20Minuten
SAN GALLO 
10.04.21 - 13:320

Ieri sera niente disordini, ma 90 nuove espulsioni

Alcuni arrivavano da Berna o Lucerna. Molti erano minorenni

Era la quarta volta in due settimane che sui social network venivano lanciati appelli alla violenza e, in vista di altri disordini, la polizia era pronta e ben presente

SAN GALLO  - Non ci sono stati disordini o danni ieri sera a San Gallo nonostante alcuni incitamenti alla rivolta sui media sociali. Circa 90 persone sono state espulse dalla città. Alcune di loro erano venute fino da Berna o da Lucerna. Circa un terzo degli espulsi erano minorenni, riferisce oggi la polizia cantonale sangallese.

Era la quarta volta in due settimane che sui social network venivano lanciati appelli alla violenza e, in vista di altri disordini, la polizia era pronta e ben presente a San Gallo ieri sera. In altre città svizzere dove i giovani avevano indetto manifestazioni la situazione è rimasta calma.

Tutto ha avuto inizio verso la fine di marzo, quando la polizia comunale di San Gallo ha interrotto una festa illegale organizzata tramite i social network che si svolgeva sulla collina di Drei Weieren, dove un centinaio di giovani si erano riuniti consumando alcolici e ascoltando musica. La polizia era riuscita a disperdere rapidamente e senza difficoltà il raduno, che fra l'altro non rispettava le disposizioni per lottare contro il coronavirus. In seguito i giovani si erano spostati nel centro città, creando un raduno di circa 250 persone. Si sono poi verificati scontri con la polizia e atti di vandalismo.

Disordini e scontri tra giovani e la polizia di San Gallo si sono poi ripetuti nel fine settimana di Pasqua. Il Venerdì Santo da 300 a 350 giovani si sono riuniti sulla Piazza Rossa e nei dintorni. La situazione è degenerata, e la polizia, che è stata attaccata dai giovani, ha usato colpi di gomma.

La maggior parte dei giovani giunti ieri sera a San Gallo non vive nella città, ma in altre parti della Svizzera orientale. Ce n'erano però anche in provenienza da Berna, Kriens, Lucerna o Landquart. Una quarantina di persone sono state fermate e interrogate per svolgere indagini su possibili reati, in particolare per l'inosservanza delle espulsioni pronunciate durante i disordini delle settimane precedenti, precisa un comunicato odierno della polizia cantonale. Durante i controlli, sono stati sequestrati una pistola scacciacani, materiale di mascheramento e droga.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
Berna
5 ore
NoVax che rifiutano le cure, avanti col testamento biologico
La consigliera nazionale Verena Herzog: «Non ha senso che i pazienti finiscano in terapia intensiva se non lo vogliono»
Zugo
9 ore
Aperta un'inchiesta preliminare contro la società di provider Mitto AG
Un dipendente avrebbe consentito a terzi di sorvegliare senza autorizzazione degli utenti di telefonia mobile
SVIZZERA
11 ore
Coronavirus, il 4% delle varianti analizzate corrisponde a Omicron
Si tratta dei dati relativi ai virus sequenziati nel corso dell'ultima settimana
ZURIGO
12 ore
Sedici anni di prigione per aver ucciso la fidanzata
I fatti sono avvenuti nel 2020 a Hombrechtikon, nel Canton Zurigo. Riconosciuto colpevole un 48enne polacco
SVIZZERA
13 ore
Obbligo di vaccinazione per gli equipaggi Edelweiss
Seguendo l'esempio di Swiss, ai dipendenti è stato dato tempo fino al 2022 per farsi vaccinare
FOTO
SVIZZERA
13 ore
La capsula futuristica dove si può morire da soli potrebbe presto arrivare in Svizzera
Ne è certa Exit International. Il dispositivo, che funziona senza farmaci, si può fare anche con una stampante 3D
SVIZZERA
15 ore
«Abbiamo toccato il record di casi da inizio pandemia»
Alta tensione nelle strutture ospedaliere: il Consiglio federale mette migliaia di militi a disposizione dei Cantoni.
SVIZZERA
15 ore
In Svizzera 9'571 nuovi contagi e 28 decessi in ventiquattro ore
Le unità di terapia intensiva sono piene all'80%. Il 31% dei letti è occupato da pazienti Covid
SVIZZERA
16 ore
Anziani, vaccinatevi!
È l'appello del Consiglio svizzero degli anziani
SVIZZERA
19 ore
Lunga vita alla radio FM
Una mozione chiede la disattivazione solo quando DAB e radio web avranno raggiunto una quota di mercato del 90%
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile