keystone
Aleksandar Vučić, presidente della Serbia, riceve la vaccinazione
SVIZZERA/SERBIA
07.04.21 - 18:590
Aggiornamento : 19:52

Svizzeri in Serbia per il vaccino

Il turismo delle vaccinazioni dopo la Russia ha scoperto i Balcani. L'ambasciatore: «Procedura semplicissima»

Non mancano i confederati che sono saliti su un aereo per Belgrado, con un test Pcr negativo e un appuntamento in ospedale. Costo del viaggio a parte, la somministrazione è gratuita

BERNA/BELGRADO - Il turismo dei vaccini porta gli svizzeri nelle destinazioni più insolite, almeno nel periodo pasquale. Dopo la Russia, che ha aperto agli stranieri le vaccinazioni con Sputnik V (le cliniche private la offrono per 2200 franchi viaggio incluso), ora è il turno della Serbia. Il paese balcanico ha ordinato oltre 14 milioni di dosi, due per ogni abitante. 

Sinopharm, Sputnik V, Biontech-Pfizer, Astrazeneca. Negli ospedali serbi le scorte non mancano, 2,6 milioni di cittadini hanno già ricevuto la prima iniezione e 1,1 milioni la seconda. Numeri doppi rispetto alla Svizzera, nonostante la differenza di popolazione (in Serbia vivono 6,9 milioni di persone). 

Così, non mancano i confederati che hanno approfittato della Pasqua o degli scorsi weekend per fare una "capatina" a Belgrado. Per la maggior parte, scrive il Blick, si è trattato di persone con doppio passaporto o di origini serbe, ma non solo. L'apertura vaccinale «è un segno di solidarietà, chiunque può registrarsi anche dall'estero» ha confermato al quotidiano l'ambasciatore serbo Goran Bradic. 

Presentare domanda è molto semplice, «basta compilare un modulo sul portale web del governo» spiega l'ambasciatore. L'inserimento dei dati dura tre minuti, ed è possibile indicare una preferenza sul vaccino desiderato. L'unico problema è che il modulo è in serbo. Gli appuntamenti vengono fissati con una mail di conferma entro tre giorni - in caso contrario «si consiglia di ritentare» - e il candidato dev'essere pronto a fare le valigie e presentarsi in loco con un test Pcr negativo. Per il resto, non deve pagare niente: la vaccinazione tramite il sistema sanitario nazionale è gratuita, anche per i turisti. 

Tra il 25 e il 28 marzo sono 22mila i visitatori che hanno ricevuto la prima dose in Serbia. «Provenivano per lo più dai paesi vicini, come Bosnia, Macedonia del Nord, Montenegro e Albania» ha spiegato Bradic. Il lunedì di Pasquetta è atterrato un volo dalla Cina con un rifornimento di mezzo milione di dosi di Sinopharm. Il vaccino cinese attualmente è il più diffuso nel paese, per un buon 70 per cento delle dosi somministrate. Il 9 per cento dei serbi ha invece ricevuto Sputnik V, e altrettanti AstraZeneca. Il 12 per cento infine Pfizer/Biontech. 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Svizzera
BERNA 
47 min
Numerosi Cantoni vaccinano dai 65 anni
Ci sono anche i più virtuosi, ma pure chi ha poche richieste e chi va a rilento.
SVIZZERA
48 min
«Viaggio in treno e con l'auto elettrica»
La pandemia è ancora sotto la luce dei riflettori. Ma la crisi climatica non è finita, ricorda Simonetta Sommaruga
VALLESE
1 ora
Ubriaco, costringe il treno a fermarsi e sale
L'uomo lavora per il produttore di vaccini Moderna.
SVIZZERA
5 ore
Vaccinare i giovani? «La priorità restano le persone a rischio»
Lo ha detto la responsabile Sezione malattie infettive dell'UFSP sollecitata in conferenza stampa
SVIZZERA
5 ore
Oltre 200mila vaccinazioni in una settimana
È la prima volta che si supera questa soglia da quando sono iniziate le somministrazioni.
SVIZZERA
5 ore
Altri 2 241 contagi in Svizzera, 10 morti
Altre 82 persone sono state ricoverate in ospedale. Il bollettino dell'UFSP
SVIZZERA
5 ore
Col covid gli adolescenti hanno riscoperto la TV
Per il 61% di loro la "vecchia" televisione è stata fra le principali fonti d'informazione.
FOTO
SVIZZERA
6 ore
Due monete svizzere nel Guinness dei primati
La Zecca federale Swissmint ha portato a casa due record mondiali per la numismatica.
ZURIGO
7 ore
Non tutti i medici di famiglia vogliono vaccinare, si rischiano ritardi
Pesa, da una parte, la retribuzione forfettaria garantita a ogni dose somministrata.
BERNA
8 ore
Protezione contro il terrorismo, in attesa del referendum
Nel settembre 2020 il Parlamento ha adottato la legge federale sulle misure di polizia per la lotta al terrorismo (MPT).
Copyright ©2021 - TicinOnline SA  WhatsApp |  Company Pages | Mobile Report

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile