar della polizia sangallese
SVIZZERA
19 ore
Più minacce nei confronti dei docenti
Il fenomeno sarebbe dovuto all'uso più intensivo di mezzi di comunicazione digitale a causa della pandemia
SONDAGGIO
SVIZZERA
19 ore
«Il 5G per evitare il collasso della rete»
La crescente trasmissione di dati, richiede una tecnologia più performante. Lo mostra uno studio Sotomo
ZURIGO 
20 ore
Il capo della task force: «C'è margine per altri allentamenti»
Lo specialista esprime la sua sorpresa per lo sviluppo della situazione, anche nel confronto con altri Paesi
SVIZZERA
1 gior
Un funzionario ha falsificato per nove anni dei moduli per gli aiuti statali
Oltre 1 milione di franchi è finito in modo ingiustificato a delle imprese private
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile